La storia del viaggio disordinato del bodybuilding alle Olimpiadi

1264
Lesley Flynn
La storia del viaggio disordinato del bodybuilding alle Olimpiadi

Il bodybuilding merita davvero un posto nel pantheon degli sport olimpici. Risale ai Giochi Olimpici originali degli antichi Greci, che hanno ispirato le Olimpiadi moderne. Tra gli eventi competitivi, gli antichi organizzano spettacoli fisici improvvisati per il pubblico..

Anche ideali più grandi mi hanno chiamato alle Olimpiadi. Il CIO e i giochi sono molto più che sport. Pierre de Coubertin, l'aristocratico francese che ha fondato l'ICO e ha fatto rivivere le Olimpiadi nel 1894, ha promosso l'atletica leggera per il bene dei giovani del mondo e per riunirli in uno spirito di competizione amichevole, pulita e sportiva. I giochi avevano lo scopo di incoraggiare la pace, il rispetto reciproco e la comprensione. Lo stesso spirito olimpico regna all'interno della IFBB ... '(1)

Ben e Joe Weider, Fratelli di ferro, 2006

Scritta nel 2006 da Ben Weider - il co-fondatore della International Federation of BodyBuilding & Fitness - appena due anni prima della sua morte, la citazione sopra potrebbe sembrare strana a prima vista. Pochi considererebbero il bodybuilding come un potenziale sport olimpico, o addirittura considererebbero la prospettiva degli spettacoli di fisico ai Giochi. Nella nostra mente, le Olimpiadi si basano su imprese di forza, agilità e resistenza. Il bodybuilding può sembrare strano e incoerente. Nonostante la nostra incredulità, è stata proprio questa idea che ha guidato Ben Weider per diversi decenni e continua a guidare l'IFBB. A parte il suo ruolo nell'IFBB, che ha contribuito a fondare insieme a suo fratello Joe nel 1946, Ben è stato uno dei pochi sostenitori entusiasti dell'idea che il bodybuilding dovrebbe diventare uno sport olimpico in buona fede.

Perché Ben e perché questo sogno? Parte del motivo per cui il bodybuilding è quello che è oggi deriva dall'immaginazione e dalla determinazione dei Weiders. Insieme, Ben e Joe Weider hanno contribuito a rivoluzionare il bodybuilding come sport, aprendolo alle masse e ispirando innumerevoli atleti. Hanno creato il Mr. Il concorso Olympia, ha supervisionato un impero di riviste che contava diverse riviste di bodybuilding molto lette, ha gestito una catena di integratori multi-prodotto e ha contribuito a rendere popolari star come Arnold Schwarzenegger. Tale era l'occhio acuto di Joe per la celebrità che è stato battezzato il 'Master Blaster' e il 'Trainer of Champions'.(2) Le Olimpiadi hanno segnato un'altra montagna in attesa di essere scalata. Il viaggio del bodybuilding verso la fase olimpica è ancora, tuttavia, in corso. Con questo in mente, l'articolo di oggi evidenzia il tentativo decennale dei Weiders di portare il bodybuilding alle Olimpiadi prima di valutare l'attuale relazione dello sport con i Giochi olimpici di oggi.

https: // www.instagram.com / p / B1VI_KPBNi4 /

La strana coppia: il bodybuilding e le Olimpiadi

Prima di discutere i tentativi dei Weider di stabilire il bodybuilding come sport olimpico, sorge un'ovvia obiezione. Il bodybuilding è in realtà uno sport? Dipende dalla tua comprensione dello sport.

In uno dei primi studi su larga scala sullo sport stesso, Allen Guttman ha definito gli sport moderni lungo sette punti chiave. Il primo di questi, vale a dire che è secolare, razionale, specializzato e aperto a tutti, si accorda con il bodybuilding.(3) Chiunque può farlo, si basa su attività razionalizzate, richiede un certo grado di specializzazione e non è un rito religioso o una forma di culto. Dove il bodybuilding cade sul fronte sportivo dipende in gran parte dai restanti criteri di Guttman di record quantificabili e regole burocratiche.(4) Guttman avrebbe successivamente citato l'importanza del divertimento anche nello sport ma, dato che stai leggendo BarBend, sospetto che siamo tutti d'accordo che sollevare pesi può essere divertente e simile al gioco.

Il cuore del problema del bodybuilding è che si tratta di uno sport intrinsecamente soggettivo. Il bodybuilding è uno sport, dopotutto, in cui un individuo può vincere il Mr. Olympia nonostante molti altri credessero che il vincitore avesse un fisico scadente rispetto agli altri concorrenti.(5) Il bodybuilding è un'attività in cui diversi giudici applicano metriche diverse al corpo ideale e il bodybuilding è un'attività con definizioni poco chiare riguardo al corpo perfetto. In quanto attività, lo sport è intrinsecamente definito dalla sua soggettività.

