Come le macchine Nautilus di Arthur Jones hanno trasformato l'industria del fitness

2450
Vovich Geniusovich
Come le macchine Nautilus di Arthur Jones hanno trasformato l'industria del fitness

Vai in palestra abbastanza a lungo e ti imbatterai senza dubbio nel nome Arthur Jones. Famoso per il suo lavoro con l'allenamento ad alta intensità e le macchine Nautilus, Jones ha contribuito a un cambiamento nelle culture della palestra negli Stati Uniti e nel resto del mondo.Grazie alle idee di Jones, l'allenamento con le macchine divenne accettabile per i frequentatori di palestra, lo standard delle macchine aumentò in modo esponenziale e il bodybuilding fu presentato a grandi come Mike Mentzer e Dorian Yates. Di tanto in tanto, ti imbatterai anche nel famigerato "Colorado Experiment" di Jones per il guadagno muscolare, che descriverò più avanti.

Nel post di oggi esamineremo la vita di Arthur Jones e la sua eredità nell'Iron Game. Come scopriremo, Le macchine e le teorie dell'allenamento di Jones non solo hanno cambiato il volto del bodybuilding, ma hanno rivoluzionato il modo in cui il pubblico si allena. Non è esagerato dire che Jones è uno dei motivi per cui ci alleniamo nel modo in cui ci alleniamo oggi.

Jones è a sinistra, con Dick Butkus a destra.

Arthur Jones: l'uomo

Jones è nato in Arkansas alla fine del 1926 appena prima della Grande Depressione, che ha tragicamente trasformato il panorama americano. All'inizio della sua vita, la sua famiglia si trasferì a Seminole, Oklahoma, dove il padre di Jones gestiva uno studio medico. Lì, sua madre si è laureata in medicina, promuovendo le credenziali mediche della sua famiglia. In totale, affermò la famiglia Jones quattordici membri della professione medica, quindi può essere sembrato inevitabile che Jones diventasse un medico a pieno titolo.

Ma non l'ha fatto. Parlando con Brian D. Johnston in età avanzata, Jones non espresse alcun interesse per lo studio della medicina, o per lo studio di alcun tipo.(1) Lasciò la sua casa nella prima adolescenza e iniziò a viaggiare in Nord e Centro America, arruolandosi infine nell'esercito degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale.

Dopo la fine della guerra ha operato con una compagnia aerea non programmata, trasportando merci da diversi paesi dell'America Latina, in seguito trasferendosi importando scimmie e animali esotici dall'Africa.(2) Ciò si dimostrerebbe un interesse per tutta la vita di Jones. Col tempo, ha iniziato a produrre programmi televisivi e film, spesso incentrati sui suoi viaggi in Africa, alcuni dei quali sono apparsi sulla ABC negli anni '50.(3)

Questo, come si può intuire, non era un percorso ovvio nel settore della salute e del fitness.

Ma l'interesse di Jones per l'allenamento con i pesi risale agli anni '30, quando era ancora un adolescente. Come avrebbe commentato in seguito, all'epoca le uniche vere fonti di informazioni a sua disposizione provenivano da Bob Hoffman Rivista di forza e salute, o Peary Rader's Uomo di ferro. Frustrato dalla mancanza di innovazione riscontrata in queste riviste, Jones iniziò a progettare la propria attrezzatura.

Nel 1939 ha saldato ganci ai suoi bilancieri che gli hanno permesso di aggiungere catene a entrambe le estremità.(4) Ciò significava che avrebbe potuto variare la resistenza durante l'esercizio, una teoria che in seguito avrebbe sostenuto l'intera impresa della macchina di Jones. Durante gli anni '40, lui e un individuo di nome Percy Cunningham costruirono persino le proprie macchine per esercizi in un YMCA con sede a Tulsa prima che lo stile di vita nomade di Jones lo portasse in Africa.(5)

