La storia mai raccontata degli atleti vegani

5129
Yurka Myrka
La storia mai raccontata degli atleti vegani

Io, come molti altri, sono rimasto colpito e confuso dall'uscita di Cambia il gioco alla fine dell'anno scorso. Per chi non lo sapesse, questo documentario con Arnold Schwarzenegger, prodotto da James Cameron e interpretato da Arnold Schwarzenegger, ha scosso l'industria del fitness affermando che le diete vegetariane e vegane non erano solo salutari per te e per l'ambiente, ma potevano anche aiutarti a costruire muscoli e forza.

Un'accusa comune e un po 'pigra contro le diete vegane o vegetariane è che non forniscono le proteine ​​e le calorie necessarie per eccellere nello sport o in palestra. Mostra atleti, uomini forti e bodybuilder che prosperano con lo stile di vita vegano, Cambia il gioco costretto allenatori e tirocinanti a considerare seriamente le loro diete.

Cosa mi ha sorpreso Cambia il gioco non erano le sue affermazioni scientifiche, che come storico non sono in alcun modo qualificato per affrontare. Ciò che mi ha confuso è stata la reazione del pubblico in generale. Per la maggior parte, le persone sembravano perplesse all'affermazione che atleti e sollevatori potessero essere vegetariani.

Ma questa non è un'idea particolarmente nuova. Lontano dal romanzo, Cambia il gioco rappresenta l'ultimo di una serie di sforzi negli ultimi 150 anni per dimostrare i benefici delle diete vegetariane a base vegetale o latto-ovo per i cercatori di forza.

Storia antica

Come Cambia il gioco ha sottolineato che le diete vegetariane e / o vegane sono state utilizzate dai gladiatori romani come parte dei loro programmi di allenamento. Infatti, recenti scavi archeologici hanno trovato prove dirette di diete a base vegetale da parte di questi atleti.(1) Ciò che manca a questi dibattiti è il fatto che le scuole di addestramento dei gladiatori sono state descritte da alcuni come campi di prigionia atletici.(2) Vi è, quindi, un pericolo nel promuovere una dieta che è stata potenzialmente imposta sugli atleti.

Stando così le cose, la cultura fisica dei lottatori indù è un esempio molto migliore di ciò che le diete vegetariane possono ottenere nel contesto sportivo. In gran parte invariato per centinaia di anni, il lavoro di Joseph Alter sul wrestling indù e il club swing ha sottolineato l'importanza di latte, burro chiarificato, pasta di mandorle e frutta. Gama il Grande, uno dei più grandi lottatori indiani della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo, sopravvissuto con una dieta a base di burro, latte, burro chiarificato e frutta.(3) Oltre a lanciare e sbattere ogni wrestler europeo e americano che ha incrociato il suo percorso, Gama era rinomato per la sua capacità di eseguire migliaia di squat e flessioni indù in una singola sessione di allenamento. La dieta di Gama probabilmente imitava quella dei suoi predecessori indù molti secoli prima di lui.

Passando all'Europa e agli Stati Uniti, che era l'obiettivo principale di Cambia il gioco, la storia degli atleti vegetariani o vegani è piuttosto più moderna dell'antica Roma o dell'India. Il lavoro di James Gregory sul vegetarianismo in Gran Bretagna ha spiegato che le diete a base vegetale sono diventate di moda solo negli anni 1810 e 1820.(4) Non inizialmente a Salute preoccupazione, queste diete facevano parte di un movimento sociale morale che cercava di ridurre la sofferenza degli animali attraverso diete a base vegetale.

