Cosa c'è in serbo per l'atleta di CrossFit Games e l'allenatore NPGL Frederik Aegidius

4417
Yurchik Ogurchik

Dopo quasi otto anni nel fitness competitivo, ho avuto la fortuna di incontrare centinaia di grandi atleti e allenatori a tutti i livelli. Man mano che le competizioni di fitness si sono evolute e sono passate agli sport per spettatori a pieno titolo, alcune personalità si sono distinte dal resto. Per me, una di queste persone è Frederik Aegidius, un atleta e allenatore danese che colma il divario tra le prestazioni personali e l'insegnamento agli altri come pochi hanno fatto.

Frederik è forse meglio conosciuto come atleta multi-tempo dei CrossFit Games, gareggiando nel 2012 e nel 2013 (dove il suo miglior piazzamento è stato 15 °). È anche il fidanzato, compagno di allenamento, allenatore e motivatore quotidiano di Annie Thorisdottir, due volte campionessa dei Giochi (ma ne parleremo più avanti). 

Mi sono allenato sporadicamente con Frederik per un paio d'anni, ma la mia principale interazione professionale con lui è avvenuta attraverso i rinoceronti di New York dell'NPGL, dove attualmente è Head Coach e io sono General Manager. Mentre ero capo allenatore durante la stagione inaugurale del campionato 2014, sono passato a un ruolo manageriale l'anno scorso quando Frederik è arrivato a guidare l'allenamento della squadra e la strategia in GRID. L'occhio e l'esperienza di Frederik portano molto in tavola. Inoltre, con una laurea in gestione dello sport alla NYU, sono stato felice per l'opportunità di mostrare le mie capacità su quel lato delle operazioni della squadra. 

Di recente mi sono seduto con Frederik per parlare di CrossFit, GRID e bilanciare gli obiettivi atletici personali con il potenziamento degli altri come allenatore. La nostra conversazione ha toccato una vasta gamma di punti - compreso il suo principale concorso per Regionali - ed è presentato qui nella sua interezza, leggermente modificato per leggibilità.

"Le pompe sono sempre la scelta giusta ..." - fonte sconosciuta @reebok @nfsports_ #pumpsforeverything #therealpump #classic #alwaysinstyle

Una foto pubblicata da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) il

Raccontami qualcosa su come passare al coaching GRID.

Per me, il passaggio a GRID è stata una cosa molto naturale. Fin da quando ho praticato sport sin dalla tenera età, ho voluto fare quel salto, prendere le persone sotto la mia ala protettrice e allenarle per essere atleti migliori. Anche quando ho iniziato a giocare a pallamano quando avevo sette anni, giocavo, ma cercavo di rendere migliori tutti quelli intorno a me. Potrei essere al limite odioso, a volte!

Quella mentalità è andata avanti, soprattutto da quando ho fatto CrossFit. Lavorando con Annie, sono stata la sua allenatrice pratica quotidiana per gran parte della sua carriera. Mi sentivo come se fosse la transizione naturale per tornare agli sport di squadra a cui sono stato assente per quattro anni da quando ho smesso di giocare a football americano.

Mi è piaciuto tornare su questo punto, capire come le persone possono unirsi per creare la migliore unità possibile in GRID.

Cosa ti ha fatto scegliere di essere un allenatore contro un atleta, perché facilmente avresti potuto essere un atleta con le tue abilità e la tua esperienza? Sei stato più volte ai CrossFit Games, sei uno dei migliori atleti CrossFit al mondo.

Essere un atleta ha molto a che fare con il fatto che POSSO in questo momento, ma la mia vera passione è sicuramente l'allenamento. Mi piace fare domande, perché lo facciamo? Perché lo facciamo in questo modo? Capire perché le cose sono messe insieme come sono nel mio allenamento di fitness mi ha dato la prospettiva di allenare gli altri. Mi rende più facile vedere i piccoli dettagli che gli altri potrebbero non considerare, che gli atleti stessi potrebbero perdere di tanto in tanto.

Aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi di fitness e competizione mi dà un immenso livello di soddisfazione. Nel complesso, soprattutto durante il secondo anno di Grid, mi sono reso conto di avere più contributi come allenatore a bordo campo.

Qual è stata la più grande sorpresa nell'allenare GRID rispetto ad altri sport che hai praticato?

Quando vai da un ambiente individuale e vai a uno sport di squadra, sei sempre sorpreso di quanto viene deciso dalla squadra rispetto alla somma dei singoli. Non puoi mettere tutti i migliori atleti in una stanza e aspettarti che lavorino come un'unità.

