Incontra il campione nazionale filippino di CrossFit Robin Jaramillo

4049
Joseph Hudson

Robin Jaramillo ha gareggiato nel CrossFit Open ogni anno dal 2013, gareggiando sempre per gli Stati Uniti.

Quest'anno, il 29enne Jaramillo, cittadino delle Filippine, i cui genitori sono nati e cresciuti lì, ha deciso di competere per la patria dei suoi genitori. E dopo la competizione CrossFit Open di cinque settimane nell'autunno del 2019, Jaramillo si è ritrovato il campione nazionale del suo paese, guadagnandosi il suo primo posto in assoluto ai CrossFit Games 2020 a Madison, Wisconsin quest'estate. Nella classifica mondiale, Jaramillo ha chiuso con un rispettabile 830 ° posto assoluto.

Abbastanza impressionante, considerando tra dicembre 2018 e marzo 2019, Jaramillo non stava nemmeno facendo CrossFit, ha spiegato, perché stava costruendo la sua palestra CrossFit Elmwood Park a Elmwood Park, N.J.

"La mia mente e il mio corpo avevano bisogno di una pausa dal (CrossFit), quindi sono tornato al bodybuilding (allenamento)", ha detto della sua decisione di prendere quattro mesi di pausa dal classico allenamento in stile CrossFit.

Ha dato i suoi frutti. Ha acquisito forza e poi è tornato a CrossFit nell'aprile 2019 e ha iniziato a seguire la programmazione della sua palestra, saltando anche in lezioni di gruppo.

"E se sentissi di voler scherzare con i movimenti ad alta abilità, come le camminate in verticale e le tavole forate, allora ci avrei provato prima o dopo le lezioni", ha aggiunto.

Da quando si è qualificato ai CrossFit Games, la vita di Jaramillo come proprietario di una palestra è diventata ancora più frenetica. La maggior parte dei giorni si alza alle 5:30 del mattino.m. e spesso non va a letto fino alle 11 p.m.

Le sue giornate iniziano con il coaching nelle lezioni mattutine, che iniziano alle 6:30 a.m. Dopodiché, di solito fa una sessione di allenamento cardiovascolare prima di fare colazione. Poi è il momento di allenarsi di nuovo a mezzogiorno, seguito dalla pulizia della palestra, dal recupero di altri lavori e dall'allenamento di nuovo nel tardo pomeriggio. Alla sera, Jaramillo tiene più lezioni e spesso si unisce a una lezione serale. Entro le 9:30 p.m., finalmente chiude a chiave la palestra e si dirige a casa.

Entrando nei suoi primi CrossFit Games, gli obiettivi di Jaramillo sono umili.

"Il mio obiettivo è sopravvivere al primo taglio. Suo è una cosa grandiosa che una gara di un giorno e mezzo sia ora garantita prima del taglio (a differenza del 2019, dove quasi la metà del campo è stata tagliata dopo il primo allenamento), ma sto cercando di allenarmi di più ", Egli ha detto. "È sempre stato un sogno per me andare ai Giochi come spettatore e atleta, quindi che diventi realtà è qualcos'altro."

Ammette che i nervi stanno già entrando in azione.

“C'è sicuramente un fattore di intimidazione. Non rappresento solo la mia palestra, ma un intero paese. Tonnellate di occhi saranno su di me e non voglio deludere ", ha detto Jaramillo. “Voglio mostrare e dimostrare al mondo che appartengo al palco principale con atleti di alto livello."

Ha aggiunto: "Non mentirò se dico che sarò un po 'sbalordito quando arrivo lì, ma vieni a riscaldarti e quando il mio calore se ne andrà, mi concentrerò su me stesso e mi esibirò nel miglior modo possibile."

Per allenarsi per il grande evento di questa estate, Jaramillo gareggerà alla competizione Asbury Park Summer Games Sanctional nel New Jersey a fine giugno, oltre a varie altre competizioni locali nei prossimi mesi.

Trascorrerà anche un po 'di tempo a lavorare sul suo gioco mentale, che ha detto è uno dei suoi punti deboli.

“Mi metto facilmente in testa e non credo in me stesso, che posso competere contro alcuni dei grandi di questo sport. È un lavoro in corso ", ha detto.

Indipendentemente dal risultato a Madison, Jaramillo è grato per l'opportunità e grato per le persone nella sua vita che lo hanno aiutato a raggiungere l'apice dello sport del CrossFit.

“Il mio successo può essere attribuito a tutti i miei compagni di allenamento e allenatori lungo la strada. Voglio sempre che tutti vincano dentro e fuori la palestra. Sono alimentato dal successo di tutti nel suo insieme, non solo dai miei sforzi individuali ", ha detto.

Ha aggiunto: “Sarà una follia. Non vedo l'ora di arrivare a Madison."

Foto per gentile concessione di Daniela Bustamante


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.