Le sfumature morali del vegetarianismo hanno fatto sì che i vegetariani in Gran Bretagna all'inizio del diciannovesimo secolo fossero soggetti a molti degli insulti e delle critiche usati ancora oggi: erano accusati di essere deboli, non atletici, nutrizionalmente carenti e leggermente predicatori.(5) Queste chiacchiere spiegano perché, durante gli anni 1840 e 1850, famosi promotori vegetariani negli Stati Uniti, come Sylvester Graham e William Alcott, scrissero sui benefici di una dieta vegetariana nei test fisici. Alcott, ad esempio, attribuiva alla sua dieta il merito di permettergli di correre il miglio tra casa sua e l'ufficio postale, o di essere in grado di camminare per 78 miglia in due giorni.(6)

Anche in questo frangente, negli anni Quaranta dell'Ottocento, gli studi sulla nutrizione suscitarono timori sulla carenza di proteine. Nel 1842 lo scienziato tedesco Justus von Liebig pubblicò Chimica animale, che ha citato il ruolo delle proteine ​​nella crescita e nella riparazione muscolare. Lo studio di James Whorton sul "vegetarianismo muscolare" lo affermava Le teorie di von Liebig hanno effettivamente rivolto l'opinione pubblica contro le diete vegetariane.(7) Questo punto è stato il caso sia della Gran Bretagna che degli Stati Uniti.(8) In poche parole, dalla metà del diciannovesimo secolo, le proteine ​​erano il re.

[Relazionato: Di quante proteine ​​ho davvero bisogno in un giorno?]

La reazione generale contro le diete vegetariane e vegane nella società britannica e americana ha portato a un indurimento di alcuni gruppi vegetariani contro i mangiatori di carne. Entro la seconda metà del diciannovesimo secolo, in particolare gli anni '70 dell'Ottocento, furono compiuti sforzi per dimostrare che le diete vegetariane erano, in effetti, molto più sane di quelle che includevano la carne. Uno dei promotori più accesi e prominenti delle diete vegetariane in questo momento era John Harvey Kellogg, della fama di Kellogg Corn Flakes.

Quello che si è perso di Kellogg è che era un chirurgo e un imprenditore molto rispettato. Dal 1870, Kellogg vendeva una serie di integratori alimentari per vegetariani e supervisionava i campi sanitari per coloro che cercavano di rilanciare la propria salute attraverso diete a base vegetale. Kellogg's Battle Creek Sanitarium, un centro benessere (senza carne) in Massachusetts, ha contribuito a normalizzare (almeno in parte) l'idea delle diete vegetariane.(9)

Ciò che era notevole del Kellogg's Battle Creek Sanitarium era che molti dei suoi clienti tornarono dai suoi campi vantandosi del loro miglioramento della salute, del fisico e della resistenza. In effetti, il Sanitarium è servito come base di conoscenza per le diete vegetariane. Allo stesso modo, le numerose connessioni di Kellogg hanno contribuito a suscitare l'interesse degli scienziati e del pubblico in generale su quale impatto, se del caso, le diete vegetariane potrebbero avere sull'atletica. Il terreno era pronto per la crescita degli studi scientifici sulle diete a base vegetale.

[Relazionato: Il sollevatore di pesi Clarence Kennedy parla di strappare 185 kg con una dieta vegana]

Alexander Raths / Shutterstock

Ascesa dei vegetariani basati sulla scienza

Gli ultimi decenni del diciannovesimo secolo hanno visto dozzine di esperimenti scientifici e popolari che hanno messo gli uni contro gli altri atleti vegetariani e carnivori. Le gare di marcia a lunga distanza, note anche come pedonalismo, erano particolarmente enfatizzate all'epoca.

Nel 1893 si tenne una corsa a piedi di 372 miglia da Berlino a Vienna. Al primo e al secondo posto rispettivamente c'erano due atleti vegetariani, un risultato che James Whorton ha sostenuto ha inviato increspature in tutto il mondo sportivo.(10) Ben presto, altri risultati iniziarono a filtrare.