Lo sprint dei 100 metri è oggettivo per sua natura: chi passa per primo il traguardo vince. Il bodybuilding è raramente così semplice e questa è stata spesso l'obiezione principale alla sua inclusione olimpica.

Altrettanto problematica è la natura potenzialmente scandalosa di questo sport. In primo luogo, il bodybuilding presenta uomini e donne seminudi che flettono i muscoli tra gli applausi di un pubblico riunito. Per i frequentatori di palestra, il bodybuilding può avere una certa dose di senso, ma per il grande pubblico, il bodybuilding è stato, per molti decenni, visto come un'attività strana e marginale.(6) È per questo motivo che Ben Weider ha presentato una petizione al Presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), Lord Killanin, sull'inclusione olimpica del bodybuilding negli anni '70, gli è stato detto senza mezzi termini che non sarebbe successo sul `` cadavere '' di Killanin.(7) Per coloro che cercavano di mantenere rispettabili le Olimpiadi, come Killanin, il bodybuilding sembrava del tutto fuori dai limiti.

L'elefante nella stanza è, ovviamente, il problema degli steroidi. Nonostante i ripetuti e sempre più intricati scandali di steroidi, il CIO assume una posizione ferma e attiva contro i farmaci che migliorano le prestazioni di qualsiasi tipo. Il lavoro di John Fair sul sollevamento pesi e il bodybuilding ha scoperto che gli steroidi anabolizzanti si sono infiltrati per la prima volta nel bodybuilding a metà del ventesimo secolo.(8) Da quel momento, l'uso di steroidi è aumentato in modo esponenziale. Includere il bodybuilding alle Olimpiadi offre al CIO e alla IFBB due scelte

  • consentire spettacoli di bodybuilding naturale sul palco olimpico, o
  • consentire agli atleti che assumono farmaci che migliorano le prestazioni di competere.

La prima opzione solleva punti interrogativi su quanto sarebbe popolare un tale concorso. Il secondo tipo di concorso minaccia uno dei principali inquilini del Gioco: la libera concorrenza e la concorrenza leale. Gli ostacoli sono grandi ma notevolmente, il bodybuilding ha lentamente, ma inesorabilmente, fatto progressi verso la fase olimpica.

Il sogno impossibile di Ben Weider

Per gli scettici sulle intenzioni di Weider e in effetti, la sua citazione di apertura, Nigel Crowther ha scoperto che i primi spettacoli di fisico maschile risalgono all'antica Grecia.(9) Come gli spettacoli di bodybuilding di oggi, questi spettacoli della Grecia antica erano aperti ad atleti di tutte le età e, a volte, erano aperti a uomini e donne. Quindi gli spettacoli hanno un'antica stirpe greca. Passando a tempi più recenti, abbiamo già percorso i primi spettacoli di bodybuilding dei primi del '900 che furono un indubbio successo. Data questa storia e il fatto che il sollevamento pesi arrivò alle Olimpiadi nel 1896, sembra strano che la prima discussione sul bodybuilding olimpico sia avvenuta negli anni '60. I fratelli Weider furono fondamentali in questo cambiamento.

[Relazionato: La storia mai raccontata della prima gara di sollevamento pesi]

Parte di questo cambiamento proviene dall'organizzazione del bodybuilding durante questo periodo a metà del XX secolo. Il lavoro di John Fair su Mr. Il concorso americano ha evidenziato il mondo strano e disorganizzato del bodybuilding americano.(10) Dal 1939 all'inizio degli anni '60, il bodybuilding era incentrato su una competizione: il Mr. Concorso America.

Organizzato e promosso dalla Amateur Athletic Union, il concorso era un misto di sollevamento pesi e bodybuilding. Sotto la supervisione di Bob Hoffman, il fondatore di York Barbell, il bodybuilding era uno sport molto secondario. Per essere il signor. America, i concorrenti sono stati valutati sui loro corpi ma anche sul loro atletismo - tipicamente dimostrato attraverso il sollevamento pesi - e persino sulla loro personalità.

