Guarda il primo episodio del documentario di Brent Fikowski

3812
Thomas Jones
Guarda il primo episodio del documentario di Brent Fikowski

"Ci sono circa sei giorni dell'anno che sono piuttosto eccitanti - le Regionali e i Giochi - a parte questo, è piuttosto basso."

Quello è Brent Fikowski che descrive la sua vita e quella frase racchiude praticamente l'uomo. Il bravo ragazzo schivo e il secondo in carica Fittest Man on Earth ™ è diventato il soggetto di una serie di documentari prodotti da Common Goal che hanno intitolato "All In", e ha intenzione di convincerti che non è così interessante.

Dopotutto, lo è ancora un contabile a tempo pieno e se abbiamo imparato qualcosa da tutti quei documentari su Mat Fraser è che le persone più in forma di CrossFit passano praticamente tutto il loro tempo ad allenarsi, mangiare, riprendersi, mangiare, allenarsi e allenarsi.

Ma in qualche modo Fikowski è un argomento piuttosto avvincente per quanto riguarda gli atleti CrossFit®. In uno sport in cui i migliori del meglio sono così risoluti e il loro stile di vita sembra così monotono che guardare documentari su di loro a volte ti fa desiderare di non averlo fatto, questo contabile riesce a sembrare un ragazzo di cui vuoi saperne di più.

[Leggi la nostra recensione di "The Redeemed and the Dominant", il documentario sui Reebok CrossFit Games dello scorso anno.]

Per un documentario su CrossFit c'è un bel po 'di ironia, in gran parte dallo stesso Fikowski. Ma mentre ammette che non si prende sul serio come i suoi fratelli americani, è chiaro che la sua mente finanziaria e contabile ha applicato sistemi e statistiche allo sport del CrossFit per produrre un approccio insolito allo sport. La nostra citazione preferita:

Il modo in cui funziona questo sport è che man mano che migliori sempre di più impari che ci sono queste differenze molto sottili tra Open, Regionals e Games, e come sono programmati.

Qualcuno l'ha paragonato all'hockey (…) tu vai, beh, l'hockey su pista dell'Open e poi le Regionali è l'hockey su ghiaccio e poi i Giochi è l'hockey su prato. Se sei un giocatore di hockey abbastanza bravo, probabilmente starai bene in tutti e tre, ma ci sono queste sottili differenze in ogni fase della competizione che potrebbero favorire un certo tipo di atleta.

E quindi per me, farò meglio con il progredire della stagione, in genere, contro questo pool di atleti competitivi perché più la stagione va avanti più gli allenamenti diventano distribuiti. Dato che devi coprire una distanza maggiore, l'altezza gioca un ruolo. Ho un background nel nuoto, quindi ho la certezza di avere un buon risultato in almeno un evento dei Giochi.

(Nella) mia formazione mi concentro decisamente sul raggiungimento del picco nelle Regionali e sul raggiungimento di un secondo picco ai Giochi, invece di assicurarmi di essere davvero in forma agli Open e poi cercare di mantenerlo per 6 mesi.

Il ragazzo ha un approccio matematico allo sport, che è di nuovo in mostra quando descrive la strategia che ha usato per schiacciare 18.1. (Quell'allenamento inizia alle 13:45 circa, parla di strategia alle 16:44 circa.)

O trovi quel genere di cose interessanti o non lo fai, ma se lo fai fatto, sembra che ce ne siano molte altre in questa serie in arrivo.

Immagine in primo piano tramite STORYHIVE su YouTube.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.