Carol Mezen, vigile del fuoco e CrossFitter, parla di guadagnare fiducia, mettendo su 30 libbre di muscoli

2409
Lesley Flynn
Carol Mezen, vigile del fuoco e CrossFitter, parla di guadagnare fiducia, mettendo su 30 libbre di muscoli

Con tre concorrenti CrossFit Games in formazione al Masters Fitness Collective Championship 2020, Carol Mezen non pensava necessariamente di poter vincere la divisione femminile di 45-49 anni era realistica.

“Onestamente, non pensavo di vincere. Ho guardato la concorrenza che ho avuto. Voglio dire, speravo di salire sul podio e mi sentivo come se potessi spingere abbastanza forte per essere lì con loro, ma non ero abbastanza sicuro delle mie capacità nei diversi test che ci sono stati dati da poter rimanere coerente abbastanza per vincere ", ha detto il 46enne Mezen, che si allena al Kitsap CrossFit di Poulsbo, WA e vanta un peso di 280 libbre. back squat e 340 libbre. stacco.

Ma è esattamente quello che ha fatto Mezen.

Verso l'ultimo giorno di gara, Mezen, che ha mancato la qualificazione alla competizione CrossFit Games Masters ora annullata quest'estate per soli due posti, era al secondo posto, dietro l'atleta dei Giochi Julie Rappaport.

"Avrei dovuto batterla in entrambi gli eventi quel giorno per vincere a quel punto", ha detto Mezen. Ma quando Rappaport si è ritirato a causa di un infortunio al ginocchio, Mezen ne ha approfittato e si è ritrovata in cima al podio a fine giornata.

Sebbene Mezen rimanga umile, Rappaport ha detto questo della sua concorrente: "Carol è un'atleta solida con molta grinta e cuore. È una meritata vincitrice."

5 domande con Carol Mezen

Ora che hai questa vittoria alle spalle, sei più sicuro di poter arrivare ai CrossFit Games la prossima estate?

Mezen: Non sono sicuro. Ha confermato che ho la capacità, se riesco a trovare il tempo per dedicarmi al lavoro, quindi è una specie di atto di bilanciamento per me. Immagino sia per tutti, ma con la mia carriera può essere difficile. Ma sono più fiducioso nelle mie capacità di quanto non lo sia mai stato in termini di potenziale. Vent'anni fa, non avrei mai pensato di essere capace di tutto questo. Ero più appassionato di corsa e allora non ho fatto alcun allenamento con i pesi.

Qual'è la tua carriera?

Mezen: Sono un paramedico vigile del fuoco, quindi faccio turni di 48 ore. A volte questo significa che non puoi allenarti affatto per quelle 48 ore, ma dipende da come cadono e dal tipo di chiamate che ricevi. A volte sono davvero stanco alla fine, e altre volte posso allenarmi a turno o andare in palestra subito dopo un turno, ma la privazione del sonno influisce decisamente sull'allenamento.

Com'è stato il tuo allenamento durante il blocco COVID?

Mezen: Ho una palestra garage abbastanza ben fornita a casa, quindi ho fatto del mio meglio per allenarmi a casa il più possibile, ma ovviamente con COVID il mio lavoro è cambiato in termini di domanda per me di essere al lavoro, ma ho comunque fatto in modo di farlo fare degli allenamenti perché è una parte importante della terapia per me. Mi aiuta ad affrontare il lato mentale del lasciar andare le cose che accadono nel mio lavoro - aiuta la mia mente a liberarmi da cose come la morte e le ferite a cui sono stato testimone nella mia carriera - quindi è davvero una terapia per me.

Hai detto di essere un corridore e di 30 libbre più leggero prima di fare CrossFit. È stato difficile per te come donna avvolgere la testa intorno all'aumento di peso e forza?

Mezen: Forse un po 'all'inizio. Ma quando ho iniziato a combattere il fuoco, ero più leggero di 30 libbre e ho quasi fallito il test fisico. Mi sono reso conto all'inizio della mia prova che avevo bisogno di mettere su muscoli, quindi questo è diventato una parte molto importante della mia attenzione nel 2009. E a un certo punto ho iniziato a divertirmi a diventare più forte. È stato divertente pulire più peso, eseguire il back squat o lo stacco da terra più peso. Sono più grande, ma non credo di sembrare 30 libbre più pesante e non uso molto la bilancia. Avendo avuto un disturbo alimentare al liceo, ho dovuto imparare a non guardare o salire su una bilancia e concentrarmi solo sull'essere sano. E poi al lavoro continuano a dire: 'Qualunque cosa tu stia facendo, continua a farlo. Sei in forma fantastica.""

Cosa ti piace della competizione?

Mezen: Mi piace molto scoprire fino a che punto posso spingermi, e lo fai solo in competizione al massimo livello. E poi il cameratismo con le altre donne è un altro grande pezzo. Nella mia carriera lavoro con un gruppo di uomini, quindi una grande percentuale della mia vita è come essere uno dei ragazzi, il che va bene e mi trovo bene, ma competere è un'opportunità per stare con donne con un mentalità simile e che sono guidati in modo simile, quindi si tratta meno di confrontarci gli uni con gli altri e più di sollevarci a vicenda. È un'atmosfera davvero incredibile, e per quanto diventi ansioso e nervoso c'è qualcosa nel rendermi conto di quanto puoi fare che mi eccita. È l'unica volta che lo fai davvero. Nell'allenamento si spinge, ma la competizione sicuramente fa salire di un livello.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.