La crescente disconnessione tra atleti e allenatori CrossFit

4906
Lesley Flynn
La crescente disconnessione tra atleti e allenatori CrossFit

Sedici anni dopo CrossFit.com è stato lanciato, le persone si trovano ancora a camminare in una palestra CrossFit per la prima volta. Ma siamo reali - 16 anni sono tanti e le cose sono cambiate parecchio. Quando CrossFit è diventato popolare per la prima volta, la visita o l'esperienza di tutti era abbastanza simile in qualsiasi box tu andassi. Forse eri un atleta curioso, o forse eri solo annoiato e volevi provare qualcosa di diverso e nuovo. Ad ogni modo, ti sei presentato, desideroso di imparare e il tuo allenatore era ansioso di allenare. Il rapporto tra allenatore e atleta è stato stabilito in quel primo incontro e alla fine ha creato la spina dorsale di ogni palestra. Sessanta minuti dopo, sei in forma come una merda! Ok, non proprio, ma hai appena avuto un assaggio del Kool-Aid e sei tutto dentro. Sporco, brutalmente duro, guidato dalla comunità, CrossFit.

Avanti veloce fino ad oggi. Ogni casella ha uno schtick diverso rispetto alla casella situata 87 gradini più in basso dell'isolato. Come allenatori, abbiamo avuto 16 anni per acquisire conoscenza ed esperienza. Alcuni di noi hanno 5-10 certificazioni, anni di licenza e istruzione e oltre decine di migliaia di ore di coaching ed esperienza. Eppure in qualche modo, gli allenatori ora stanno gestendo le classi contro effettivamente istruire classi. C'è sempre meno fiducia nello staff tecnico perché è tutta una questione di risultati, il che significa che c'è sempre meno attenzione da parte degli allenatori per migliorare effettivamente gli atleti.

Inoltre, gli atleti non stanno cercando di impegnarsi ... invece cercano premi fedeltà da Groupon per l'acquisto di ogni promozione CrossFit disponibile. Stanno cercando una "settimana libera" in questa e quella palestra e hanno esaurito tutte le possibilità di fitness gratuito possibili, dal CrossFit allo yoga al trapezio. Tutto questo significa esposizione gli atleti entrano in una scatola e pensano di sapere tutto ciò che ha a che fare con tutto ciò che riguarda il fitness.

Foto per gentile concessione di Siem Photography

Questi cambiamenti hanno creato una disconnessione tra atleti e allenatori che è arrivata a tutta forza come il lato oscuro, e stiamo tutti sentendo la tensione.

Vediamola in questo modo. In qualità di allenatore, ci aspettiamo che uno dei seguenti tre tipi di atleti entri in una determinata classe:

-Il "demone" 365, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 CrossFit

-L'atleta "Voglio solo fare un buon allenamento"

-Il #competitor "Ummmm, no grazie, faccio le mie cose"

Per fortuna, gli atleti stanno ancora affollando le palestre in ogni momento della giornata e sono desiderosi di migliorare e migliorare se stessi. La loro etica del lavoro e la loro motivazione sono ridicole, ma indipendentemente dalla categoria in cui rientrano gli atleti, hanno tutti una cosa in comune: hanno bisogno di essere allenati! Non importa da quanto tempo ti alleni o che stile di atleta sei, ad un certo punto avrai bisogno di coaching e continuerai ad averne sempre bisogno. Questo include quelli provenienti da altre palestre o quelli con un background atletico avanzato ... sì, anche tu che stai leggendo questo. La mia frase di stronzate comune preferita che sento spesso è: "Ehi, sì ... sono stato CrossFitting per tipo due anni. Sto bene, non preoccuparti."

Davvero bocciolo? La tua atroce schiena arrotondata e il tuo potere pulito dice il contrario.

Gli atteggiamenti sono cambiati e siamo reali - le persone sono oltremodo sensibili ora. Gli allenatori non vogliono sembrare cattivi o non sapere qualcosa, e si fanno molto male al culo se sono messi in secondo piano. Gli atleti non possono essere visti mentre vengono allenati perché, oh amico, questo deve significare che fai schifo se l'allenatore ti sta davvero aiutando. È un circolo vizioso e ridicolo che si è diffuso a macchia d'olio.

Come possiamo tornare alla relazione connessa che ha costruito la casa del fitness funzionale, ti chiedi? Semplice. Stabilisci uno standard. Me ne frega, questo vale per gli allenatori e atleti.

Per gli atleti di qualsiasi tipo, trova conforto e fiducia nel tuo allenatore. La relazione deve essere stabilita dall'allenatore, si spera proprio quando entri nella porta per la prima volta. Detto ciò, se non sai qualcosa ma hai bisogno di aiuto, vai a chiedere al tuo allenatore! Spesso abbiamo una pista piena di atleti e, sebbene sia nostro compito prestare attenzione e conoscere individualmente ogni atleta, abbiamo solo due occhi. Aiutaci ad aiutarti e chiedi!

Inoltre, come qualsiasi altra cosa in cui investi, fai i compiti prima di entrare in una scatola. Preparati a rimbalzare finché non trovi la giusta combinazione di supporto e conoscenza dai tuoi allenatori. Qualsiasi allenatore sul campo dovrebbe essere in grado di assisterti durante la lezione ... ma se ritieni che un certo allenatore possa influire o aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, contattaci!

Ora, allenatori, come riconquistiamo la fiducia della gente? Sii orgoglioso di calpestare il pavimento e di allenare i tuoi atleti da cima a fondo. Linda, la ricca cercatrice d'oro in classe, ha paura di Olympic Lift, ma assicurati che quando lo fa, la istruisci abbastanza da sentirsi davvero a suo agio e al sicuro. Assicurati di spiegare all'atleta competitivo che i suoi swing KB non sono stati sbagliati, ma possono essere molto più efficienti che a loro volta lo aiuteranno a ottenere prestazioni complessivamente migliori nella sua imminente competizione. Sii paziente con l'atleta che quotidianamente parla con te di percentuali, tecniche diverse e mobilità. Proprio come tua suocera, saranno sempre lì, non importa cosa, quindi basta occuparsi.

Quindi la prossima lezione in cui entri, sia l'atleta che l'allenatore leggendo questo, hanno una mentalità diversa. Che tu riesca a malapena a pensare alla tua folle giornata, lasciati andare e lavora. Rispettatevi e ascoltatevi a vicenda, e costruiremo tutti la connessione di cui abbiamo bisogno per mantenere viva la magia del CrossFit e raggiungere tutti i nostri obiettivi.

Mike Ramirez è un allenatore al Reebok CrossFit 5th Avenue a New York City.  

Nota dell'editore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni qui espresse sono gli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.