Ho praticato sport tutta la vita e non riesco a immaginare di non essere attivo. Pallamano dall'età di 8 anni, calcio da quando ho compiuto 14 anni e Crossfit da quando avevo 21 anni. Ho lasciato il calcio nel 2013 e mi sono perso la SQUADRA e il cameratismo che porta. Ora @gridleague ha preso il suo posto e non potrei essere più eccitato. Lavorare con atleti d'élite, mettere insieme tutti i pezzi e lavorare come un'unità - @newyorkrhinos sarà una forza #rhinomight #gorhinos #soundthehorn #neverquit @ rachelsimone320 @ lizadams21 @dani_sidell @tinaangelotti @nora.koppel @sb_phillips @lindsleym @ 15branbran15 @ager_bomb @elijahezmuhammad @andrew_rape @theirvingh @ nbloch37 @ weskitts22 @ trev_james92 @mcgshrugged @ronmathews @cliffkohut

Una foto pubblicata da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) il

Capire quali personalità si mescolano e si abbinano - e quali non si mescolano - è importante, capire come mantenere quelle personalità unite e non scontrarsi.

Conosco molti atleti che provengono da un background CrossFit hanno avuto difficoltà in quella transizione. È più facile per alcuni che per altri, ovviamente. Assicurarsi che tutti andassero d'accordo, quasi essere l'insegnante di prima elementare, è stata una parte sorprendentemente importante del controllo e della guida di una squadra.

So che entrambi abbiamo praticato sport di squadra per gran parte della nostra vita e siamo abituati a quella dinamica. Ma nel fitness, questo è raramente il caso. Pensi che ogni atleta di fitness di alto livello, forse gli atleti dei CrossFit Games, sarebbe adatto per una squadra?

Tutto dipende, c'è un posto per tutti, indipendentemente dal tipo di personalità. Ma tutto dipende dallo stile di allenamento e dal modo in cui è composta la squadra. Se guardi attraverso l'NPGL, vedrai diversi stili e varianti di coaching. Non penso che ci sia nessuno nella comunità CrossFit che non sarebbe adatto a QUALSIASI squadra, ma sicuramente richiede l'allenatore e il GM giusti per assicurarsi che non ci sia troppa frizione.

Abbiamo un buon rapporto come allenatore e GM. Ma quanto possono essere problematiche le disconnessioni tra queste due figure?

I giocatori lo sentiranno immediatamente. È come in una famiglia in cui mamma e papà litigano. Le cose scenderanno sui ragazzi, per così dire, specialmente in questi sport di squadra. La strategia dell'ufficio di gestione deve essere allineata con ciò che l'allenatore è interessato a fare sul campo, altrimenti il ​​GM potrebbe scegliere giocatori casuali che non rientrano nello schema dell'allenatore.

Rende il mio lavoro molto più facile avere fiducia in un allenatore! Cambiando marcia adesso, quale sarà il futuro di GRID e NPGL?

Penso che il futuro di GRID sia luminoso, specialmente su U.S. mercato. Nella U.S., dopo la tua carriera atletica al college, generalmente diventi un professionista o smetti di fare sport. Vedo questa come una grande opportunità per molti atleti NCAA che non sono stati abbastanza fortunati da fare il taglio per passare ai professionisti. Ora avranno una seconda opportunità per mostrare ciò di cui sono capaci.

La coerenza è la chiave. Possa il @crossfitgames Open essere pesante e lungo. # 5settimane5allenamenti #fittest #lotsofwork #sudore #allthereps

Un video pubblicato da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) su

Il fatto che ci siano così tanti elementi diversi nello sport del Grid e che sia ancora in via di sviluppo consentirà a più atleti di entrare ed esplorare il loro vero potenziale. Vedo le ginnaste NCAA entrare in campionato e dominare. Fino a questo punto, abbiamo preso atleti principalmente da background CrossFit, perché questo è il mercato principale a cui si presta attenzione GRID. Ma man mano che cresce come sport e guadagna più attenzione da parte dei media, sempre più atleti cercheranno questa strada e vedremo una crescita da lì. Cioè, finché il nostro prodotto finale continuerà ad essere un gioco interessante da guardare in TV, e sono sicuro che lo sarà.

Se guardi qualcuno come Wes Kitts, è un ottimo esempio. Penso che vedrai persone provenienti da ambienti calcistici e da ginnastica. Hai persone come James Townsend, Willis McGahee, atleti che non erano necessariamente i migliori al CrossFit, ma possono eccellere in una o poche cose.

Quando giocavo a calcio o tu giocavi a calcio, ci siamo concentrati sull'essere i migliori nelle nostre posizioni. Un punto debole può tenerti fuori dai giochi CrossFit. Ma puoi ancora eccellere in qualcosa come GRID.

