Lo studio fa diete a basso contenuto di carboidrati effettivamente aumenta il rischio di malattie cardiache?

4247
Christopher Anthony
Lo studio fa diete a basso contenuto di carboidrati effettivamente aumenta il rischio di malattie cardiache?

Una nuova meta-analisi di otto studi clinici controllati randomizzati di alta qualità pubblicati in Recensioni nutrizionali mira ad aiutare a rispondere alla domanda se le diete a basso contenuto di carboidrati aumentano il rischio di malattie cardiache.(1)

Limitare i carboidrati è un intervento popolare per aiutare le persone a perdere peso. Sì, limitare quello che è il più diffuso nella dieta americana standard probabilmente ridurrà l'assunzione complessiva di calorie, ma alcune ricerche hanno anche scoperto che le diete a basso contenuto di carboidrati riducono il rischio di malattie cardiache.(2) (3)

[Per saperne di più: una dieta a basso contenuto di carboidrati è una buona idea per gli atleti?]

Tuttavia, persistono preoccupazioni sul fatto che aumentare l'assunzione di grassi possa aumentare il rischio di malattie cardiache, soprattutto perché le diete a basso contenuto di carboidrati di solito non limitano i grassi saturi. Quando si tratta di colesterolo, la ricerca è contrastante, con alcuni studi che hanno riscontrato un aumento del colesterolo LDL (che di solito è chiamato colesterolo "cattivo"), alcuni non hanno riscontrato alcun effetto e altri una diminuzione.(4) (5) (6)

Il nuovo studio ha cercato di mettere in comune gli studi di qualità più elevata: solo studi randomizzati controllati di almeno 100 persone in sovrappeso o obese, e dovevano durare ben sei mesi. Non sappiamo quanto del consumo di grassi fosse saturo o insaturo. Lo ha scoperto rispetto alle diete a basso contenuto di grassi, diete a basso contenuto di carboidrati aumentavano significativamente sia il colesterolo LDL ("cattivo") e quello HDL ("buono").

Ma la differenza era piccola - l'LDL è aumentato di 0.07 mmol / L, che è probabilmente clinicamente insignificante e ammonta a circa un 1.5% di aumento del rischio a breve termine. Quando questo è combinato con l'aumento di HDL, che si abbassa il rischio di malattie cardiovascolari, questa meta-analisi ha suggerito che potrebbe non esserci affatto un reale aumento del rischio, anche se dovremmo tenere presente che l'analisi non tiene conto di altri fattori di rischio, secondo una recensione pubblicata su Examine.com Research Digest.

Questi altri fattori di rischio per CVD includono l'ossidazione - l'ossidazione delle LDL lo rende più patogeno - quindi lo stato ossidativo dei partecipanti ei livelli di infiammazione potrebbero influenzare in modo significativo la quantità di un problema che l'LDL è.

Questo è ancora un altro motivo per cui si dovrebbe prendere in considerazione l'esercizio, l'assunzione di nutrienti e lo stile di vita quando si cerca di gestire il rischio di malattie cardiache.

[Scopri di più su come combattere l'infiammazione con la nostra lista dei migliori integratori di Omega-3 sul mercato!]

Nota che questa meta-analisi non è definitiva e che la ricerca rimane in conflitto sui pro e contro delle diete a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi per la gestione del rischio di malattie cardiache. Anche l'assunzione generale di cibo e le fonti di cibo sono estremamente importanti qui, quindi assicurati di guardare questo studio nel contesto del proprio approccio generale alla salute e alla gestione del peso.

Nota del redattore: il contenuto di BarBend ha lo scopo di essere di natura informativa, ma non deve essere preso come consiglio medico. Le opinioni e gli articoli su questo sito non sono destinati ad essere utilizzati come diagnosi, prevenzione e / o trattamento di problemi di salute.

Riferimenti

  1. Gjuladin-Hellon T, et al. Effetti delle diete povere di carboidrati sui livelli di colesterolo delle lipoproteine ​​a bassa densità negli adulti in sovrappeso e obesi: una revisione sistematica e una meta-analisi. Nutr Rev. 1 marzo 2019; 77 (3): 161-180.
  2. Foster GD, et al. Uno studio randomizzato di una dieta a basso contenuto di carboidrati per l'obesità. N Engl J Med. 22 maggio 2003; 348 (21): 2082-90.
  3. Hu T, et al. La dieta a basso contenuto di carboidrati e fattori di rischio cardiovascolare: evidenze da studi epidemiologici. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2014 aprile; 24 (4): 337-43.
  4. Bueno NB, et al. Dieta chetogenica a bassissimo contenuto di carboidrati v. dieta a basso contenuto di grassi per la perdita di peso a lungo termine: una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Br J Nutr. 2013 ottobre; 110 (7): 1178-87.
  5. Naude CE, et al. Diete a basso contenuto di carboidrati rispetto a diete isoenergetiche equilibrate per ridurre il peso e il rischio cardiovascolare: una revisione sistematica e una meta-analisi. PLoS One. 9 luglio 2014; 9 (7): e100652.
  6. Hu T, et al. Effetti di diete a basso contenuto di carboidrati rispetto a diete a basso contenuto di grassi sui fattori di rischio metabolico: una meta-analisi di studi clinici controllati randomizzati. Sono J Epidemiol. 1 ottobre 2012; 176 Suppl 7: S44-54.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.