Dagli anni '30 alla fine degli anni '60, Jones ha continuato ad allenarsi a intervalli, spesso in modo sporadico. Ci vorrebbe un ritorno negli Stati Uniti per dedicarsi completamente alla salute e al fitness. Dall'autobiografia di Jones, intitolata ... E Dio ride, sappiamo che è tornato negli Stati Uniti negli anni '60 in un punto di miseria.(6) I suoi interessi commerciali e la sua ricchezza erano stati decimati da una serie di conflitti che imperversavano in tutta l'Africa durante questo periodo. Privo di opzioni e di fronte all'espulsione dalla sua allora residenza in Rhodesia (l'odierna Zimbabwe), Jones fuggì dal continente.(7)

Stabilitosi ancora una volta negli Stati Uniti, iniziò a sperimentare nel suo allenamento e anche nel suo equipaggiamento. Fissato sull'importanza di variare la resistenza durante un ascensore, più o meno allo stesso modo in cui le persone usano catene o fasce di resistenza oggi, Jones ha presentato la prima delle sue macchine Nautilus al pubblico americano nel 1970. Per la precisione, la prima macchina Nautilus è stata ufficialmente consegnata a un cliente il 30 novembre 1970.(8) L'era di Arthur Jones era iniziata.

La nascita dell'era delle macchine

Le macchine per l'allenamento con i pesi esistevano prima della creazione di Arthur, un punto precedentemente discusso su BarBend. Ciò che differiva da Arthur e dalla sua attrezzatura Nautilus era l'intensità dell'interesse per questi prodotti. Riflettendo in seguito sui successi di Arthur, il bodybuilder della Golden Age Bill Pearl lo ricordò,

All'inizio del regno di Nautilus, Arthur ha utilizzato le pagine editoriali della rivista Iron Man per promuovere i suoi concetti. Numero dopo numero è stato riempito con le sue opinioni sulla formazione. La rivista era così hard-core, i suoi lettori erano più che disposti a provare le teorie di Arthur, se potevano mettere le mani sulla sua attrezzatura. Le vendite delle sue unità stavano scomparendo. I potenziali acquirenti telefonavano alla mia palestra giorno e notte per confermare ciò che Arthur predicava ... (9)

Le macchine di Arthur erano uniche, questo è ovvio. Ma ciò che ha davvero spinto la popolarità delle macchine Nautilus è stato il nuovo stile di allenamento di Arthur. Adamant quello "L'esercizio totale non può essere fornito da attrezzature per esercizi convenzionali", Arthur iniziò a ideare il proprio sistema di esercizi.(10)

Nel lavoro tradizionale con bilanciere o manubri si diceva che la resistenza era solitamente in una direzione e molto spesso irregolare. Poiché i muscoli sono più forti in alcune posizioni e non in altre, significava che la resistenza di un movimento doveva variare in diversi punti dell'ascensore. Il modo più semplice in cui mi è stato mai spiegato è stato il promemoria che posso abbassare pesi molto più pesanti fino al petto di quanto posso premere su di essi. Quindi in diverse parti dell'ascensore siamo più forti o più deboli.

Bene, Arthur ha fatto un ulteriore passo avanti e ha iniziato a sperimentare nuovi modi di esercizio. Scrivendo in Sviluppo muscolare nel 1970, ha sottolineato l'importanza del duro lavoro nella costruzione dei muscoli. Intitolato 'L'allenamento ideale', L'articolo di Jones affermava che le sue nuove macchine Nautilus significavano che i muscoli potevano essere `` lavorati di più ma con meno fatica.Ciò significava che gli allenamenti Nautilus, sebbene estenuanti, avrebbero richiesto molto meno tempo per essere completati.

In effetti, l '"allenamento ideale" di Arthur è stato svolto in tre giorni con solo 2 serie per esercizio!(11) Fermati sull'importanza di questo. Jones ha affermato che la maggior parte delle routine di bodybuilding erano un lavoro eccessivo per il tirocinante con inutili set aggiuntivi. La sua rivoluzione nell'allenamento ad alta intensità era basata su questa idea che si potevano costruire muscoli e forza in una frazione del tempo.

