La capacità della Thailandia di ospitare i Campionati mondiali IWF 2019 in questione dopo i test positivi

3687
Yurchik Ogurchik
La capacità della Thailandia di ospitare i Campionati mondiali IWF 2019 in questione dopo i test positivi
In una storia coperta per la prima volta da Inside the Games, quattro sollevatori di pesi thailandesi sono risultati positivi alle sostanze vietate dopo i Campionati mondiali di sollevamento pesi 2018. I test positivi potrebbero potenzialmente mettere a repentaglio la capacità della Thailandia di ospitare i Campionati del Mondo 2019, in programma entro la fine dell'anno a Pattaya.

Questo annuncio porta ora a sei il numero totale di atleti thailandesi che hanno fallito i test antidoping ai Campionati mondiali IWF 2018, e questo elenco include i campioni olimpici Sopita Tanasan (48 kg) e Sukanya Srisurat (58 kg). 

Dall'ultima politica antidoping dell'IWF, affermano che le nazioni che producono tre o più test positivi in ​​un anno solare possono affrontare sospensioni dalla competizione internazionale fino a quattro anni. Inoltre, la Thailandia potrebbe dover affrontare una multa di $ 200.000 per i sei test positivi.

Foto di Tim Scott - Lifting Life

Il 23 dicembre, l'IWF ha annunciato per la prima volta le divulgazioni pubbliche per i primi due atleti thailandesi risultati positivi agli agenti anabolizzanti ai Campionati del Mondo 2018.

  • Teerapat Chomchuen (55KG, DNP)
  • Duanganksnorn Chaidee (87KG +, medaglia di bronzo)

L'IWF ha annunciato nella sua dichiarazione, "Nonostante i test su circa il 52% di tutti gli atleti partecipanti ai Campionati mondiali IWF 2018, inizialmente non sono stati registrati AAF [Adverse Analytic Findings]. Ma ulteriori analisi in collaborazione con la Athlete Passport Management Unit dell'IWF, il laboratorio antidoping di Colonia, hanno visto ulteriori analisi effettuate sui campioni di atleti target utilizzando la tecnica più sofisticata disponibile "

Gli atleti inclusi negli ultimi test positivi includono:

  • Thunya Sukcharoen (45KG, medaglia d'oro)
  • Chitchanok Pulsabsakul (87 kg +, 6 ° posto)
  • Sopita Tanasan (49KG, 4 ° posto) Campionessa olimpica 2016
  • Sukanya Srisurat (55KG, medaglia d'oro) Campionessa olimpica 2016

Per i trasgressori per la prima volta, la penalità dell'atleta IWF è una perdita di risultati e una sospensione di quattro anni dalla competizione. Pulsabsakul e Srisurat avevano ricevuto sanzioni nel 2011 e ora sono soggette a un divieto di otto anni dallo sport.

Foto per gentile concessione di Tim Scott - Lifting Life

Nell'aprile 2018, l'IWF ha pubblicato il suo nuovo sistema di qualificazione olimpica insieme a nuove linee guida per i paesi che avevano prodotto test atletici positivi tra gli anni 2008 e 2020. Dal loro rapporto, l'IWF afferma che qualsiasi nazione con un intervallo da 10 a 19 violazioni del doping tra gli anni 2008 e 2020 sarà limitata a quattro atleti alle Olimpiadi di Tokyo del 2020. Nel 2011, la Thailandia aveva annunciato sette test positivi; e con l'annuncio di gennaio sono attualmente a 15 test positivi. Se raggiungono 20, saranno limitati rispettivamente a un massimo di un atleta maschio e una femmina.

Non ci sono state ancora conferme dagli organi di governo del sollevamento pesi, ma con i recenti sei test positivi la Thailand Weightlifting Federation (TAWA) potrebbe potenzialmente perdere il diritto di ospitare i Campionati del Mondo 2019. Inoltre, potrebbero anche perdere la capacità di far gareggiare gli atleti ai Giochi Olimpici del 2020 a Tokyo.

Immagine in primo piano per gentile concessione di Tim Scott di Lifting Life. 


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.