Allenamento, maternità e Krav Maga con l'Atleta Maestri Tina Angelotti

4505
Thomas Jones

Di tanto in tanto, parlo con persone nella nostra comunità di fitness che ne sanno molto di più sul fitness di quanto io e te lo faremo mai. Quando ciò accade, mi siedo e imparo da quello che hanno da dire.

Recentemente ho avuto la possibilità di parlare con la 42enne Tina Angelotti, che non è solo la direttrice del fitness del Krav Maga Worldwide, ma è anche un'atleta di fitness funzionale. Più di recente, Angelotti ha trascorso due stagioni come specialista di ginnastica nel roster New York Rhinos e nel 2015 si è piazzato in cima alla classifica Masters per la serie CrossFit Team come parte del Masters of LA.

Inoltre, ha realizzato tutto questo in fretta dopo aver avuto il suo primo figlio, Maddie, all'età di 40 anni.

Sì, è ora di stare zitto e ascoltare, perché chiaramente, Tina ha capito qualcosa.

Sei nel Krav Maga da quasi 20 anni e nel fitness funzionale da sette. Ovviamente sei un atleta straordinario, ma come è successo tutto questo??

Ero una ginnasta. Quando ho smesso di gareggiare, ho iniziato ad allenare. Ho allenato tutti i livelli da Mommy & Me alle cheerleader, dalle classi per adulti alla squadra competitiva. Alla fine, ciò porta a lezioni di allenamento personale e di gruppo come aerobica ad alto impatto, poi step aerobica e poi lezioni di spinning e scultura.

Mentre lo facevo, sapevo di avere il desiderio di saperne di più sul movimento. Sono tornato a scuola per studiare chinesiologia. Ho lavorato come formatore attraverso la scuola e sono stato in grado di applicare ciò che stavo imparando a scuola direttamente al lavoro.

Quando Tae Bo divenne molto popolare, una delle ragazze che era una delle istruttrici di Tae Bo più famose era un'istruttrice della palestra in cui insegnavo. Aveva un pass esclusivo per insegnare a Tae Bo una volta alla settimana. La classe aveva circa 200 persone. Mi piaceva l'allenamento e mi piaceva l'intensità, ma non mi sentivo davvero come se sapessi cosa stavo facendo. Mi agitavo e non mi piaceva come mi faceva sentire. Sapevo che mi sarebbe piaciuto imparare a tirare pugni e calci e capire come applicarlo a un formato di esercizi di gruppo.

Proprio mentre stava succedendo, sono stato presentato a un proprietario al Krav Maga. Volevano introdurre un programma un po 'come Tae Bo, ma avevano il mio stesso problema in quanto volevano che la classe fosse più specifica per le tecniche di percussione. Così, ho iniziato a fare dei privati ​​con il proprietario che mi ha insegnato a prendere pugni e calci. Ho preso quello che ho imparato e l'ho applicato alla musica. Era una classe di esercizi di gruppo coreografata a 8 conteggi che applicava anche la tecnica dei pugni: come stare in piedi, come rinculare. Alla fine è stato un corso di grande successo. È così che mi è stato presentato il Krav Maga.

Un video pubblicato da Tina Angelotti (@tinaangelotti) su

Che cosa ti interessava nel Krav Maga?

Una volta coinvolto, sono diventato più interessato ai principi e al lato di autodifesa del Krav Maga. Mi piace che anche se è considerata un '"arte marziale", non è in cima alla "arte."È alto sulla" marziale."Non è carino e non è grazioso, ma è davvero pratico per la strada.

Non c'è alcun senso che tutto debba essere fatto in un modo. È più di qualsiasi cosa funzioni meglio per la tua taglia, la tua forma, la tua forza. Non è mai lo stesso e si evolve sempre con qualunque cosa stia succedendo nel mondo.

Come sei finito a coinvolgere CrossFit?

Ho iniziato a lavorare al Krav Maga 19 anni fa. Nel corso degli anni, sono passato al lato fitness [del Krav Maga] perché è intenso e duro per il corpo. Stavamo facendo molti allenamenti con kettlebell e movimenti a corpo libero. Ci stavamo già muovendo in una direzione [simile a CrossFit.]