Per il grande pubblico, Arthur ha promesso un allenamento che avrebbe costruito i muscoli, eliminato il grasso corporeo indesiderato e li avrebbe resi più forti. Soprattutto, l'allenamento potrebbe essere svolto in un lasso di tempo relativamente breve. Man mano che l'influenza di Arthur cresceva, la sua retorica pubblicitaria divenne più prolissa. Citando manubri e bilancieri come inefficienti quando si trattava di costruire muscoli, Arthur pubblicizzò le sue macchine come tutto ciò che era necessario.(12) La sua macchina per pullover Nautilus era indicata come lo squat della parte superiore del corpo mentre gli altri erano considerati superiori ai pesi liberi.(13)

Foto di Jamescisilino. Concesso in licenza con CC BY-SA 4.0

Alla base del sistema di allenamento di Arthur c'era il bisogno di intensità. Usando le sue macchine Nautilus, i tirocinanti sono stati incoraggiati a portare i loro esercizi al “punto di cedimento muscolare momentaneo."(14) In altre parole, Arthur non voleva che nessuna ripetizione rimanesse nel serbatoio. I suoi allenamenti erano brevi, intensi e, nelle parole di Arthur, efficaci.

Come ha risposto il pubblico in generale? Con grande interesse! Il suo reddito personale salì alle stelle durante questo periodo, lasciandosi alle spalle le dichiarazioni dei redditi fallite degli anni '70.(15) Entro un decennio dalla creazione dell'azienda, Forbes la rivista stimava i profitti lordi annuali di Nautilus per un totale di oltre $ 200 milioni.(16) Sebbene questa stima fosse senza dubbio troppo alta, indicava la fede che le persone avevano nelle attività di Arhtur.

Riflettendo sul successo di Arthur, il bodybuilder Randy Roach credeva che Arthur arrivasse in un punto cruciale nel settore del fitness.(17) Le macchine per l'allenamento con i pesi negli anni '50 e '60 stavano iniziando a emergere, le macchine Universal di Harold Zinkin erano solo un esempio, ma poche persone si divertivano a usarle. Spesso, le macchine venivano utilizzate alla fine di un allenamento o semplicemente sedute sul pavimento della palestra a raccogliere la polvere. Con Nautilus, tuttavia, l'allenamento con le macchine divenne di moda.

Arthur iniziò presto a franchising centri di formazione Nautilus. Le implicazioni di ciò furono enormi. A differenza di uno squat o di uno stacco da terra, che possono richiedere mesi se non anni per essere padroneggiati, le persone potrebbero utilizzare le macchine Nautilus con facilità dopo una breve introduzione. Ciò significava che sempre più persone potevano allenarsi nelle palestre di Arthur. La risposta, quindi, è stata travolgente. Le macchine ei centri fitness Nautilus non solo si diffusero negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo, ma le persone iniziarono ad allenarsi con macchine in numero molto maggiore. Per questo motivo il New York Times in seguito ha affermato che Jones ha trasformato l'industria del fitness.(18)

Shift Drive / Shutterstock

Macchine per esercizi e allenamento sportivo

In un recente libro sulla storia dell'allenamento della forza negli Stati Uniti, Terry Todd, Jan Todd e Jason Shurley hanno notato la riluttanza mostrata da parte di numerosi allenatori atletici a lasciare che i loro atleti sollevino pesi a metà del XX secolo.(19) La ragione di ciò era semplice: temevano l'atleta "muscoloso". C'erano eccezioni a questa ideologia, ovviamente, ma non dobbiamo sottovalutare la forza di questa convinzione.