Diversi anni dopo, in Germania si tenne una corsa a piedi di 62 miglia, dove 11 dei primi 14 classificati erano vegetariani. Un'altra gara tedesca ha visto sei vegetariani raggiungere i primi dieci posti in una corsa a piedi di 70 miglia in meno di quattordici ore.(11) Nessun mangiatore di carne, al contrario, ha concluso la gara. Uno degli atleti vegetariani più prolifici dell'epoca era Jonathan Barclay, segretario della Scottish Vegetarian Society, che nel 1896 gareggiò in oltre venti gare dal mezzo miglio alle dieci miglia.(12) Non arrivando mai meno del terzo, il successo di Barclay è stato collegato direttamente alla sua dieta vegetariana.

Un'altra gara tedesca ha visto sei vegetariani raggiungere i primi dieci posti in una corsa a piedi di 70 miglia in meno di quattordici ore. Nessun mangiatore di carne, al contrario, ha concluso la gara.

Man mano che si sparse la voce su questi atleti vegetariani, alcuni ricercatori, come l'economista di Yale Irving Fisher, iniziarono a interessarsi. Alla fine del 1890 e all'inizio del 1900, Irving tenne una serie di test che confrontavano la forza e la resistenza di soggetti vegetariani e onnivori. Uno di questi test ha coinvolto quasi cinquanta atleti universitari e li ha divisi in tre gruppi: atleti mangiatori di carne, atleti vegetariani e vegetariani sedentari. Sono stati quindi sottoposti ai seguenti test fisici

  • Alzandosi in punta di piedi quante più volte possibile.
  • Piegamento profondo del ginocchio (a.K.un. squat) per il maggior numero di ripetizioni possibile.
  • Stando sdraiati sulla schiena, sollevare le gambe dal pavimento in posizione verticale e abbassarle nuovamente, ripetendo fino all'esaurimento fisico.
  • Estensioni dei tricipiti sopra la testa (a.K.un. La stampa francese) con manubri da 5 libbre, ripetendo fino all'esaurimento fisico.
  • Tenendo le braccia orizzontalmente verso i lati il ​​più a lungo possibile.
  • Curl bicipiti per il maggior numero di ripetizioni possibile. Questo test è stato eseguito con quattro manubri successivi di peso decrescente, vale a dire., 50, 25, 10 e 5 libbre.(13)

Il risultato? Gli atleti vegetariani non solo potevano eguagliare le loro controparti che mangiano carne ma, in alcuni casi, anche migliorarle.(14) Ancora più impressionante è stato il fatto che i risultati di Irving sembravano suggerire che le diete a basso contenuto proteico fossero potenzialmente vantaggiose. Ciò ha dissipato le affermazioni che a) le diete vegetariane erano cattive eb) che i vegetariani non mangiavano "abbastanza" proteine. Molto simile Cambia il gioco, I risultati di Fisher sono stati utilizzati come prova scientifica dei benefici del vegetarianismo.

Così il mondo sportivo ha iniziato a prendere atto delle diete a base vegetale. Che dire, allora, dei frequentatori di palestra?

I bodybuilder vegetariani e vegani, sebbene non così diffusi come oggi, prosperarono comunque cento anni fa. A fare da apripista in questo senso c'erano due uomini, Bernarr MacFadden ed Eustace Miles. MacFadden è stata una delle autorità americane del fitness più famose e rinomate dell'inizio del XX secolo. Il suo Cultura fisica rivista, iniziata nel 1899, aveva un numero di lettori che contava oltre 100.000 persone alla fine del 1900. Allo stesso modo, i suoi libri di cultura fisica erano regolarmente molto richiesti.(15)

Ciò che è importante di MacFadden è che ha collegato una dieta a base vegetale e, a volte, il digiuno, alla creazione di un corpo forte e muscoloso. In innumerevoli articoli per Cultura fisica, MacFadden ha detto ai lettori che le diete vegetariane potrebbero rendere le persone più snelle, più sane e più forti che mai.