Qualcuno mi ha fatto conoscere CrossFit circa sette anni fa, quando avevo 35/36 anni. Non avevo mai usato un bilanciere, quindi dovevo andare e imparare tutte le cose del bilanciere. Non appena mi sono sentito competente in questo, abbiamo imparato a incorporare CrossFit nei programmi di fitness Krav Maga. Certo, più ho iniziato a fare CrossFit più sono stato coinvolto dal lato della competizione perché tutta la mia ginnastica si applicava così bene. È stato a mio vantaggio per molto tempo, almeno fino a poco tempo fa. Non riesco a credere a quello che stanno facendo tutti adesso.

Un video pubblicato da Tina Angelotti (@tinaangelotti) su

Parliamo di essere un atleta maestro. Adesso hai 42 anni e sappiamo tutti che la risposta del corpo all'attività atletica cambia nel tempo. Per qualcuno che è stato atletico per tutta la vita, come affronti mentalmente i limiti fisici di non essere in grado di recuperare così rapidamente?

[Affrontare questo] è diventata la parte più importante del mio allenamento, perché quando il mio corpo fa male e fa male, non mi piace l'allenamento. Non voglio allenarmi per evitare il dolore. Voglio allenarmi per sentirmi forte e potente ed essere in grado di spingere.

Devo concentrarmi sul dormire a sufficienza, perché se non mangio abbastanza, tutto fa male. Faccio anche più cose con i tessuti molli, l'ammostamento, lo stretching e la mobilizzazione. Più recentemente - e questo davvero, davvero, aiuta - ho incorporato più esercizi per uomini forti specifici di CrossFit come trascinare oggetti pesanti, trasportare il giogo, camminare degli agricoltori, sprint dei predoni. Tutta quella roba che non richiede tanto stress sulle articolazioni, ma sei comunque in grado di diventare forte, lavorare sui sistemi energetici, lavorare con intensità e non sentirti come se fossi dolorante e dolorante e semplicemente abbattuto.

Nell'ultimo anno, [quegli esercizi] sono stati davvero utili per continuare ad andare ad alto livello. Tuttavia, non sto facendo tante cose tradizionali di CrossFit con il bilanciere. Ho sentito che nel tempo il bilanciere stava causando più danni strutturali. Faccio ancora il lavoro con il bilanciere, ma non così frequentemente.

È difficile come atleta esperto iniziare a imparare i muscoli o iniziare a imparare le farfalle. C'è un periodo di apprendimento, in cui se le cose non vanno bene - quando combini un'alta velocità con il non avere il giusto schema motorio e non sapere dove dovrebbe essere il tuo corpo a che ora - è allora che le cose possono andare storte. Fortunatamente, avevo già l'abilità prima di diventare un atleta maestro, quindi ora si tratta di essere in grado di rimanere condizionato invece di impararlo per la prima volta.

Un video pubblicato da Tina Angelotti (@tinaangelotti) su

C'è mai stato un punto nella tua carriera in cui il tuo corpo ti ha deluso in un modo sorprendente o particolarmente deludente?

Penso che se avessi partorito a vent'anni, tornare non sarebbe stato così difficile. Ho avuto Maddie quando avevo 40 anni. Tornare all'allenamento dopo averla ricevuta ha richiesto molto più tempo di quanto pensassi e molto più tempo rispetto agli atleti più giovani di me. Averla e tornare indietro, è stato così sconfitto. Mi chiedevo se volevo farlo ancora. Non volevo farlo, ma era quasi inevitabile.

Ho finito per costringermi ad allenarmi perché l'ho avuta a settembre, e poi l'Open è arrivato cinque mesi dopo. Sono saltato nell'Open e ho spinto forte. Subito dopo, è arrivata la prima mietitrebbia per la NPGL. La prima mietitrebbia è entrata nella seconda, poi sono stato ingaggiato e poi è andata in campo di addestramento. Per tutto il tempo è stato solo andare, andare, andare. Veloce. pesante. Difficile.

Alla fine della prima stagione, tutto il mio corpo ... ogni singola articolazione faceva così male. Soffrivo costantemente. Era difficile affrontarlo mentalmente, perché volevo lavorare e volevo fare bene. Ho dovuto prendermi 3 mesi di pausa dopo.

Hai trascorso due stagioni come uno degli oltre 40 atleti sui New York Rhinos, ma recentemente abbiamo scoperto che l'NPGL era eliminando il requisito 40+. Come ti senti riguardo al cambiamento?