Passando ad Arthur, ha contribuito ad aprire la strada nel prendere di mira esplicitamente gli atleti in una vasta gamma di sport. Dalla metà degli anni '70, Jones ha scritto una serie di articoli sull'allenamento per lo sport. In essi affermava che il sollevamento pesi era sicuro per gli atleti e che li avrebbe resi più forti, più veloci e li avrebbe protetti dagli infortuni. Molti avevano sostenuto questo punto, ma pochi l'hanno fatto con la forza e la persuasività di Arthur. Un articolo di Jones, "Migliorare la forza funzionale ... in qualsiasi sport", lo affermava

Nel mondo reale, abbiamo una situazione in cui letteralmente migliaia di allenatori e milioni di atleti stanno facendo poco o nulla per migliorare la forza ... di solito perché hanno paura di aumentare la forza; paura di ridurre la velocità di movimento ... paura di ridurre la gamma di movimento o flessibilità ... paura di limitare in qualche modo l'abilità funzionale. Tutte queste paure sono completamente prive di fondamento ... tutte queste paure si basano su false credenze che sono l'esatto opposto della verità ... (20)

Parole forti, ma alla fine Arthur aveva ragione, e il mondo dello sport lo sapeva. Nel 1975, le macchine di Jones venivano utilizzate da lottatori, squadre di football universitario, squadre della NFL e atleti famosi come Dick Butkus. Scrivendo per Sports Illustrated nel 1975, Barry McDermott lo affermò,

Il mondo dello sport è sempre alla ricerca del suo prossimo Hula-Hoop e in questo momento l'attrezzatura Nautilus sembra essere quella, la cosa più calda dell'allenamento fisico. Esistono 50 varianti, ciascuna progettata per lavorare un gruppo muscolare specifico. Le vendite sono aumentate del 200% in ciascuno degli ultimi quattro anni e gli ordini sono arretrati, anche se un'installazione di Nautilus può variare da diverse migliaia di dollari a circa $ 20.000.

Le macchine Nautilus sono utilizzate dagli atleti di pista e dai giocatori di basket. Uomini d'affari, casalinghe e sollevatori di pesi sono ugualmente innamorati dei risultati di Nautilus. I chirurghi ortopedici li acquistano per riabilitare i loro pazienti. I centri di formazione Nautilus stanno aprendo in tutto il paese. Uno a Dallas ha 50 macchine e ci sono persone fuori dalle porte alle 6 del mattino.m. in attesa di entrare.(21)

Quelle riviste come Sports Illustrated notato l'equipaggiamento di Jones e la sua influenza era significativa. Significava che il mondo dello sport non solo si accorse di Nautilus, ma lo abbracciò.

A parte la scrittura persuasiva di Arthur, Jones aveva anche studi a sostegno delle sue affermazioni. Nel 1975, ha condotto uno studio con la West Point Academy, l'accademia militare degli Stati Uniti chiamato "Project Total Conditioning."Successivamente pubblicato come studio scientifico nel Giornale atletico, le truppe addestrate usando l'equipaggiamento Nautilus vantavano forza, velocità e composizione corporea migliori di quelle addestrate con altri metodi.(22)

Molti allenatori e istruttori hanno ora iniziato a utilizzare l'attrezzatura Nautilus con i loro atleti. Uno di questi individui era il dott. Michael O'Shea, che nel 1975 ha aperto il suo Sports Training Institute a New York City. L'istituto di O'Shea ha offerto solo attrezzature Nautilus e, nel tempo, ha accolto atleti come Billie Jean King, Diana Nyad, John McEnroe, Martina Navratilova e molti altri. Secondo O'Shea,

Una volta che gli atleti hanno trovato queste macchine efficaci e facili da usare, hanno diffuso la parola. Con questi riconoscimenti, le demo e l'efficacia della macchina stessa, l'azienda alla fine è cresciuta e ha raggiunto nuovi traguardi.(23)

Questa situazione è stata replicata in tutti gli Stati Uniti dagli atleti di alto livello alle squadre di football delle scuole superiori. Migliaia di persone sono state addestrate utilizzando l'attrezzatura Nautilus. Ha aperto la porta alla forza e al condizionamento per diventare una pratica accettabile e mentre le macchine Nautilus non vengono più utilizzate, gli atleti non hanno più paura di sollevare pesi.