Non si è limitato a parlare neanche lui. Durante le conferenze, MacFadden spesso sfidava i mangiatori di carne a batterlo in imprese di forza e resistenza. Scrivendo molti anni dopo, l'ex moglie di MacFadden ha ricordato imprese di resistenza durante le quali i mangiatori di carne sono crollati sul palco, esausti dal tentativo di eseguire più squat a corpo libero di MacFadden.(16)

È importante sottolineare che MacFadden si è spesso affidato a esperimenti, come quello di Fisher, per dimostrare i vantaggi delle diete a base vegetale. Questo è stato anche l'approccio di Eustace Miles, il culturista fisico britannico, che allo stesso modo ha fatto affidamento su una combinazione del proprio atletismo e diete scientifiche per dimostrare il vantaggio delle diete a base vegetale. Miles era supportato da un altro grande atleta vegetariano britannico dell'epoca, Emil Voigt, che vinse una medaglia d'oro alle Olimpiadi del 1908 nella gara di lunga distanza.(17)

Miles è particolarmente importante in questa storia a causa delle sue vittorie ben pubblicizzate. Nel 1908, Miles vinse una medaglia d'argento ai Giochi Olimpici alla veneranda età di 40 anni! Nei libri di cultura fisica, Miles ha detto ai suoi seguaci che la sua forza e il suo vigore erano il risultato diretto della sua dieta a base vegetale.(18) In Miles e MacFadden, il mondo della cultura fisica degli allenatori di pesi e dei frequentatori di palestre riceveva esempi di ciò che una dieta a base vegetale potrebbe ottenere. È importante sottolineare che entrambi gli uomini usano le manifestazioni pubbliche e lo sport per evidenziare la loro forza, pubblicano libri di cucina sul vegetarianismo e smentiscono qualsiasi idea che il vegetarianismo fosse in qualche modo inferiore.

[Relazionato: La guida dell'atleta per seguire una dieta vegana]

Mavericks della metà del secolo

MacFadden e Miles hanno contribuito a incoraggiare le persone su entrambe le sponde dell'Atlantico a seguire una dieta vegetariana. Questo ha continuato ad essere il caso durante gli anni '20 e '30, quando diversi famosi allenatori di sollevamento pesi, come Mark Berry, hanno ammesso di sperimentare con diete a base vegetale. Allo stesso modo, i primi bodybuilder come Lionel Strongfort, consigliavano qualcosa come una dieta latto-ovarica.(19) (Ricorda, questo è vegano con latte e uova, quella che oggi viene generalmente chiamata "dieta vegetariana".) MacFadden continuò a pubblicare opuscoli dietetici fino agli anni '40 e altri nel campo della nutrizione sportiva favorirono una dieta vegetariana per gli atleti.

Quindi chiaramente una dieta vegetariana per atleti e allenatori di pesi è stata preferita da alcuni. Tuttavia, fu solo negli anni '50 che alcuni veri e propri pezzi grossi iniziarono a promuoverlo.

Nel regno dello sport, abbiamo continuato ad avere atleti di successo che prosperano con diete vegetariane. Laddove Paavo Nurmi, il 'Flying Finn', fu promosso come atleta vegetariano ideale negli anni '20, quelli della metà del secolo guardarono al nuotatore australiano Murray Rose.(20)

Rose, che ha vinto quattro medaglie d'oro tra le Olimpiadi del 1956 e del 1960, era un'atleta vegana, la cui costante attenzione mediatica gli è valsa il soprannome di 'Seaweed Streak.'A 1961 Sports Illustrated un articolo su Rose ha parlato della sua importanza per gli atleti vegetariani e vegani. Notando che questa dieta era vista come una stranezza, la rivista ha citato Rose come una campionessa per tutti gli atleti vegetariani.(21) Non solo la sua esibizione ai '56 games divenne 'una resa dei conti tra mangiatori di carne e vegetariani', Murray divenne una star a pieno titolo, con la giornalista Arlie Schardt che lo soprannominò il 'Golden Boy.'(22)

Che dire del frequentatore medio di palestra?

