Il CIO vieta agli atleti di indossare abiti Black Lives Matter sul podio dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020

2278
Thomas Jones
Il CIO vieta agli atleti di indossare abiti Black Lives Matter sul podio dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha vietato agli atleti di qualsiasi sport nel programma dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 di indossare l'abbigliamento "Black Lives Matter (BLM)" sul podio. Secondo il Associated Press, il CIO ha specificato che slogan come "Black Lives Matter" sull'abbigliamento degli atleti nelle sedi olimpiche non sono consentiti. La decisione arriva a seguito dei risultati di un sondaggio lanciato dal CIO nel dicembre 2020 a 3.547 atleti olimpici in merito alla regola 50 della Carta olimpica - "pubblicità, dimostrazione e propaganda."Secondo le linee guida sviluppate dalla Commissione Atleti del CIO presieduta dalla medaglia d'oro olimpica Kirsty Coventry, la Regola 50 intende" proteggere la neutralità dello sport e dei Giochi Olimpici."La regola afferma:

  1. Ad eccezione di quanto autorizzato in via eccezionale dal Comitato Esecutivo del CIO, nessuna forma di pubblicità o altra pubblicità sarà consentita dentro e sopra gli stadi, i luoghi e altre aree di competizione che sono considerate come parte dei siti olimpici. Installazioni commerciali e cartelli pubblicitari non sono consentiti negli stadi, nei luoghi di ritrovo o in altri campi sportivi.
  2. Nessun tipo di dimostrazione o propaganda politica, religiosa o razziale è consentita in qualsiasi sito olimpico, sede o altre aree.

I dati del sondaggio hanno rivelato che il 67% degli atleti intervistati, compresi gli atleti di 185 paesi che gareggiano in tutti i 41 sport del programma olimpico, sostiene il divieto delle proteste sul podio. Il 70% ha convenuto che sarebbe inappropriato protestare sul campo di gioco o durante le cerimonie ufficiali.

[Correlato: L'uomo più forte del mondo Martins Licis marcia a sostegno del movimento #BlackLivesMatter]

Questo divieto dell'abbigliamento BLM sul podio olimpico suggerisce che il CIO sta tentando di separare i Giochi e gli eventi che si svolgono a loro dalle proprie opinioni dichiarate nei confronti dell'ingiustizia razziale. Nel giugno 2020, il CIO ha emesso una risoluzione “condannando il razzismo con la massima fermezza."Continua dicendo:" I Giochi Olimpici sono una dimostrazione globale molto potente contro il razzismo e per l'inclusività."

Nel giugno 2020, il CIO ha vietato agli atleti di inginocchiarsi o protestare nei luoghi olimpici, che includono:

  • Sul campo di gioco.
  • Nel villaggio olimpico.
  • Durante le cerimonie delle medaglie olimpiche.
  • Durante le cerimonie di apertura, chiusura e altre cerimonie ufficiali.

Le linee guida per la Regola 50 affermano: "È un principio fondamentale che lo sport sia neutrale e deve essere separato da interferenze politiche, religiose o di altro tipo."

Risposta del sollevamento pesi USA

BarBend ha contattato USA Weightlifting (USAW) per un commento sulla decisione del CIO. Ecco la loro risposta, supportata dal CEO di USAW Phil Andrews:

“USA Weightlifting supporta gli atleti nell'utilizzo delle loro piattaforme per richiamare l'attenzione su problemi o effettuare cambiamenti nella società. Questo è codificato nella nostra politica di protesta degli atleti che regola questo tipo di discorso agli eventi sanzionati di sollevamento pesi negli Stati Uniti. Mentre il Comitato Olimpico Internazionale ha scelto di applicare la Regola 50 della Carta Olimpica in questo caso per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, USA Weightlifting continuerà a lavorare con le parti interessate in tutto il Movimento Olimpico a sostegno degli atleti che fanno sentire la loro voce."

Proteste ai Giochi Olimpici

Storicamente, l'impatto delle proteste ai Giochi Olimpici è durato generazioni. Nell'estate del 1968, le Olimpiadi di Città del Messico videro Tommie Smith e John Carlos degli Stati Uniti alzare i pugni in segno di protesta sul podio con medaglie d'oro e di bronzo al collo, rispettivamente, per i 200 metri maschili. Peter Norman, un atleta bianco che rappresenta l'Australia, è salito sul podio accanto a loro come medaglia d'argento. Sebbene Norman non abbia abbassato la testa e alzato il pugno, tutti e tre indossavano i distintivi del Progetto Olimpico per i diritti umani sulle loro giacche in segno di solidarietà. Alzare il pugno è ancora usato oggi come forma di protesta pacifica: il lanciatore di martelli USA Gwen Berry lo ha fatto ai Giochi Panamericani del 2020 a Lima, in Perù.

Gli atleti dei Giochi Olimpici di Tokyo del 2020 potranno ancora esprimere opinioni politiche nelle impostazioni dei media ufficiali e sui social media. Il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti (USOPC) ha affermato che gli atleti possono inginocchiarsi durante l'inno nazionale e alzare i pugni alle prove olimpiche. Inoltre, hanno detto che non avrebbero disciplinato gli atleti per aver protestato pacificamente ai Giochi Olimpici.

I Giochi sono attualmente programmati dal 23 luglio all'8 agosto.

Nota del redattore: BarBend è il media partner ufficiale di USA Weightlifting. Le due organizzazioni mantengono l'indipendenza editoriale se non diversamente specificato su specifici progetti di contenuto.

Immagine in primo piano: @olimpiadi su Instagram

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.