Emily Rolfe dimostra di non essere una meraviglia unica ai giochi CrossFit 2019

1788
Abner Newton
Emily Rolfe dimostra di non essere una meraviglia unica ai giochi CrossFit 2019

Quando l'evento Ruck è stato annunciato ai Reebok CrossFit Games 2019, quelli con un background di corsa e triathlon - Sam Briggs, Kristin Holte, Tia-Clair Toomey per citarne alcuni probabilmente si sono rallegrati.

A loro insaputa, così ha fatto la canadese Emily Rolfe.

“Ero tipo, 'Boom! Dolce '", ha detto il 5 piedi-7, 155 libbre. Rolfe della sua reazione interna all'annuncio di una corsa di 6 km con uno zaino che è diventato progressivamente più pesante, da 20 libbre. a 50 libbre.-mentre la corsa andava avanti.

Ventisette minuti e 9 secondi dopo, è stata la sconosciuta Rolfe, 30 anni, a salire in testa al campo femminile, vincendo l'evento ai suoi primi CrossFit Games.

Ciò che potrebbe essere ancora più impressionante della sua vittoria è il fatto che Rolfe non ha alcun background di corsa o resistenza. Ex ginnasta di livello nazionale, Rolfe ha detto: “Chi corre con un pacco? L'unica volta che corro con lo zaino è quando arrivo in ritardo al lavoro."

Immagine: fotografia di Mikey Stevenson

Rolfe, che ha concluso un impressionante 19 ° posto assoluto a Madison, arriva onestamente dalle sue abilità naturali e da quelle abilità che vanno ben oltre la semplice corsa. Sua madre era una lanciatrice di giavellotto campionessa dei Giochi del Commonwealth, qualificata per i Giochi Olimpici Estivi del 1980 boicottati. Nel frattempo, il padre di Rolfe è un ex sollevatore di pesi collegiale e lottatore. Ha insegnato a sua figlia come pulire, masturbarsi e strappare quando aveva solo 8 anni. Ha gareggiato nel sollevamento pesi per un po ', ma il suo amore per la ginnastica alla fine ha vinto.

Quando parli con Rolfe, è immediatamente ovvio che non solo è dotata fisicamente, ma ha anche una mente calma e rilassata per essere in grado di gestire la competizione stressante. In effetti, sembra quasi noncurante.

A differenza di molti atleti, che si sentivano incerti quando il quartier generale di CrossFit ha annunciato le modifiche alla stagione delle competizioni lo scorso anno, Rolfe non era preoccupato. In effetti, ha deciso di non prendersi la briga di competere negli Open l'anno scorso e ha aspettato con calma fino all'undicesima ora all'evento Sanctional di Granite Games per qualificarsi ai CrossFit Games.

Immagine: fotografia di Mikey Stevenson

"Con tutti i cambiamenti, tutto era così noto e nessuno sapeva davvero cosa stava succedendo l'anno scorso, quindi ho deciso di saltare l'Open", ha detto.

Anche se sembra calma, Rolfe ha detto che è tutta una facciata. Dentro respira fuoco.

“Sono molto competitivo. Lo prendo molto sul serio ", ha detto. Mentre lei ha un lavoro a tempo pieno in radiologia, suo marito e allenatore Kyle Rolfe scherza sul fatto che CrossFit è il vero lavoro di Rolfe.

Essendo così competitiva, Rolfe sapeva di dover lavorare sul suo gioco mentale in competizione, quindi ha assunto Brett Piperni la scorsa estate per aiutarla con la sua mentalità.

Alla domanda su come Piperni, che ha viaggiato a Madison con Rolfe, suo marito e l'altro suo allenatore Isaac Payne, l'hanno aiutata a esibirsi così come ha fatto ai Giochi, Rolfe ha risposto: "Ehm, tutto. Mi ha aiutato con tutto."

Immagine: fotografia di Mikey Stevenson

Ha aggiunto: "Brett mi ha aiutato a essere calmo esternamente, ma dentro (dentro) ho ancora quella lotta e quell'aggressività."