Ritorniamo quindi alla nostra domanda su che dire dei frequentatori di palestra? I sollevatori? Il (per mancanza di un termine migliore) le 'teste di carne'? Anche loro stavano cominciando a sperimentare sempre di più con queste diete. Roy Hilligenn, nato sudafricano, era forse il bodybuilder e sollevatore vegetariano più forte e impressionante dell'epoca. Hilligenn ha vinto l'AAU Mr. America nel 1951 a seguito di una serie di titoli regionali in Sud Africa. Ciò che era importante in Hilligenn era che era conosciuto e rispettato per la sua forza e per la sua estetica. Sebbene non sia un sollevatore di pesi olimpico attivo, Hilligenn è regolarmente presente Forza e salute caricatore pulito e scuotendo oltre 400 libbre. con facilità a un peso corporeo di 173 libbre.(23) Per gli standard di chiunque, è stato impressionante.

I primi anni '50 furono un periodo particolarmente degno di nota per i bodybuilder vegetariani, come evidenziato da Manohar Aich, il bodybuilder 4'11 "che vinse l'NABBA Mr. Universo contest nel 1952. Aich è stato il primo indiano a vincere un importante concorso di bodybuilding e ha ispirato innumerevoli altri con le sue imprese di forza e atletismo.(24) Aich e Hilligeen non hanno cambiato completamente il campo, ma facevano parte di un movimento in crescita all'interno della comunità del fitness.

Finire il secolo forte

Fino agli anni '60 e '70, il vegetarianismo era ancora un'attività marginale. Ciò che ha contribuito a realizzare un vero cambiamento è stato il movimento controculturale che ha investito gran parte dell'Europa occidentale e degli Stati Uniti. Definito per molti dal movimento hippie, incoraggiava la messa in discussione dell'autorità e la promozione di nuove idee. Nel 1971, Stracci lo ha scritto la rivista

Per molti americani, il vegetarianismo rappresenta un'altra strana protesta della generazione principale contro il mummia e la torta di mele.

Criticamente, Tempo la rivista in seguito ha sottolineato che essere uno strano non era più una cosa negativa.(25)

Ciò significava che gli atleti vegetariani e i bodybuilder sono cresciuti in numero e rispettabilità. Nel mondo del bodybuilding, alle persone piace Bill Pearl e Al Beckles, ha cambiato le percezioni su come potrebbe apparire e mangiare un bodybuilder di alto livello. Entrambi si sono iscritti a diete vegetariane. Per il semplice mortale, Vince Gironda promuoveva regolarmente diete vegetariane per allenatori di pesi e bodybuilder.(26)

L'interesse per il vegetarianismo è cresciuto per gli atleti nel campo in crescita della nutrizione sportiva. Nel 1968, un gruppo di ricerca danese ha testato ciclisti di resistenza alimentati con una varietà di diete. Alcuni hanno ricevuto carne e verdure, altri solo verdure. Il risultato? I vegetariani sopravvissero ai loro compagni mangiatori di carne.(27) I due decenni successivi furono definiti da ricercatori, come A.C. Grandjean e D.C. Nieman, che ha studiato la dieta vegetariana negli atleti. Ma questo ha fatto poco per il grande pubblico, ciò che contava di più era vedere gli atleti vegetariani dominare i loro rispettivi sport.

Nel mondo dell'endurance, i triatleti come Dave Scott e Ruth Heidrich sembravano dimostrare la superiorità delle diete vegetariane. Sono stati raggiunti da medaglie d'oro olimpiche nello sprint come Carl Lewis e persino dai giocatori della NFL Joe Namath e Fred Dryers. Quando è entrato nella NFL Hall of Fame nel 1985, Namath ha detto al pubblico che "Sono vegetariano da alcuni anni. Fred Dryer dei Rams esiste da 10 anni. Dimostra che non hai bisogno di carne per giocare a calcio.'(28)