Macchine Nautilus e Bodybuilding

Quando si è trattato del panorama generale del fitness in America, l'eredità di Arthur vive in modi molto reali e ovvi. Nel bodybuilding le filosofie e gli approcci dell'allenamento di Arthur sono ancora praticati, anche se solo da un piccolo gruppo di allenatori dedicati.

Ciò non significa, tuttavia, che il suo impatto iniziale sullo sport sia stato minimo. Anzi, tutt'altro. Un punto che ho toccato solo finora è la filosofia di allenamento di Arthur incentrata sul cedimento muscolare momentaneo. Questo, come Arthur lo definì rapidamente all'inizio degli anni '70, era la pietra angolare della sua filosofia di allenamento ad alta intensità (HIT). Ora HIT era esattamente come sembra - intenso - ed è qui che fiorirono il genio di Arthur e le opinioni controverse.

Usando i principi HIT, i clienti di Arthur si allenavano per brevi periodi di tempo ma usando un tasso di intensità molto al di là di qualsiasi cosa trovata nelle normali palestre.

Quanto sono stati duri gli allenamenti di Jones? Ebbene, secondo la leggenda, il grande Arnold Schwarzenegger non poteva gestirli. Per coloro che potevano, come il bodybuilder Casey Viator, Arthur gli urlava costantemente, ogni insulto nel libro, affinché Casey completasse i suoi allenamenti.(24) Nei video pubblici più addomesticati, come quello qui sotto con Boyer Coe, Arthur si è rivelato distaccato e scientifico. Dietro le porte chiuse era un allenatore diverso.

Guardando il video di Coe, alcune cose diventano immediatamente evidenti.

  1. Gli allenamenti di Arthur sono basati sulla macchina per i motivi che abbiamo discusso sopra.
  2. Il suo allenamento era diverso da qualsiasi altra cosa che potresti vedere: ripetizioni brevi e metodiche spinte ancora e ancora al fallimento assoluto.
  3. A differenza di altri allenamenti di bodybuilding, Jones usava pochissimi set, a volte solo un set.

Questo non era di gradimento a tutti, incluso Coe che in seguito si espresse contro i metodi di Arthur.(25) La risposta al motivo per cui qualcuno dovrebbe allenarsi in questo modo risiede nel controverso "Colorado Experiment" di Arthur, condotto nel 1973 con Casey Viator. Viator è stato brevemente il discorso del mondo del bodybuilding quando, a 19 anni, ha vinto il Mr. Competizione in America.

Sotto la guida di Jones, Viator è entrato nella tradizione del bodybuilding. La premessa dell '"esperimento Colorado" era semplice. In condizioni di laboratorio, Jones e Viator si sono proposti di ottenere quanto segue:

  1. Per dimostrare che allenamenti molto brevi sono in grado di produrre aumenti rapidi e su larga scala della massa muscolare e della forza.
  2. Che non è richiesto nulla a parte una dieta ragionevolmente equilibrata.
  3. Che i cosiddetti "farmaci per la crescita" (noti anche come steroidi) non sono necessari.(26)

Inutile dire che l'allenamento è stato difficile. Un tipico allenamento per Casey era

  1. Leg Press 750 libbre per 20 ripetizioni
  2. Leg Extension 225 libbre per 20 ripetizioni
  3. Squat 502 libbre per 13 ripetizioni
  4. Leg Curl 175 libbre per 12 ripetizioni
  5. Calf Raise con una gamba sola con 40 libbre in una mano per 15 ripetizioni (due minuti di riposo)
  6. Pullover da 290 libbre per 11 ripetizioni
  7. Isolamento dorsale dietro il collo 200 libbre per 10 ripetizioni
  8. Row Machine 200lbs per 10 ripetizioni
  9. Lat pull-down dietro il collo 210lbs per 10 ripetizioni (due minuti di riposo)
  10. Sollevamento laterale a braccia tese con manubri 40 libbre per 9 ripetizioni
  11. Pressa per spalle dietro il collo 185 libbre per 10 ripetizioni
  12. Bicep Curl Plate Loaded 110lbs per 8 ripetizioni
  13. Peso corporeo delle trazioni per 12 ripetizioni
  14. Estensione tricipiti 125 libbre per 9 ripetizioni
  15. Parallel Dip Bodyweight per 22 ripetizioni

