Incontra Sana'a Mandar, la prima donna marocchina a competere ai CrossFit Games

1737
Milo Logan

Nel 2019, Sana'a Mandar è diventata la prima donna a rappresentare il Marocco ai CrossFit Games.

"La sensazione di realizzazione e orgoglio di essere la prima donna a rappresentare il mio paese in una competizione così prestigiosa ... Ero così orgogliosa di rappresentare il mio paese", ha detto di ciò che stava provando mentre camminava nelle cerimonie di apertura.

Per Mandar, anche solo arrivare a Madison è stato un risultato. Ha ricevuto il visto appena in tempo per recarsi negli Stati Uniti per competere.

Quest'estate Mandar tornerà per competere a Madison, Wisconsin, per la sua seconda esperienza consecutiva di CrossFit Games. Si è qualificata durante il CrossFit Open 2020 quando è diventata campionessa nazionale del Marocco, un risultato che ha raggiunto negli ultimi tre anni.

Partecipando ai Giochi questa estate, Mandar ha un obiettivo importante: piazzarsi più in alto questa estate rispetto al suo 107 ° posto dell'anno scorso.

Sebbene questo sia il suo obiettivo in competizione, la 31enne Mandar ha un obiettivo ancora più ampio: ispirare altre donne del suo paese a resistere e ad essere forti e indipendenti.

“La nostra società rimane dominata dagli uomini e il ruolo della donna è spesso incorniciato dagli uomini sin dalla nascita. Sono stato molto fortunato a essere cresciuto e a condividere la mia vita con persone di mentalità aperta, che credono fortemente nell'uguaglianza tra uomini e donne. Non è una cosa comune incontrare e accettare donne come me in una società dominata dagli uomini, ma fortunatamente ho un marito e un padre che mi sostengono ", ha detto Mandar.

Ha aggiunto: “Ho scelto di andare contro questa mentalità perché volevo dimostrare a tutte le donne che soffrono di discriminazione che non possiamo arrenderci."

Mandar nasce onestamente dal suo interesse per lo sport e il fitness. Suo padre correva maratone, mentre sua sorella era una ginnasta e suo fratello gareggiava nel bodybuilding.

Oltre ad essere un'atleta a tempo pieno, che si allena per due ore e mezza ogni mattina e torna in palestra per una sessione pomeridiana, è anche moglie e madre a tempo pieno di un bambino di 4 anni figlia, che è già appassionata di judo, ginnastica e ballo. Sebbene sia impegnata, Mandar è abituata alle esigenze di essere un'atleta di alto livello.

Prima di CrossFit, era grande nelle arti marziali, in particolare nel SAMBO, un'arte marziale sovietica. SAMBO è un acronimo che si traduce in autodifesa senza armi.

Mandar è stato infatti il ​​campione africano SAMBRO 2018 nella divisione 68 kg. Ha anche gareggiato sia nel judo che nel wrestling.

Quando le è stato chiesto perché ama gareggiare, ha spiegato: "(Adoro) svegliarmi ogni giorno con un obiettivo: essere una versione migliore di te stesso seguendo un processo disciplinato e rigoroso per migliorare ed uscire dalla tua zona di comfort", ha detto.

Mandar avrà molte opportunità di uscire dalla sua zona di comfort quest'estate a Madison quando si troverà testa a testa con le donne più in forma della terra, rappresentando con orgoglio le donne del suo paese nel processo.

Immagini per gentile concessione di @mourad_belasrya


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.