È stato in grado di farlo in sole cinque settimane, poiché è tutto il tempo Rolfe dopo la qualificazione ai Granite Games.

Come molti esordienti, la sua reazione iniziale è stata quella di essere entusiasta dei suoi risultati e semplicemente felice di avere l'opportunità di competere contro i migliori al mondo.

«Ma Brett mi ha fatto pensare. Era come, 'No, non vuoi essere lì solo per esserci. Vuoi fare bene e fare colpo ", ha detto.

Quindi il passo più grande per Piperni è stato quello di portare Rolfe in un posto dove si sentisse a suo agio quando arrivò a Madison, al contrario di spaventata e intimidita.

"Ho guardato queste ragazze, come i Dottir, per così tanto tempo, e ora sarei in piedi accanto a loro cercando di picchiarle", ha detto Rolfe. “(Brett) mi ha dato tutti questi spunti per superare questo problema. Li ho usati e mi sono esercitato prima dei Giochi, quindi quando sono arrivato in pista, non ero così scioccato."

Attraverso segnali mentali, dialogo interiore, visualizzazione ed esercizi di respirazione, ogni giorno Piperni ha costruito il giorno prima, ha spiegato Rolfe.

La prima parte di questo processo consisteva nell'aiutare Rolfe a diventare più consapevole dei suoi pensieri.

"In un primo momento, ho pensato che fosse un po 'di hocus pocus, ma in realtà non mi rendevo conto di quanto fossi inconsapevole delle ramificazioni negative di quella voce o di quei pensieri che entrano nella mia testa", ha detto. "Attraverso la documentazione costante dei pensieri che mi hanno attraversato la mente tutto il giorno e di come mi hanno fatto sentire, sono diventato più consapevole e in me stesso."

Con questa ritrovata consapevolezza, Rolfe è stata in grado di "uscire rapidamente da una mentalità negativa e sostituire quel pensiero con qualcos'altro che mi avrebbe aiutato", ha detto. Alla fine, questo le ha permesso di cambiare il suo stato attuale e di sostituirlo con "lo scenario di competizione perfetto" nella sua mente.

Ha aggiunto: “(Piperni) mi ha letteralmente insegnato come prendere il controllo della mia mente."

Quando Rolfe è arrivata ai Giochi, era sicura di poter competere con i migliori.

E lo ha fatto.

"Sono (stato) in grado di usare quell'energia nervosa negativa (ora) a mio vantaggio e far volare tutte quelle farfalle nella stessa direzione, per così dire. Dentro, io (ero come), 'Lo distruggerò', e all'esterno, (ero) come, 'Ciao, sono nuovo qui' ", ha detto.

Ciò è stato particolarmente evidente durante il Ruck Run.

“Nella parte finale del Ruck Run, avevo il pieno controllo della mia mentalità. Anche se fisicamente mi sentivo come se non potessi accelerare, mentalmente ero così eccitata e nella zona ero in grado di allontanarmi dal gruppo ", ha detto.

Rolfe spera che ciò che Piperni le ha insegnato la scorsa estate possa portare alla stagione CrossFit 2020, a partire dall'Open.

Il suo obiettivo: diventare l'atleta numero uno del Canada e guadagnare un posto ai suoi secondi CrossFit Games.

Ma se non lo fa, va bene anche questo, ha spiegato. Indipendentemente dal risultato durante l'Open, Rolfe prevede di partecipare a tre eventi sanzionatori nei prossimi mesi. È già stata invitata a una manciata, tra cui il Wodapalooza CrossFit Festival e il West Coast CrossFit Classic. Ha anche gli occhi puntati sui campionati di Dubai CrossFit, "ma vedremo come andrà l'Open", ha detto.

Una cosa è certa: ora che ha avuto un assaggio dei CrossFit Games, vuole di più.

"È stato piuttosto sorprendente", ha detto. "Voglio tornare indietro. 100 percento."

Immagini per gentile concessione di Mikey Stevenson photography


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.