Guarda il documentario di VICE sulle lotte dei powerlifter transgender

851
Joseph Hudson
Guarda il documentario di VICE sulle lotte dei powerlifter transgender

Nota del redattore: in una versione precedente di questo articolo, un'istanza di "USA Powerlifting" è stata erroneamente scritta come "USA Weightlifting." Ci scusiamo per l'errore.  

A gennaio, USA Powerlifting ha pubblicato sul proprio sito web una "Politica di partecipazione transgender" in cui si afferma che l'inclusione di atleti transgender, siano essi maschio a femmina o da femmina a maschio, "compromette il fair play."

Una powerlifter donna transgender, Jaycee Cooper, è stata in prima linea nella controversia dopo che le è stata negata la possibilità di competere in Minnesota al suo primo raduno USAPL approvato. Alcuni media hanno sospettato che il divieto di USAPL fosse in risposta a Cooper, perché la stessa settimana le è stato detto che non era idonea a competere, USAPL ha annunciato il divieto.

Cooper aveva controllato a fondo il regolamento di USAPL al momento della partecipazione all'incontro, ma un mese prima della competizione le era stato detto che non avrebbe gareggiato. Questa settimana, VICE ha pubblicato un documentario che copre la storia di Cooper e segue il viaggio degli atleti trans che reagiscono.

Nel film, Cooper parla di come si è sentita quando ha scoperto di non poter partecipare all'incontro.

"Delusione", dice all'1: 50 del video, "E anche di non essere completamente sorpresa dal modo in cui le donne trans e le persone trans femminili vengono trattate nello sport."

A febbraio, agli USA Powerlifting's Minnesota State Championships, l'incontro non è stato autorizzato a sollevare Cooper, membri della palestra di powerlifting Il movimento Minneapolis è andato 0 per 9. Erano in piedi sulla piattaforma e non hanno eseguito i loro ascensori per protestare contro la politica della USAPL sugli atleti transgender.

Quando le viene chiesto nel documentario se pensa di dover essere in grado di competere, Cooper risponde con sicurezza, "Assolutamente" alle 2:03. "Perchè no? Ho seguito tutte le regole che hanno portato alla competizione, e le mie convinzioni a parte questo dovrebbero essere sufficienti."

Il documentario presenta anche la bioetica Katrina Karkaziz, che lavora sul testosterone e sui regolamenti sui test sessuali nello sport.

Le persone vogliono fare queste ampie generalizzazioni, (come) le donne trans hanno un vantaggio, ma sarà sempre molto più complicato di così (...) (il testosterone) non è necessario o sufficiente per spingere un atleta ad essere al livello più alto, quindi non puoi presumere che le persone con i più alti livelli di testosterone stiano meglio.

[Ulteriori informazioni sul powerlifting transgender con una guida alle federazioni inclusive]

Il presidente dello stato del Maryland di USAPL, Michael Sichelman, afferma nel video che: "Si tratta di una questione di fair play basata sui nostri principi che sono stati a lungo in vigore per quanto riguarda l'uso di droga. Niente di più che non posso dire, non sta a me dirlo."

"Ci meritiamo un posto anche nello sport", dice Cooper alla conclusione del video. “Nei principi fondamentali dell'Olimpismo riconoscono che lo sport è un diritto umano. Le persone trans ottengono i diritti umani? La risposta è si."

Immagine in primo piano dal canale YouTube di Vice News.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.