Op-Ed Quando la ricerca si interrompe in palestra

3690
Thomas Jones
Op-Ed Quando la ricerca si interrompe in palestra

Nota del redattore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni espresse nel presente documento e nel video sono dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.

Ultimamente, ho ricevuto molte richieste per supportare le mie raccomandazioni con "prove."Metto la parola tra virgolette perché di solito, quando gli atleti chiedono prove, intendono specificamente prove formali, ovvero prove raccolte durante esperimenti controllati in un contesto accademico. Certamente non c'è niente di sbagliato nella ricerca accademica: è incredibilmente utile per supportare ipotesi su come il corpo umano risponde all'allenamento.

Ma ci sono molti problemi nel fare affidamento esclusivamente sulla ricerca accademica. Ho affrontato questa domanda un po 'in un precedente articolo e video qui su BarBend, quindi non voglio rimuginarlo troppo. Tuttavia, voglio offrire un breve riassunto delle insidie ​​tra gli esperimenti controllati e l'effettivo addestramento in trincea:

Potenziali insidie ​​nella ricerca controllata

  • Gli esperimenti vengono condotti raramente con partecipanti altamente qualificati e pertanto potrebbero non essere applicabili ad atleti altamente qualificati.
  • A mio parere, la varianza individuale è un fattore così importante nei risultati dell'allenamento che anche se il campione di un esperimento è indicativo della popolazione più ampia, potrebbe non essere applicabile a te come individuo.
  • Gli accademici spesso affrontano conflitti di interesse nel processo di pubblicazione, il che può portare a conclusioni non necessariamente supportate da prove in ogni caso.

C'è un altro motivo per cui non mi piace fare eccessivo affidamento sulla ricerca accademica, e questo motivo riguarda la differenza tra conoscenza tacita e formale. Conoscenza formale è quello che abbiamo affrontato finora: si tratta di informazioni che sono state studiate, scritte e applicate in un'ampia varietà di contesti.

Conoscenza tacita non è esattamente l'opposto della conoscenza formale. In effetti, la conoscenza tacita è solitamente supportata da prove proprio come la conoscenza formale. La conoscenza tacita di solito viene rivista anche dai migliori esperti. Tuttavia, niente di tutto ciò si verifica in un contesto accademico rigorosamente controllato. Questo perché la conoscenza tacita non può essere scritta o addirittura spiegata, nemmeno dagli esperti. Invece, viene comunicato principalmente attraverso l'osservazione e la pratica.

Ecco un esempio di conoscenza tacita: diciamo che sei un allenatore della forza e hai guardato uno dei tuoi atleti squat. C'è qualcosa di strano nella sua tecnica (forse si sporge troppo in avanti, ma usa ancora una quantità adeguata di spinta dell'anca e non esegue uno "squat mattutino"). Non puoi mettere un nome o un'etichetta sul difetto tecnico, ma puoi dire - semplicemente guardando lo schema di movimento - che questo singolo atleta ha bisogno di restringere un po 'la sua posizione e concentrarsi maggiormente sullo spostamento del ginocchio in avanti. Non esiste uno studio che supporti questa raccomandazione. Invece, stai applicando la tua tacita conoscenza ed esperienza dalla tua formazione come coach per risolvere il problema.

Ora, tieni presente che la conoscenza tacita può essere imbastardita altrettanto facilmente della conoscenza formale (forse più facilmente). Non sto dicendo di prendere tutto ciò che senti da un atleta o allenatore di alto livello o da guru di Internet per valore nominale.Infatti, è un'idea terribile, terribile, terribile.

Sto dicendo che se passi ore, anche giorni, alla ricerca delle prove scientifiche che ti aiuteranno a creare il programma perfetto; o se ti aggrappi ciecamente alle prove che trovi; o se ignori gli argomenti solo per mancanza di prove formali: devi fermarti. Ti suggerisco invece di seguire questi passaggi.

Quattro passaggi per utilizzare la ricerca accademica in modo appropriato

1. Smetti di ossessionare

Sul serio. Ancora una volta, se sei sempre alla ricerca di frammenti di ricerca accademica per giustificare ogni singola cosa che fai in palestra, devi smetterla. Per prima cosa, è una perdita di tempo ed energia. Ma ancora più importante, se basi tutte le tue decisioni sulla ricerca accademica, ti preparerai al fallimento, o almeno a risultati non ottimali.

C'è semplicemente troppo valore nella forza tacita e nella conoscenza condizionata per ignorarlo completamente.

Foto di Rawpixel.com / Shutterstock

2. Fare una lista

Siediti con il tuo diario di allenamento (tieni un file giornale di formazione, giusto?). Esaminalo - con attenzione - e seleziona i tuoi tre cicli di allenamento migliori in assoluto.

Fai un elenco dei fattori comuni tra questi cicli di allenamento. Potresti prestare attenzione alla selezione del movimento, ai parametri di caricamento e persino a eventi significativi della vita al di fuori della palestra.

3. Controllalo due volte

Dopo aver fatto la tua lista, mettila da parte per alcuni giorni per permettere alla tua mente di schiarirsi. Quindi, torna indietro e questa volta prova a identificare quale dei "fattori di successo" stai ancora utilizzando nella tua formazione attuale. Se ne hai lasciato cadere qualcuno, chiediti perché potresti aver deviato da un metodo che funzionava!

4. Itera e sperimenta

Ora che conosci i tuoi fattori di successo e come si adattano allo schema dei tuoi attuali metodi di allenamento, prova a identificare nuovi metodi che potrebbero migliorare ulteriormente il tuo allenamento. Ad esempio, se hai scoperto che tutti i tuoi cicli di allenamento comportano squat con barra di sicurezza, potresti fare un brainstorming su altri movimenti che condividono elementi in comune con la barra di sicurezza.

Applicare la ricerca ..

Ora, qui è dove gli studi accademici possono essere preziosi. Supponiamo che tu abbia scoperto che tutti i tuoi cicli di allenamento di successo comportano blocchi di periodizzazione tradizionali (ipertrofia, forza, ecc.), ma ti sei annoiato con quel metodo.

Potrebbe essere un buon momento per indagare sulla periodizzazione ondulata quotidiana e utilizzare la ricerca per sviluppare un piano per la transizione dalla periodizzazione a blocchi "tradizionale" al DUP.

Immagine in primo piano dalla pagina Instagram di @phdeadlift.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.