Herschel Walker, l'ex running back della NFL apparentemente senza età, è stato forse il miglior esempio sportivo di vegetariano detto. Si dice che abbia trascorso diversi decenni sopravvivendo principalmente a zuppe e insalate, il background multi-atletico di Walker ha dissipato le idee che le diete vegetariane non potevano tagliarlo a livello professionale. Walker è importante anche in questa storia perché ha capitalizzato l'interesse del pubblico per la sua dieta per aprire i suoi ristoranti di cibo sano. Molto prima che Tom Brady spingesse gli integratori, Walker spingeva le zuppe.(29)

Nel 2000, il mondo del fitness e dello sport arrivò a un punto in cui le diete vegetariane, sebbene ancora viste come una pratica marginale, o addirittura strana, erano cresciute in popolarità. Sarebbe mai diventato un luogo comune?

Nuovo millennio, nuovi pasti

Pubblicando sul valore delle diete vegetariane e vegane per gli atleti nel 2010, Joel Fuhrman e Deana M. Ferreri ha notato il numero crescente di atleti che seguono diete a base vegetale. Questo fenomeno, che era in atto da diversi decenni, aveva iniziato a raggiungere un punto critico.(30) Mentre le squadre e gli atleti continuavano a cercare un vantaggio competitivo, le presunte promesse di diete a base vegetale come la prevenzione degli infortuni, più energia, un umore migliore ecc., attiravano sempre più persone.

Ciò che è interessante a questo proposito è che un elemento chiave nella popolarità del veganismo tra gli atleti riguarda il dolore e la longevità della carriera. Quando le 300 libbre. Linebacker della NFL, Dave Carter è diventato vegano nel 2014, lo ha fatto per aiutare con la sua tendinite. Nel calcio, un certo numero di giocatori di alto profilo come Chris Smalling, Jermain Defoe e Kara Lang, sono diventati vegani per motivi etici e di salute. Questo per non parlare degli innumerevoli tennisti, atleti di resistenza, giocatori di rugby e stelle dell'NBA che ora sono orgogliosi commensali vegani o vegetariani. Leggendo le loro interviste, è chiaro che le diete a base vegetale sembrano alleviare i dolori inevitabili dei loro sport.

Sarebbe, tuttavia, ridicolo, per non parlare delle crescenti preoccupazioni ambientali alla base della crescente popolarità delle diete a base vegetale. In gran parte dell'Europa e del Nord America, le diete vegane e vegetariane sono diventate più normalizzate a causa del fatto che il nostro clima instabile in aumento ha spinto una vera ricerca dell'anima sugli effetti ecologici delle nostre diete.(31) Per gli atleti, il crescente sostegno pubblico per le diete a base vegetale ha fatto sì che l'uso di queste diete sia diventato accettabile e apparentemente vantaggioso.

E poi, dei sollevatori di pesi, degli atleti di forza e dei frequentatori di palestra? Cambia il gioco ha affrontato questo fatto abbastanza bene, invitando tutti, dal sollevatore di pesi USA Kendrick Farris alla leggenda del bodybuilding Arnold Schwarzenegger. Mentre le persone possono contestare alcuni di Game Changer's afferma - la reputazione dell'uomo forte vegano Patrik Baboumian ne è un esempio - il documentario ha comunque sottolineato il fatto che è possibile costruire muscoli senza l'uso di carne.

Avvolgendo

Nonostante ciò che Internet potrebbe dirti, gli atleti vegetariani e vegani non sono particolarmente nuovi. Nemmeno le critiche mosse contro di loro. Molti dei miti che Cambia il gioco decise di sfidare erano quelli esaminati dal laboratorio di Irving Fisher oltre un secolo fa. La vera domanda da porsi non è perché gli atleti dovrebbero diventare vegetariani o vegani, ma piuttosto perché vegani e vegetariani hanno dovuto costantemente dimostrare il valore della loro dieta. Dopo cento anni, è tempo di vivere e di lasciar mangiare.

Nota dell'editore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni qui espresse sono dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.

Immagine in primo piano tramite @sportspecific e @bb.hard_worker su Instagram.