Sotto l'AAU, il bodybuilding era il ripensamento del sollevamento pesi olimpico. Era qualcosa da tollerare ma raramente lodato. Ciò è cambiato quando il bodybuilding è diventato sempre più popolare. Più uomini hanno gareggiato nelle gare e nuovi imprenditori, come i Weiders, sono entrati in gioco. Tornando allo studio di John Fair, i Weider entrarono per la prima volta sulla scena nel 1945 quando formarono la IFBB, ma non ebbero davvero un impatto fino agli anni '60.(11) L'esempio più ovvio di questo è stato ovviamente il sig. Concorso Olympia, ospitato per la prima volta nel 1965. A differenza del Mr. Il concorso americano, che ha giudicato i concorrenti per forza, aspetto e personalità, il sig. Il concorso Olympia era esclusivamente una competizione di bodybuilding. Inutile dire che è cresciuto notevolmente in popolarità e influenza negli Stati Uniti subito dopo.

Alla fine degli anni '60, l'organizzazione IFBB di Weiders contava 43 diversi stati membri.(12) Laddove il mandato dell'AAU era solo gli Stati Uniti, i Weider erano in tutto il mondo. A livello globale, le uniche gare di bodybuilding di merito sono state il Mr. Universo e il signor. Gare mondiali, quest'ultima ospitata dalla International Weightlifting Federation (IWF) dall'inizio degli anni '60. Quando l'IWF ha interrotto il suo sig. Nella competizione mondiale del 1969, i Weider colsero al volo l'opportunità di accrescere la loro importanza globale ospitando i propri spettacoli globali. Parlando quell'anno, Ben Weider lo rivelò

Ho visto nei circoli sportivi internazionali il tipo di prestigio che un normale bodybuilder vorrebbe avere. Eravamo pronti a rinunciare alla nostra autorità e creare un'organizzazione democratica con elezioni e governo adeguati per raggiungere questi obiettivi.(13)

Nel tentativo di raggiungere questi obiettivi, Ben ha lavorato diligentemente con l'allora segretario dell'IWF, Oscar State, per redigere una nuova costituzione per l'IFBB di Weiders. In una riunione IFBB nel 1970, la nuova costituzione fu approvata tra i membri IFBB. Lungi dall'essere un inutile pezzo di amministrazione burocratica, il lavoro di Ben con Slate ha segnato l'inizio dell'obiettivo olimpico di Ben.(14) In qualità di segretario dell'IWF, Slate aveva una profonda conoscenza di ciò che il CIO cercava durante la revisione dei nuovi sport olimpici. In quanto entità globale, con una costituzione rigida e ben redatta, la IFBB potrebbe passare successivamente al CIO.

[Altro dall'autore: The Untold History of the Barbell]

Istvan Csak / Shutterstock

La ricerca dell'oro olimpico

Incoraggiati dalla nuova costituzione IFBB, i Weiders fecero il loro primo grande tentativo di aderire al CIO. Nel novembre 1970, l'IFBB ha presentato domanda all'Assemblea generale delle federazioni sportive internazionali (GAISF), il gruppo responsabile della supervisione degli sport dilettantistici internazionali.(15) Contemporaneamente, i Weider hanno inserito la loro IFBB nell'International Council of Physical Education and Sport, un'organizzazione dell'UNESCO.(16) Non era il CIO, ma era un punto di partenza fondamentale verso lo status olimpico. Al congresso GASIF del 1971, la IFBB fu accettata come membro a pieno titolo e fu quindi accolta nella più ampia piega sportiva internazionale. Era la prima volta che l'IFBB veniva accettata da un organismo sportivo più ampio. Anche i congressi GASIF sono stati significativi nel riunire i membri del CIO e della IFBB.

Al congresso del 1971, ad esempio, Ben Weider ha incontrato il delegato ungherese e membro del CIO, il dott. Arpad Csanadi, sulla sua intenzione di richiedere lo status di CIO.(17) Csanadi, impressionato dalla domanda della IFBB al GASIF, ha incoraggiato Weider a rivolgersi al CIO. Era la prima volta che un membro del CIO prendeva in considerazione i piani di Weider e senza dubbio lo incoraggiava a proseguire. L'anno successivo, al Congresso GAISF, Ben ha incontrato Avery Brundage, il capo del CIO e il barone Killanin, l'eventuale successore di Avery, per entrare a far parte del CIO.(18) Nulla è stato promesso ma Weider è stato chiaramente impressionato. Dopo il viaggio, Weider ha affermato che `` l'IFBB aveva fatto più progressi internazionali di quanti ne avesse fatti negli ultimi venticinque anni.'(19)

Nonostante l'ottimismo di Weider, preoccupazioni sportive più ampie hanno impedito ulteriori progressi. A metà degli anni '70, il CIO congelò il numero di sport alle Olimpiadi. I funzionari ritenevano che troppi sport olimpici si stessero spiazzando a vicenda, che la folla fosse divisa e che i numeri televisivi sarebbero caduti in qualsiasi altro sport entrato nell'ovile olimpico. Per la IFBB, significava che l'ingresso alle Olimpiadi, per il momento, era bloccato.

sportoakimirka / Shutterstock

Superare le barriere

Con un percorso diretto per l'adesione alle Olimpiadi interrotto, i Weider iniziarono un percorso tortuoso e lungo un decennio per ottenere il riconoscimento del CIO. Gran parte di questo era una continuazione del lavoro già in corso, soprattutto con il GAISF.

