Apporta questa modifica per migliorare immediatamente la tua camminata in verticale

4552
Yurchik Ogurchik
Apporta questa modifica per migliorare immediatamente la tua camminata in verticale

L'Event 11 dei CrossFit Games 2016 sarà una passeggiata verso il traguardo. In particolare, una camminata in verticale fino al traguardo.

Secondo il post sorprendentemente specifico di Castro (il che probabilmente significa che ci sarà qualche svolta coinvolta), l'evento consiste in una camminata in verticale di 280 piedi per il tempo. La specificità di "280 piedi" ha portato alcuni a credere che ci saranno altri 5000 piedi di esercizio per l'Evento 10, quindi i due eventi combinati si arrotonderanno a un bel 5280 piedi, o un miglio.

Una foto pubblicata da @thedavecastro il

Sebbene le passeggiate in verticale siano state un punto fermo a livello regionale e di giochi dal 2014, siamo sempre sorpresi dal numero di atleti che lottano. Per molti, la camminata invertita non è un movimento naturale, ma la maggior parte è abbastanza forte da sbuffare. Lo vediamo anche negli atleti di tutti i giorni. Molti si sentono a proprio agio tenendo una verticale contro un muro, ma chiedi loro di camminare e non calcola.

Nonostante la pletora di tutorial e progressioni trovati su Internet, c'è un indizio che viene spesso trascurato: il posizionamento delle mani. Per gli atleti che hanno la forza di mantenersi sottosopra, non hanno paura di essere sottosopra, ma non riescono ancora a camminare, scopriamo che alterare il posizionamento delle mani risolve più problemi di camminata in verticale rispetto a qualsiasi altra soluzione rapida. Lo spunto è semplice e sottile: ruota le mani verso l'esterno in modo che i pollici siano rivolti in avanti e le dita siano rivolte lateralmente.

Per alcuni atleti, ruotare leggermente le mani è intrinseco. Lo fanno e non devono mai pensarci. Di solito sono i "naturali"."Per altri, è qualcosa a cui pensare fino a quando non diventa radicato. Quindi, perché questa correzione aiuta?

Se torniamo alle progressioni della verticale, alle persone viene generalmente insegnato a mettersi a proprio agio prima nella posizione di flessione, e poi alla fine quella posizione si traduce in una verticale. In una posizione di flessione, le dita sono rivolte in avanti, e così vale per le progressioni in verticale contro il muro e più tardi, per il bilanciamento indipendente.  Quando gli atleti iniziano a imparare a camminare, gli allenatori molto spesso dicono loro di sentirsi come se stessero "cadendo" e di "riprendersi" per avere la sensazione di camminare. Tuttavia, la camminata in verticale e la tenuta in verticale sono due cose diverse, quindi dire agli atleti di "cadere" senza affrontare le differenze meccaniche nel posizionamento delle mani li mette immediatamente in condizione di fallimento e frustrazione.

In holding vs. camminando, le mani ei polsi funzionano in modo diverso: in una presa in verticale, le mani ei polsi sono lì per stabilizzarsi ed equilibrarsi. Non hanno bisogno di muoversi, quindi li vuoi nella posizione più stabile, che sono le dita rivolte in avanti, l'avambraccio impilato ad angolo perpendicolare al palmo della mano.  In una camminata in verticale, le mani ei polsi aiutano il corpo a muoversi nello spazio, quindi dobbiamo ottimizzare la gamma di movimento. Le dita rivolte in avanti rappresentano improvvisamente un problema perché non solo sono letteralmente di ostacolo, ma l'articolazione del polso stessa colpisce il suo limite.

Sperimenta questa teoria mettendoti in ginocchio con le dita rivolte in avanti. Oscilla avanti e indietro, tenendo i palmi piatti a terra e nota come c'è un limite all'angolo dell'articolazione del polso. Ora, ruota le mani verso l'esterno, di circa 30 gradi, in modo che i pollici siano rivolti in avanti. Nota come aumenta la gamma di movimento. Se stai camminando in verticale, vuoi la libertà di compiere passi senza raggiungere i limiti delle tue articolazioni. Anche togliere le dita aiuta, è fondamentalmente la differenza tra camminare con scarpe da clown e camminare con scarpe che si adattano.

Tutto questo risale a "cadere."Per camminare in modo efficace, l'atleta deve" cadere "in modo che il suo peso corporeo si sposti davanti delle mani. Il corpo va per primo e le mani raggiungono. Se l'angolo tra i palmi e l'avambraccio è maggiore di 90 gradi, il corpo è per definizione dietro le mani e non può "cadere" correttamente. Non puoi camminare se il corpo non "cade" nella giusta direzione.

Qui è dove gli atleti che sono abbastanza forti possono farsi strada attraverso una camminata in verticale. Piegano le ginocchia e i gomiti e contorcono i loro corpi in curve come uno scorpione in modo che abbastanza del loro peso si muova nella giusta direzione. È assassino sulla schiena e affatica le spalle. Anche il modello di Castro, Dan Bailey, sembra che stia precariamente Frankenstein lungo il campo di calcio. 

È solo quando l'angolo tra il palmo e l'avambraccio è inferiore a 90 gradi che il corpo si sposta sulle mani, permettendogli di "cadere" in modo che l'atleta possa camminare.  Non appena l'atleta si rende conto di questa differenza, è tutta questione di fede e resistenza muscolare rispetto alla forza bruta.

Un video pubblicato da Makenna Presley🇺🇸 (@makennapresley) su

Ecco un ottimo esempio. A sinistra, le dita dell'atleta maschio sono rivolte in avanti. Ha chiaramente la forza per cavarsela, ma deve lavorare molto più duramente per "calpestare" fisicamente le sue dita ogni volta, il che significa che sta barcollando avanti e indietro su ogni mano invece di attraversare la sua gamma di movimento. Le sue gambe si agitano per bilanciarsi e deve sollevare le mani di qualche centimetro dal pavimento per muoversi.

A destra, la ragazza ha le dita ruotate leggermente verso l'esterno ed è quindi in grado di muoversi attraverso il suo raggio di movimento. È molto più stabile e sembra che stia camminando invece di barcollare, e deve solo alzare le mani di un centimetro o giù di lì per andare avanti.

Come abbiamo detto, questo è un cambiamento semplice e sottile, ma quando si tratta di camminare in verticale, sono le piccole cose che fanno la differenza.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.