Riferimenti

1. Longo, U.G., Spiezia, F., Maffulli, N. e Denaro, V., 2008. I migliori atleti dell'antica Roma erano vegetariani!. Giornale di scienza e medicina dello sport, 7 (4), pagg.565-565.
2. Meijer, Fik. I gladiatori: lo sport più letale della storia. Macmillan, 2007.
3. Alter, J.S., 2000. Corpi subalterni e fisici nazionalisti: Gama il grande e gli eroici del wrestling indiano. Body & society, 6 (2), pagg.45-72.
4. James Gregory. Of Victorians and Vegetarians: The Vegetarian Movement in 19th-Century Britain. Londra: Tauris Academic Studies, 2007.
5. Ibid.
6. Whorton, J.C., 1981. Vegetarismo muscolare: il dibattito sulla dieta e sulle prestazioni atletiche nell'era progressista. Giornale di storia dello sport, 8 (2), pagg.58-75.
7. Ibid.
8. Shprintzen, Adam D. La crociata vegetariana: l'ascesa di un movimento riformista americano, 1817-1921. UNC Press Books, 2013.
9. Whorton, vegetarismo muscolare.
10. Ibid.
11. Ibid.
12. Bloomfield, P., 1962. Capitano Barclay. The Eugenics Review, 54 (1), pag.25.
13. Fisher, io., 1908. L'influenza del mangiare carne sulla resistenza. Edizioni di medicina moderna.
14. Ibid.
15. Hunt, William R. Body Love: The Amazing Career di Bernarr Macfadden. Stampa popolare, 1989.
16. Mary Williamson MacFadden, manubri e bastoncini di carota: la storia di Bernarr MacFadden. Holt, 1953.
17. Miles, Eustace. Fallimenti del vegetarismo. Sonnesnschein, 1902.
18. Ibid.
19. Randy Roach, Muscle, Smoke & Mirrors: Volume II. Authorhouse, 2011.
20. Posey, Carl. XVI Olimpiadi: Melbourne / Stoccolma 1956, Squaw Valley 1960. Vol. 14. Warwick Press Inc., 2015.
21. Arlie Schardt, "Seaweed, Speed ​​and Sunflower Speed", Sports Illustrated. 14 agosto 1961.
22. Ibid.
23. Miller, Carl. Lo sport del sollevamento pesi in stile olimpico. Sunstone Press, 2011.
24. Kar, Subhabrata. “Cultura fisica indigena del Bengala durante il regime britannico."Language in India 13, no. 6 (2013).
25. Marta Zaraska, "Questo è il motivo per cui il vegetarismo non ha preso piede fino a poco tempo fa", Time Magazine, 23 febbraio 2016. Disponibile su: https: // time.com / 4220270 / vegetarianism-history-meathooked /
26. Roach, Randy. Muscoli, fumo e specchietti. Vol. 1. Casa d'Autore, 2008.
27, ÅSTRAND, PAG.O., 1968. Qualcosa di vecchio e qualcosa di nuovo ... molto nuovo. Nutrition Today, 3 (2), pagg.9-11.
28. Brian Merchant, "9 atleti superstar che non mangiano carne", MNN, 5 marzo 2013. Disponibile su: https: // www.mnn.com / cibo / alimentazione sana / foto / 9-atleti-superstar-che-non-mangiano-carne / joe-namath.
29. Vicki Vaughan, "Piani di espansione", Orlando Sentinel, 19 agosto 1985. Disponibile su: https: // www.orlandosentinel.com / news / os-xpm-1985-08-19-0320240209-story.html.
30. Fuhrman, J. e Ferreri, D.M., 2010. Alimentare l'atleta vegetariano (vegano). Rapporti attuali di medicina dello sport, 9 (4), pagg.233-241.
31. Rogerson, D., 2017. Diete vegane: consigli pratici per sportivi e sportivi. Giornale della Società Internazionale di Nutrizione Sportiva, 14(1), pag.36.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.