Come affrontare il sovraccarico di informazioni sul fitness (3 regole da seguire!)

853
Abner Newton
Come affrontare il sovraccarico di informazioni sul fitness (3 regole da seguire!)

Come parte del mio lavoro di allenatore, leggo costantemente di tecnica, programmazione, psicologia, dieta e tutto ciò che serve per fare di un atleta di forza e fisico di successo. Sono fortunato di avere a disposizione Internet e siti come BarBend, perché ovviamente mi semplificano molto il lavoro. Ma l'enorme disponibilità di informazioni, soprattutto dai social media, può far sembrare la formazione molto più complicata di quanto non sia in realtà.

Ecco un ottimo esempio. Recentemente, Jordan Peters ha pubblicato un video sul suo account Instagram su quanto siano sopravvalutati gli stacchi da terra. Ha detto, in sostanza, che i costi di recupero di pesanti tiri dal pavimento semplicemente non ripagano in termini di ipertrofia. Ci sono movimenti migliori per questo, come il parziale Stacco rumeno.

E poi, proprio la scorsa settimana, Jesse Burdick (@jesseburdick) ha scritto di come gli stacchi parziali siano uno dei movimenti più sopravvalutati che un atleta possa eseguire. In effetti, servono a poco più che esercitare l'ego.

Nel caso non lo sapessi, sia Peters che Burdick sono allenatori altamente competenti, molto coinvolti rispettivamente nelle comunità di bodybuilding e powerlifting e hanno lavorato con diversi atleti di enorme successo. Come possono quindi avere visioni così diverse su un movimento fondamentale come lo stacco?

Tutto dipende dal contesto.

Peters è un bodybuilder super pesante ed è enormemente forte. È in grado di spostare enormi quantità di peso nello stacco, ma per il suo obiettivo specifico, costruire una schiena più grande, non ne ha bisogno. Ha più o meno massimizzato le dimensioni delle sue fibre contrattili e può concentrarsi maggiormente su altri metodi per stimolare la crescita tramite l'ipertrofia sarcoplasmatica.    Per lui, i rischi di strappare un tendine del ginocchio con pesanti stacchi superano di gran lunga qualsiasi beneficio che possono portare. E questo è probabilmente vero per la maggior parte dei bodybuilder molto forti.

Burdick sta scrivendo specificatamente per un pubblico alla ricerca di forza. Ha visto troppi ragazzi e ragazze cadere vittime del loro ego allacciandosi, posizionando i birilli su una rastrelliera alle ginocchia e essenzialmente alzando le spalle con pesi che superavano di gran lunga quello che avrebbero mai potuto eseguire lo stacco. Dal punto di vista di Jesse, questo incoraggerà semplicemente schemi di movimento negativi e aspettative non realistiche.

Sono d'accordo con entrambi, perché tutto si riduce a trovare ciò che funziona per te. Se sei un bodybuilder avanzato che cerca di costruire una schiena più grande, la gamma completa di stacchi da terra probabilmente non sarà ciò che funziona. Se sei un powerlifter principiante che cerca di costruire uno stacco più grande, sbaglieresti ad allenarti come un bodybuilder avanzato e la gamma completa di stacchi da terra sarà quasi certamente ciò che funziona per te.

Sfortunatamente, se sei appena agli inizi, è difficile ricordare che in fondo l'allenamento per il bodybuilding e il powerlifting è molto simile. È solo una volta raggiunto un livello avanzato che sfumature come queste diventano molto importanti. Ma a causa del sovraccarico di informazioni a cui siamo sottoposti quotidianamente, diventa così facile perdere di vista la foresta a causa degli alberi e rimanere impantanati da dettagli come questi.

Qual è la soluzione migliore quando si ha a che fare con il sovraccarico di informazioni? Segui queste tre regole.

1. Trova un allenatore e fidati di lui.

Questa è la tua scommessa migliore per monitorare rapidamente i tuoi progressi, perché è molto più facile imparare da qualcuno che conosce le corde che cercare di capire tutto da solo.  Il trucco qui, ovviamente, non è trovare un allenatore, ma piuttosto trovarne uno di cui ti fidi. Credimi, non è facile. Anche come sollevatore avanzato, ho lavorato a lungo con qualcuno che continuava a guidarmi nel modo sbagliato perché parlava un buon gioco.

Dave Tate ha alcune buone regole per valutare gli allenatori, ma penso che la soluzione più semplice qui sia fidarsi del proprio istinto. Se l'allenatore con cui lavori non si sente a posto, per qualsiasi motivo, è probabile che non sia la persona giusta per te.  

E ricorda, la fiducia va in entrambe le direzioni.

Se il tuo allenatore non si fida abbastanza di te per essere onesto con te, non importa quali siano le circostanze, allora probabilmente dovresti correre (veloce) nella direzione opposta.

2. Mantieni una mente aperta.

Altrettanto importante per fidarsi del tuo allenatore è la capacità di mantenere una mente aperta. Non esiste un modo giusto per costruire una forza tremenda, né per costruire un fisico fenomenale. Ci sono solo strategie che funzionano e strategie che non funzionano.

Diventa più complicato, però, perché ciò che funziona in questo momento potrebbe non essere la stessa cosa di ciò che funziona tra tre anni. Se diventi così impostato nei tuoi modi da non essere in grado di riconoscere e rispondere con una mente aperta quando una strategia di successo in precedenza smette di funzionare, allora sei destinato al fallimento.

Questo è più facile a dirsi che a farsi, ovviamente. La mia strategia di allenamento della forza totale ha funzionato dannatamente bene per molto tempo e mi sono affezionato emotivamente ad essa. Quando finalmente ho trovato la forza per superare quelle emozioni e agire con la mia testa invece che con il cuore, Mi sono reso conto di aver raggiunto la fase in cui posso fare molti più progressi con lo stesso tipo di divisione del corpo con parti del corpo a volume più alto che ho pensato così sprezzantemente all'inizio della mia carriera!

Ovviamente, quella scissione tra fratelli non avrebbe mai funzionato per me come principiante - semplicemente non avevo la forza necessaria per usarla in modo efficace.

3. Il duro lavoro ha la meglio su tutto.

Alla fine della giornata, niente batte il duro lavoro.

Nessuna quantità di genetica, farmaci, regime di allenamento speciale o qualsiasi altra cosa può compensare la mancanza di allenamento, alimentazione e dedizione coerenti al recupero. Se non riesci a capirlo, potresti voler rivalutare il motivo per cui ti sei allenato in primo luogo.

Nota del redattore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni espresse nel presente documento e nel video sono dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.

Immagine in primo piano dalla pagina Instagram di @phdeadlift. 


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.