È deludente. Mi piaceva far parte di quella squadra e stare con gli atleti più giovani. È stato stimolante poter stare con quegli atleti e allenarsi con loro. Penso anche che sia positivo per gli spettatori poter vedere gli atleti più anziani là fuori con gli atleti più giovani.

Ma l'intensità stava aumentando, con più abilità e pesi più pesanti. È solo più difficile per gli atleti più anziani andare duro e allenarsi così duramente e non essere in grado di recuperare velocemente come gli atleti più giovani.

Dimmi di più sul problema del ripristino. Vuoi dire che hai più difficoltà a recuperare durante la partita stessa, o era più una questione di recupero dopo la fine della partita?

Non ho notato [problemi di recupero] durante una partita. Il tempo di recupero da gara a gara è stato lo stesso degli atleti più giovani, ma è stato nei giorni successivi. È stato interessante, perché giorno dopo giorno avrei potuto fare una partita e mi sarei sentito bene, ma era due giorni dopo, tre giorni dopo, o quando tornavo ad allenarmi dopo due o tre partite mi sentivo così dolorante.

Ah capisco. Con l'NPGL non è più un'opzione, quali sono i tuoi attuali obiettivi nel fitness?

Mi piacerebbe arrivare ai CrossFit Games. L'anno scorso ho passato molto tempo sulla forza e sono diventato molto più forte, quindi quest'anno di allenamento è stata una vittoria personale. È fantastico che io sia diventato più forte per me stesso, ma anche tutti gli altri sono diventati più forti! Sono sbalordito da quanto siano forti alcune donne nella categoria dei maestri.

Quindi dobbiamo stare attenti a te nel 2017?

sì!

Sei riuscita a bilanciare l'intensità NPGL e l'allenamento per i CrossFit Games pur essendo una neomamma. Che consiglio daresti alle mamme che dicono di non avere tempo per il fitness?

I bambini hanno bisogno della tua attenzione e devono essere in contatto con te. Se riesci a metterli in contatto con il movimento e con te, ti prendi cura di tutto. Hai tempo per te stesso, ti connetti con il bambino e gli insegni a fare esercizio. Se inizi quando sono giovani, capiscono che questo è il momento degli esercizi e questo è ciò che ci si aspetta.

Un video pubblicato da Tina Angelotti (@tinaangelotti) su

Come incorpori Maddie mentre ti alleni ad alto livello?

Sono fortunato che sia in grado di venire con me ad allenarmi, il che è una cosa grandiosa del CrossFit. Se posso incorporarla in qualche modo, lo adora. Se sto facendo sled drag o harness drag, lei salta e va a fare un giro sulla slitta. Se stiamo facendo il trasporto del sacco di sabbia, le darò una palla e lei la porterà accanto a me. Correrà accanto a me durante gli sprint dei prowler.

Più riesco a incorporarla, più è facile portare a termine il lavoro senza che lei voglia essere trattenuta o richiedere l'attenzione della mamma. È connessa con me quando può farlo con me. La cosa più difficile è andare in palestra.

Maddie sta mostrando particolari talenti nel fitness?

È una specie di ginnastica! Ho installato un bilanciere sulla rastrelliera e l'ho messo completamente in basso e lo lego in modo che non si muova, e lei lo gira ancora e ancora. Ha anche un bilanciere, lo metterò accanto al mio e lei lo farà con me! Ti imitano. Quando pensi che non stiano guardando, stanno guardando.

Ora che hai un po 'di corsa in giro, che consiglio daresti a te stesso più giovane?

Quando ho iniziato a fare CrossFit, non c'era tanto coaching e perfezionamento come adesso. Mi sentivo come se fossi parte dello sviluppo di capirlo. Ci sono voluti davvero un pedaggio sul mio corpo. Vorrei dire a me stesso più giovane di avere un allenatore, ascoltare l'allenatore e prendere il tempo per imparare i passaggi e sviluppare le basi in modo che sia qualcosa di sostenibile e sicuro per un lungo periodo di tempo. Quindi ti godi il processo, invece di sentirti picchiato e distrutto per tutto il tempo.

Ti sentirai di successo ad ogni passaggio. Trova un allenatore o un mentore e prenditi il ​​tuo tempo con il processo, invece di fare più di quanto sei pronto per. Lascia che accada in modo naturale e organico.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.