Incontra l'atleta di CrossFit Games Nastassia Kaddour che apre nuove strade per le donne coperte

1684
Oliver Chandler

Questa estate, Natassia Kaddour diventerà la prima donna algerina a competere ai CrossFit Games a Madison, Wisconsin.

Nata ad Algeri, Algeria nel 1992, la 27enne si è trasferita negli Emirati Arabi Uniti nel 1993, dove ha studiato fisioterapia. Oggi lavora come fisioterapista a tempo pieno e trova anche il tempo per allenarsi almeno due ore al giorno, sei giorni alla settimana presso CrossFit Al Ain ad Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti.

"Studiare fisioterapia mi ha fatto capire l'importanza dell'esercizio, quindi mi sono unito a CrossFit", ha detto Kaddour di come ha trovato CrossFit.

Ha gareggiato nella sua prima gara CrossFit Open nella divisione in scala nel 2016, e poi ha continuato a migliorare la sua forma fisica. Nel 2019, ha dovuto ritirarsi dagli Open a causa di un infortunio alla schiena, ma è tornata nel 2020 ed è diventata la campionessa nazionale algerina, qualificandola a Madison quest'estate.

Kaddour avrà sicuramente una presenza unica in pista, poiché sarà una delle poche donne che indossano un velo, qualcosa di cui è orgogliosa.

"Sono contento di aver avuto l'opportunità di mostrare a tutte le donne che indossare un velo non è un motivo per smettere di fare ciò che ami. Alcuni anni fa, non era comune trovare donne coperte che lavoravano con uomini, perché non era accettato culturalmente. È stato persino guardato dall'alto in basso ", ha detto Kaddour, che ha un padre algerino e una madre ucraina.

Ha aggiunto: “Ora, con l'aiuto dei social media, le persone accettano di più questa idea. Ci sta aprendo più opportunità per perseguire ciò che prima non potevamo."

Kaddour ringrazia i suoi genitori per averle permesso di essere chi vuole essere.

“Sono un mix di entrambi i mondi. Penso che questo sia ciò che mi ha aiutato ad avere il coraggio di competere a un livello così alto ", ha detto della sua eredità ucraina e algerina. “Il sostegno costante dei miei genitori perché loro stessi hanno infranto le norme culturali sposandosi da culture così diverse. Quindi ringrazio i miei genitori per avermi insegnato a fare ciò che mi sembra giusto anche se non è così socialmente accettato."

Sebbene Kaddour abbia una grande rete di supporto, ammette che perseguire uno sport di alto livello non è venuto senza le sue sfide.

"All'inizio è stato difficile perché non mi sentivo a mio agio ad allenarmi con gli uomini, perché la scatola CrossFit che usavo per allenarmi offriva solo lezioni miste. Immagina, una ragazza che ha vissuto la maggior parte della sua vita studiando in una scuola per sole ragazze, avendo per lo più ragazze come amiche, andando in una palestra mista ", ha spiegato Kaddour.

Infatti, durante i suoi primi mesi in palestra, la madre di Kaddour si accompagnava mentre sua figlia si allenava.

Alla fine, però, Kaddour scoprì di appartenere a questa comunità.

"Le persone che hanno lavorato con me sono state di supporto e di aiuto, il che mi ha aiutato a sentirmi a mio agio imparando un nuovo sport", ha detto, aggiungendo: "Non sono (ancora) a mio agio al 100%, ma sto facendo del mio meglio."

La sua comunità CrossFit ha anche aiutato Kaddour ad apprezzare il fatto che "vive in un'epoca in cui essere forti è visto come una risorsa", ha spiegato. "Quindi è fantastico che la mia comunità e il mio corpo non si arrendano a me e mi stanno aiutando a perseguire i guadagni e la forma fisica che amo."

Certo, ci sono state volte in cui le persone le hanno detto che diventare forte è virile, o `` Stai diventando troppo grande per una ragazza '', ma generalmente questo non la influenza, ha detto.

"Perché conosco i vantaggi di avere un po 'più di muscoli del solito", ha detto Kaddour, che spera che la sua presenza a Madison aiuterà a dissipare i miti che molti hanno su molte donne coperte.

“Il primo e il più comune (malinteso) è che le donne siano costrette a indossarlo. Non è una nostra scelta personale. Questo ci sta togliendo la libertà ", ha detto. “Beh, scelgo di indossarlo e mi sento a mio agio. Indicava chiaramente la religione che seguo con orgoglio."

Ha aggiunto: “Credo che a ogni donna dovrebbe essere data la possibilità di scegliere cosa indossare se è a suo agio nell'indossarlo. Questo vale per il velo e tutte le varie forme di vestiti."

Quindi, poiché la maggior parte delle donne a Madison sarà vestita con reggiseni sportivi e pantaloncini da bottino, Kaddour sceglierà con orgoglio di rimanere coperta. E mentre quelli che guardano probabilmente prenderanno nota delle sue diverse scelte di abbigliamento rispetto al resto del campo, questa sarà la cosa più lontana dalla mente di Kaddour. Si concentrerà sulla competizione e sul piacere di vivere il suo sogno.

“Sono piuttosto entusiasta di competere tra le persone più in forma del mondo. Li guardavo sempre dagli spalti o in TV, ma questa volta condividerò il piano di gara. Quanto è pazzo questo?" lei disse.

Nella sua mente mostrerà anche ad altre donne del suo paese cosa è possibile per loro nel 2020.

“Spero di dimostrare a tutte le donne in Algeria che essere forti non è qualcosa da guardare dall'alto in basso. Le donne non sono deboli. Le donne possono fare ed essere qualunque cosa scelgano di essere ”, ha detto.

Foto per gentile concessione di @onemanone.telecamera


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.