L'obiettivo di GRID è riunire 14 persone per creare un'unità imbattibile, non riunire 14 persone ciascuna abbastanza brava in tutto.

Il primo anno, la maggior parte degli atleti di fitness di alto livello è stata in grado di tenere il passo con tutti gli elementi in GRID. Ma anche durante il secondo anno non c'era modo. Di nuovo, guardi qualcuno come Wes Kitts, è semplicemente troppo forte. Il treno ha lasciato il binario e non credo che si possa tornare indietro.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2016 nel NPGL?

Per vincere il trofeo Pinnacle, assolutamente. Per vincere un campionato. Ma anche per creare un prodotto che sia così desiderabile da non poter tenere lontani gli sponsor. Penso che ci sia così tanto potenziale in questo sport e vedo un grande futuro se riusciremo a raggiungere le persone giuste. Lo sport funziona perfettamente per il mercato americano, per le scommesse sportive, per i telespettatori, anche per le persone che non si allenano. Undici vincitori in due ore? Cosa non è da amare.

Quali sono i tuoi obiettivi personali come atleta per il 2016?

Il mio obiettivo è vincere la regione europea - immagino che ora si chiami Meridian Region - e tornare ai Giochi, dove voglio finire più in alto rispetto all'ultima volta che sono stato lì. Sono arrivato 15 ° nel 2013, ho perso i Giochi negli ultimi due anni per un posto, quindi tornare lì è importante per me. Voglio mostrare a tutti cosa posso fare.

Ricorda ciò che conta #friends #family #love #neverquit

Una foto pubblicata da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) il

Stai uscendo da una grande offseason. Secondo nella Dubai Fitness Challenge a Noah Ohlsen, che ha vinto l'Open. Poi sei andato molto bene al Kill Cliff ECC, e hai battuto l'Open, la tua migliore prestazione lì.

Mi sento più forte che mai ei miei polmoni si sentono molto, molto forti. La preparazione è stata un po 'diversa quest'anno, l'attenzione non è sulla forza assoluta ma piuttosto sulla capacità sotto pressione e sulla capacità di lavorare anche quando sei affaticato. Riuscire a respirare è la priorità numero uno.

Il giorno 5/6 a @dxbfitnesschamp è terminato e manca solo un giorno in più di duro lavoro. Dubai ci sta trattando incredibilmente bene e non vedo l'ora di esplorare questo posto quando avremo finito domani. Grazie a tutti coloro che stanno rendendo possibile questa competizione e a tutte le persone che stanno rendendo il mio soggiorno il più piacevole possibile! @hhsheikhmajid @ mattcoe100 @saudalshamsii @kikiforcrossfit @crossfitgoldbox @nourishingdubai @wildandthemoon Foto: @ambitiousphotography

Una foto pubblicata da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) il

E questo viene da Brian Mackenzie?

Sì, ho lavorato molto con lui. Ed è qualcosa che so che vuole portare alle masse, alcune delle lezioni e degli allenamenti da cui abbiamo visto i risultati durante la bassa stagione.

Svolgi anche un ruolo cruciale nel successo e nell'addestramento di Annie Thorisdottir. Sei il suo allenatore pratico in molti modi.

Apprezza le piccole cose e le grandi cose che trascorro ogni giorno facendo ciò che amo con la persona che amo. Tutti dovrebbero sforzarsi di provare questa sensazione il più spesso possibile, questo è ciò che rende la vita degna di essere vissuta. #bemorehuman #Emirates #Burjkhalifa @xdubai @reebok @nfsports_

Una foto pubblicata da Frederik Aegidius (@frederikaegidius) il


Annie e io ci alleniamo come partner negli ultimi cinque anni, negli ultimi tre anni praticamente ogni giorno. Questo ti dà un'idea non solo delle capacità fisiche dell'atleta, ma anche delle capacità mentali. Sarò onesto, non molte coppie riescono a sopportare quell'intimità. Ma ci siamo riusciti e mi ha permesso di allenarla a un livello più sfumato e intimo del normale. Puoi leggere i piccoli segni, puoi vedere le piccole cose che altre persone potrebbero non cogliere prima è troppo tardi.

Conosco i suoi schemi di movimento, so quando inizia ad essere affaticata, so quando può fare di più. Sono in grado di spingerla al limite e, allo stesso tempo, lei mi spinge, perché non voglio perdere!

Un'altra domanda per te, e potrei già conoscere la risposta. Chi vedi come la tua più grande competizione nei CrossFit Regionali di quest'anno?

Sarebbe Jonne Koski. Una Jonne Koski senza infortuni!

Penso che sia fattibile!

Lo penso anch'io!


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.