Dalla metà degli anni '70, i Weiders hanno assunto un ruolo di primo piano nella creazione di un evento sportivo alternativo ai giochi olimpici. Il risultato degli sforzi loro e del GAISF furono i Giochi Mondiali, iniziati nel 1981.(20) I Giochi mondiali sono diventati una sosta temporanea per quegli sport internazionali non accolti dai giochi olimpici. È importante sottolineare che i Giochi Mondiali non erano l'unica strada presa di mira da Weiders. Alla fine degli anni '70, i Weider si avvicinarono ai Giochi asiatici e ai Giochi panamericani per diventare membri. Anche se sono caduti al primo ostacolo, i Giochi del Sudest asiatico hanno accettato il bodybuilding per i suoi giochi regionali nel 1979.(21)

Fortunatamente per i Weider, il bodybuilding ha continuato a impressionare i funzionari al di fuori del CIO. Nel 1985, il Consiglio Olimpico dell'Asia, che ha supervisionato i Giochi asiatici, ha accettato la richiesta della IFBB per una piena inclusione nei Giochi.(22) Lentamente altre organizzazioni hanno seguito l'esempio. Nel 1994, la Pan American Sports Organization ha accettato il bodybuilding ai Giochi Panamericani. Dopo i Giochi Panamericani, il bodybuilding è stato introdotto nei Giochi Centroamericani, Caraibi, Medio Oriente e Giochi Panarabi.(23)

A questo punto, è importante notare che sebbene il bodybuilding fosse accettato in questi giochi, ci è voluto molto tempo prima che si tenesse un vero concorso di bodybuilding in questi giochi. Per quanto? Il primo concorso di bodybuilding ai Giochi Panamericani è stato nel 2019!(24)

Nonostante la lunga attesa, il prestigio del bodybuilding è stato accresciuto attraverso la sua inclusione in questi giochi per un semplice motivo. Tutti questi giochi regionali sono affiliati al CIO. C'era quindi la speranza che l'inclusione del bodybuilding in tali giochi avrebbe portato alla fine a una piattaforma olimpica. Questo spiega perché nel 1996, dopo aver ottenuto il riconoscimento da questi concorsi regionali, la IFBB ha chiesto ancora una volta il riconoscimento olimpico.(25) Sottolineando che il bodybuilding era ormai uno `` sport in buona fede '' grazie ai giochi regionali, è stata presentata una forte petizione per l'inclusione del bodybuilding. Un po 'realisticamente, l'offerta IFBB desiderava lo status di `` sport dimostrativo '', il che significava che il bodybuilding sarebbe stato riconosciuto come uno sport ma non sarebbe stato ancora uno sport ufficiale.(26)

Sorprendentemente, questo approccio ha funzionato. Nel gennaio 1998, il comitato esecutivo del CIO ha concesso il riconoscimento all'IFBB. Immediatamente l'allora presidente del CIO, il marchese de Samaranch, inviò via fax a Ben Weider una copia della buona notizia:

Caro signor. Weider, amico,

È mio piacere informarvi che il Comitato Esecutivo del Comitato Olimpico Internazionale ha deciso ieri, nella sua riunione a Nagano, di concedere il riconoscimento alla Federazione Internazionale dei Bodybuilders (IFBB) come Federazione Riconosciuta, ai sensi della Regola 29 della Carta Olimpica. ..

.. . Infine, vorrei cogliere l'occasione per congratularmi con voi per tutti gli sforzi compiuti per raggiungere questo obiettivo e per darvi il benvenuto nella Famiglia Olimpica.(27)

sportpoint / Shutterstock

Bodybuilding e le Olimpiadi oggi

Nel 1998, sembrava che l'improbabile sogno di Ben Weider potesse realmente accadere: il bodybuilding sarebbe diventato uno sport internazionale alle Olimpiadi.