Gli esercizi sono stati eseguiti uno dopo l'altro sulle macchine Nautilus di Jone o sulle macchine MedX.(27) Ogni serie è stata eseguita fino al fallimento e, se non specificato sopra, non c'era riposo tra gli esercizi. Jones una volta ha scritto della sua filosofia di allenamento,

L'allenamento ad alta intensità non è facile ... gli allenamenti sono brevi, anzi devono essere brevi, ma c'è un'inclinazione apparentemente naturale da parte della maggior parte dei soggetti a trattenersi.(28)

I risultati di tale allenamento hanno scioccato il mondo del bodybuilding. Dopo 28 giorni, Jones ha affermato di aver guadagnato 15 libbre di muscoli. Viator? 63 libbre!

Ora, mentre c'erano fattori attenuanti a questi aumenti, in particolare il fatto che Viator lo fosse sostanzialmente sottopeso prima dell'esperimento a causa di una serie di infortuni, i risultati sono stati verificati da docenti universitari. Per gli scettici sulle affermazioni di Jones, Ellington Darden passa attraverso molte delle critiche mosse contro l'esperimento.(29)

Indipendentemente dalla sua accuratezza, e abbiamo motivi per essere sospettosi, i risultati di Jones, pubblicizzati in una varietà di riviste di bodybuilding, hanno segnato un cambiamento epocale nell'allenamento delle persone. Migliaia di persone sono diventate sostenitori di HIT, incluso Mike Mentzer. Mike non ha mai vinto un Mr. Titolo Olympia (anche se molti pensavano che il 1980 fosse il suo anno) ma è stato uno dei bodybuilder più popolari degli anni '70 e '80.(30) Anche quando si ritirò dallo sport negli anni '80, gestiva un'attività di formazione personale utilizzando una versione modificata dell'allenamento ad alta intensità di Jones con i propri clienti.

Le idee di Mentzer avrebbero, a loro volta, influenzato il grande Dorian Yates, la cui interpretazione degli allenamenti di Jones e Mentzers lo ha portato a diventare uno dei più dominanti Mr. Olimpia di tutti i tempi.

Parlando molto più tardi nel suo documentario, Yates ha spiegato il livello di intensità necessario per completare i suoi allenamenti: "qualcuno ha una pistola puntata alla testa del tuo bambino e premerà il grilletto a meno che tu non dia il 100%."(31) Y

ates ha continuato l'eredità di Jones di allenamenti brevi, basati sull'intensità. Oggi HIT non è più nel regno popolare, ma Jones ei suoi discepoli hanno contribuito a rivedere e sfidare gli approcci tradizionali. Molte di queste idee esistono ancora: allenarsi fino al fallimento, allenarsi con intensità, usare meno serie ma lavorare di più. In questo senso, Jones continua a vivere.

Casey Viator e Mike Mentzer

Conclusione

Ci sono pochi dubbi sull'eredità di Jones nella palestra moderna. Molti di noi fanno affidamento sulle macchine come parte del nostro allenamento, l'intensità è ancora una parola d'ordine durante l'esercizio e le persone sono ancora scettiche sui volumi di allenamento prescritti. Alcuni usano persino i tipi di allenamenti prodotti dai successori di Jones, Mike Mentzer e Dorian Yates. Il nome di Arthur è spesso sconosciuto, ma le sue innovazioni hanno contribuito a plasmare il modo in cui ci alleniamo oggi. Parlando di Jones, Mike Mentzer una volta ha affermato,

