I giochi CrossFit sono obiettivi, equi e migliorano ogni anno

2823
Michael Shaw

Darren Coughlan è il proprietario di CrossFit Newcastle, il primo affiliato CrossFit in Australia. Negli ultimi sei anni ha allenato più atleti ai massimi livelli di questo sport, tra cui due persone nel 2016. Questo articolo è stato scritto dopo le sue esperienze come allenatore e spettatore ai Reebok CrossFit Games 2016.

Incontrando alcune persone che lavorano ai CrossFit Games nell'area di riscaldamento, abbiamo parlato delle capacità degli atleti lì. Il piatto principale: Per ognuno degli atleti, la loro capacità di sopravvivere e prosperare nelle varie sfide fisiche presentate è davvero impressionante.

Fondamentalmente da nessun'altra parte potresti vedere questo livello e ampiezza di preparazione. Nessun altro sport pone richieste così ampie ai propri atleti. È un grande complimento per CrossFit che i Giochi presentino gli atleti giusti per essere scelti e rappresentare la loro forma fisica su un palcoscenico internazionale.

Cosa intendo con questo? Ebbene, CrossFit ha sviluppato uno sport completamente obiettivo: la persona più veloce vincerà, semplice. Questo è diverso da alcuni sport olimpici in cui la soggettività entra nel punteggio. Crescendo, ricordo che la battuta sulla corsa con la subacquea o la ginnastica era "così e così ottiene 10, 10, 10 e il giudice cinese dà 2" - forse sto parafrasando, ma ha influenzato la mia percezione di quegli sport, sicuramente.

Non solo a volte entra in gioco qualche "varianza" di punteggio, ma anche il paese dell'atleta può adottare un approccio politico nella selezione degli atleti da inviare alle Olimpiadi, o chi corre nella staffetta sprint, ecc.

Non vedrai mai qualcuno che non meriti di essere ai Giochi sul campo di gara; gli Open e i Regionali fanno un ottimo lavoro nel portare gli atleti giusti - i più in forma come testato dalle richieste di CrossFit - ai Giochi.

Una piccola nota a margine: hai mai notato che le persone che non si qualificano per i Regionali o i Giochi si impegnano a "diventare più forti" oa un "ciclo di sollevamento?"Chiedo," Perché "? la forza non è il motivo per cui hanno perso la qualificazione per il passaggio successivo.

CrossFit fa anche un buon lavoro nell'affrontare le esigenze degli atleti senza esagerare. Credo che anche se non è sempre stato così, con il passare del tempo stanno migliorando.

Avendo mandato atleti ai Giochi dal 2011, quest'anno è stato un netto miglioramento rispetto alla mia prima esperienza come allenatore. Capisco, sono un allenatore professionista con atleti alle partite, ma io e altri allenatori professionisti veniamo ammassati insieme a partner, amici e portaborse che in passato rendevano difficile l'allenamento ai Giochi a causa del loro comportamento; oggi sono grato che ci sia un accesso più limitato alle aree degli atleti. Questo non vuol dire che tutti i partner si rendano un problema, ma è un posto di lavoro, non una vacanza, e tutti dietro le quinte hanno un lavoro da fare.

L'unico settore in cui le Olimpiadi e altri sport svolgono un lavoro migliore, secondo me, è l'accreditamento degli allenatori e l'accesso ad atleti e strutture. Di nuovo: ho capito, e nel corso degli anni ho assistito ad alcuni esempi di comportamenti tutt'altro che stellari da parte di alcuni, e fa sembrare tutti gli allenatori come seguaci. Forse HQ potrebbe introdurre e introdurrà in futuro un sistema di accreditamento più solido.

Se guardi a queste ultime Olimpiadi, Rio, i rapporti sulle strutture e quasi ogni altro fattore logistico si stanno dimostrando non all'altezza dello "standard olimpico". Adoro il fatto che la squadra di basket maschile e femminile degli Stati Uniti stia su una nave da crociera e non nel villaggio degli atleti a Rio; pensiero brillante, e non è la prima volta che hanno fatto quella mossa. Ecco un'area in cui penso che CrossFit non faccia un ottimo lavoro provando per farlo, e credo davvero che lasciare che gli atleti coprano il proprio alloggio, i pasti, ecc. è una mossa intelligente. Ovviamente un aiuto finanziario per la logistica sarebbe ottimo, ma tutti gli sport lo desiderano.

Per essere completamente obiettivi nello sport, i CrossFit Games sono il più vicino possibile. Proprio come gli eventi in pista, i vincitori si esibiscono in modo che tutti possano vederli. Sì, ci sono alcune chiamate di giudizio scadenti e standard incoerenti a volte (mi vengono in mente le flessioni sulla verticale dell'anello di quest'anno - in realtà qualsiasi cosa sugli anelli si rivela un problema per giudicare secondo me).

Ma questo è sport, ed è per questo che CrossFit per me è lo sport di transizione, o sport di passaggio tra gli "sport con la palla" e gli eventi di atletica leggera.

L'atletica leggera ha un compito fisico, come fare uno sprint per 100 metri o lanciare un giavellotto per la distanza; c'è un campo per eseguire quell'operazione e un'unità di misura, una distanza o un tempo. Estremamente simili sono gli allenamenti / eventi CrossFit. Quindi aggiungi il fattore "sport con la palla" di un ufficiale sul campo e avrai i giochi CrossFit.

A volte ottieni un grande arbitro, a volte un cattivo. Ma quante volte vedi quell'arbitro o quel giudice costa la partita a una squadra di calcio? C'è un detto in Australian Sports: "Toglilo dalle mani dell'arbitro", il che significa che se non ti stai adattando a ciò che vuole l'arbitro, non meriti di vincere la partita.

Guardando indietro ai CrossFit Games di quest'anno, ovviamente c'erano alcuni giudizi discutibili, ma dopo essere stati dietro le quinte e aver visto tutti gli eventi, i primi 3 uomini e donne per i Giochi di quest'anno sono saliti sicuramente sul podio domenica pomeriggio.

In definitiva, il CrossFit è uno sport obiettivo e il migliore vincerà. Per me, questo è ciò che lo rende migliore e più equo della maggior parte degli sport olimpici: i migliori possono competere.

Nota dell'editore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni qui espresse sono gli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.