Il progresso, tuttavia, si è bloccato. Dal 1998 al 2002, l'entusiasmo del CIO per il bodybuilding è diminuito notevolmente. A riflettere questo è stata la decisione del CIO nel 2002 di ritirare il suo riconoscimento ufficiale di bodybuilding.(28)

Ciò non ha fermato gli sforzi per la piena inclusione. Nel frattempo, l'IFBB ha lavorato strenuamente per raggiungere i pieni stati olimpici, diventando affiliato con il Consiglio Olimpico dell'Asia (OCA), il Consiglio supremo per lo sport in Africa, l'Associazione delle federazioni sportive panamericane (ACODEPA) e circa 90 nazionali separati. Comitati olimpici.(29) Nel 2006, Rafael Santonja è succeduto al successore di Ben Weider come presidente IFBB e ha continuato gli sforzi di Ben.

Come accennato in precedenza, la prima competizione IFBB ai Giochi Panamericani si è tenuta nel 2019. Parlando dell'evento, Santonja ha dichiarato chiaramente ed esplicitamente che la sua visione per il bodybuilding è esattamente la stessa di Ben Weider, ovvero lo status olimpico completo.(30)

Nessuno sa se questo accadrà o meno. Nella preparazione delle Olimpiadi del 2020 c'erano una serie di voci non irrealistiche sul fatto che il bodybuilding potesse essere incluso come sport dimostrativo. Allo stesso modo, l'associazione dell'IFBB con i Giochi Panamericani, l'OCA e numerosi comitati olimpici nazionali indica una crescente familiarità e apprezzamento per il bodybuilding negli sport internazionali.

Dobbiamo ancora vedere il bodybuilding alle Olimpiadi, ma ci sono tutte le ragioni per credere che nel prossimo futuro potremmo avere un Mr. Olympia e un signor. olimpico. Dal pipedream di Ben negli anni '60 al 2019, sono già stati fatti molti progressi.

Riferimenti

  1. Weider, Joe, Ben Weider e Mike Steere. Fratelli di ferro. Sports Publishing LLC, 2006, 71.
  2. Ibid., 1-10.
  3. Guttmann, Allen. Dal rito al record: la natura degli sport moderni. Columbia University Press, 2004, 54.
  4. Ibid.
  5. Giusto, John, “The Intangible Arnold: The Controversial Mr. Olympia Contest del 1980 ", Storia del gioco di ferro, 11.1 (2009): 4-22.
  6. Steele, Ian H., Harrison G. Pope Jr e il Gen Kanayama. "Bodybuilding competitivo: fitness, patologia o entrambi?." Harvard Review of Psychiatry 27, n. 4 (2019): 233-240.
  7. Hatfield, Frederick C., "Bodybuilding come sport olimpico", Notizie sportive Marzo-aprile (1998): 4.
  8. Giusto, John D. “Isometrici o steroidi? Esplorando nuove frontiere della forza nei primi anni '60." Giornale di storia dello sport 20, n. 1 (1993): 1-24.
  9. Crowther, Nigel B. “Concorsi di" bellezza "maschili in Grecia: L'Euandria e l'Euexia." L'antiquite Classique (1985): 285-291.
  10. Giusto, John D. Sig. America: la tragica storia di un'icona del bodybuilding. University of Texas Press, 2015.
  11. Ibidl., 93-126.
  12. Woycke, James. Esprit de Corps: A History of North American Bodybuilding. Western University, 2016, 117.
  13. Ibid., 117.
  14. Ibid., 118.
  15. Webster, David e Doug Gillon. Bilancieri e torta di manzo: storia illustrata del bodybuilding. DP Webster, 1979, 141-142.
  16. Ibid.
  17. Woycke, Spirito di gruppo, 119; Oscar State, “The I.F.B.B. Congresso e “Mr. Universe "Contest", Costruttore di muscoli, 16. 2 (1975): 28.
  18. Giusto, Sig. America, 217.
  19. Roach, Randy. Muscoli, fumo e specchietti. Vol. 1. Casa autore, 2011, 175.
  20. Woycke, Spirito di gruppo, 119-120.
  21. Ibid.
  22. Weider, Weider e Steere. Fratelli di ferro, 290.
  23. Ibid.
  24. Mike Rowbottom, "Presidente Rafael Santonja - costruire un corpo di opinioni per portare IFBB verso le Olimpiadi". Dentro i giochi. Disponibile su: https: // www.all'interno dei giochi.biz / articoli / 1062811 / presidente-rafael-santonja-costruisce-un-corpo-di-opinione-per-portare-ifbb-verso-le-olimpiadi.
  25. Woycke, Spirito di gruppo, 120.
  26. Ibid.
  27. Rowbottom, “Presidente Rafael Santonja."
  28. Ibid.
  29. Ibid.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.