Arthur Jones non è una persona rilassante con cui stare. Non scambia parole alla leggera. Sputa fatti, a torrenti, raccolti da studi e forse più importanti, dall'applicazione pratica della teoria, osservazioni personali e deduzioni incisive. Non dialoghi con Arthur Jones: assisti alle sue lezioni. È supponente, provocatorio, intenso e schietto ... (32)

Forse era proprio questo il motivo per cui Arthur si dimostrò così popolare. Non ha tirato pugni, ha offeso le persone e, soprattutto, ha fatto un ottimo lavoro vendendo i suoi prodotti. Amarlo o odiarlo, Arthur ha lasciato il segno.

Immagine in primo piano tramite @mark_strough e @cyberpump su Instagram

Riferimenti

  1. Brian D. Johnston, "Un'intervista con Arthur Jones". http: // arthurjonesexercise.com / Extras / Interview1.PDF.
  2. Ibid.
  3. Ibid.
  4. William Zucker, 'Al passo con Arthur Jones.'
  5. Johnston, 'An Interview with Arthur Jones.'
  6. Arthur Jones, .. e Dio ride: le memorie autobiografiche di Arthur Jones (PDA Press, 2004), cap. 5.
  7. Ibid.
  8. Zucker, "Al passo con Arthur Jones.'
  9. Bill Pearl, "Arthur Jones: An Unconventional Character", Storia del gioco di ferro, 8, no. 4 (2005), 17-22.
  10. Arthur Jones, Nautillus Bulletein # 1 (Arthur Jones, 1970), 3.
  11. Arthur Jones, "L'allenamento ideale", Sviluppo muscolare, Giugno (1970).
  12. Jones, Nautillus Bulletein # 1, 2-3.
  13. Stuart McRobert, "Arthur Jones and the Upper Body Squat", Uomo di ferro, 21 ottobre (2011).
  14. Arthur Jones, 'The Relationship of Muscle Mass to Strength.'Non pubblicato.
  15. Kenneth Michael, "Nautilus Inventor Sells Firm - Arthur Jones per concentrarsi sulla ricerca sulla parte bassa della schiena", La sentinella di Orlando, 30 luglio (1986).
  16. 'Intervista con Bodybuilding Great Boyer Coe Parte 3', Stipite ghiacciato.
  17. Randy Roach, Muscle, Smoke and Mirrors, vol. II (Bloomington, 2011), 512-520.
  18. Andrew Martin, "Arthur Jones, 80 anni, inventore di macchine per esercizi, muore" Il New York Times, 30 agosto (2007). Disponibile da
  19. Jason P. Shurley, Jan Todd e Terry Todd, Strength Coaching in America: una storia dell'innovazione che ha trasformato lo sport (University of Texas Press, 2019), 51-52.
  20. Arthur Jones, "Migliorare la forza funzionale ... in qualsiasi sport".
  21. Barry McDermott, "Esercizio dopo, alligatore", Sports Illustrated, 21 aprile (1975). Disponibile da
  22. James A. Peterson, "Condizionamento totale: un caso di studio", Giornale atletico, 56, n. Settembre (1975): 40-55.
  23. Elaine Louie, "Working Out", Rivista del New York Times, 30 agosto (1981).
  24. Ellington Darden, "Old-School Muscle", T-Nation, 04 aprile (2006).
  25. 'Intervista con Bodybuilding Great Boyer Coe Parte 3.'
  26. Arthur Jones, "The Colorado Experiment", Uomo di ferro (1970).
  27. Ibid.
  28. Ibid.
  29. Darden, "Old-School Muscle".'
  30. John D. Giusto, "The Intangible Arnold: The Controversial Mr. Olympia Contest del 1980, " Storia del gioco di ferro, 11, n. 1 (2009): 4-22.
  31. 'Dorian Yates - Dentro l'ombra.'
  32. Pearl, "Arthur Jones: An Unconventional Character", 17.

Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.