USA Powerlifting bandisce gli atleti transgender dalle competizioni

1959
Jeffry Parrish
USA Powerlifting bandisce gli atleti transgender dalle competizioni

USA Powerlifting ha pubblicato un post sul proprio sito web intitolato "Transgender Participation Policy" in cui si afferma che l'inclusione di atleti transgender, siano essi maschio a femmina o da femmina a maschio, "compromette il fair play."

Il testo completo è di seguito, si noti che il grassetto è stato aggiunto dalla redazione di BarBend.

USA Powerlifting è un'organizzazione inclusiva per tutti gli atleti e i membri che rispettano le sue regole, politiche, procedure e statuti.  USA Powerlifting non è adatto a tutti gli atleti e ad ogni condizione o situazione medica.  Semplicemente, non tutti i powerlifter possono competere negli USA Powerlifting.

USA Powerlifting, come affiliato nazionale della International Powerlifting Federation (IPF), ha adottato e segue le politiche definite dal Comitato Medico IPF che hanno un impatto sulla partecipazione di individui transgender a eventi sanzionati da USA Powerlifting.

Due aree di impatto politico su tale partecipazione:

Il primo ha a che fare con l'uso di testosterone o altri androgeni, comunemente usati per aiutare nella transizione da femmina a maschio.  In virtù della natura anabolica di questi composti, non sono consentiti, né viene concessa un'esenzione per uso terapeutico per tale uso a nessuno.  Questo vale per tutte le condizioni mediche, che potrebbero essere trattate attraverso l'uso di androgeni.

La seconda area prevede la partecipazione di concorrenti maschili e femminili.  Attraverso l'analisi l'impatto della maturazione in presenza di androgeni naturali come il livello necessario per lo sviluppo maschile, si ottengono vantaggi significativi, inclusi ma non limitati all'aumento della massa corporea e muscolare, della densità ossea, della struttura ossea e del tessuto connettivo.  Questi vantaggi non vengono eliminati dalla riduzione degli androgeni sierici come il testosterone, producendo un potenziale vantaggio negli sport di forza come il powerlifting.

L'IPF ha aggiunto l'accettazione delle Linee guida del Comitato Olimpico Internazionale sull'inclusione delle persone transgender nelle competizioni.  Tuttavia, le linee guida del CIO consentono anche agli sport di determinare l'impatto sul fair play attraverso tale inclusione.  La Commissione Medica dell'IPF, pur rispettando i diritti di coloro che scelgono la transizione, è stata coerente nel suo parere l'uso del testosterone e la partecipazione di atleti transgender di sesso maschile e femminile nel nostro sport compromettono il fair play.

Mentre altri sport e attività e altre organizzazioni di powerlifting possono scegliere una diversa interpretazione dell'impatto sulle loro rispettive attività competitive, USA Powerlifting continuerà a seguire le politiche definite dal Comitato Medico IPF.  Se, o quando l'appartenenza a USA Powerlifting, attraverso i processi di governance come definiti nella Costituzione e negli Statuti della nostra Federazione, sceglie di affrontare queste politiche, la loro interpretazione e aderenza ad esse potrebbe cambiare.

La USAPL è un'affiliata della International Powerlifting Federation, sebbene l'IPF abbia adottato le regole del Comitato Olimpico Internazionale per quanto riguarda gli atleti transgender, che consente loro di competere a condizione che i loro ormoni siano entro intervalli normali. Alla loro assemblea generale nel 2017, l'IPF ha osservato che coloro che passano da femmina a maschio possono competere nella categoria maschile senza restrizioni e che coloro che passano da maschio a femmina potevano competere se,

il suo livello totale di testosterone nel siero è stato inferiore a 10 nmol / L per almeno 12 mesi prima della sua prima competizione (e che) Il livello totale di testosterone nel siero dell'atleta deve rimanere inferiore a 10 nmol / L per tutto il periodo di idoneità desiderata per competere in la categoria femminile.

Alcuni media hanno scritto che questo è il risultato dei tentativi di powerlifter femminile transgender di JayCee Cooper di competere nell'USAPL. Questa settimana le è stato detto che non era idonea per la concorrenza e non molto tempo dopo che è diventato chiaro che la USAPL non aveva tale politica, la loro "Politica di partecipazione transgender" è stata pubblicata sul loro sito.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.