Antonio Urso annuncia la candidatura alla presidenza dell'IWF

3170
Christopher Anthony

Lo scorso fine settimana ai Campionati Europei Juniores di Eilat, in Israele, l'italiano Antonio Urso ha dichiarato la sua candidatura alla presidenza della International Weightlifting Federation (IWF) nelle elezioni che si terranno a maggio del prossimo anno. Urso, l'attuale presidente della Federazione europea di sollevamento pesi (EWF), è il primo sfidante per la posizione attualmente ricoperta dal dott. Tamas Ajandell'Ungheria.

Nei commenti fatti mentre si rivolgeva a 33 nazioni membri al congresso EWF, Urso ha incolpato le accuse di doping e le violazioni dello scorso anno per aver lasciato lo sport del sollevamento pesi olimpico in cattiva luce.

Antonio Urso; foto dalla Federazione Europea di Sollevamento Pesi

Secondo citazioni da Inside the Games:

“Il 2016 è stato l'anno peggiore in assoluto per il nostro sport, ma non sono sorpreso. Nel 2008, 2009 e 2010, ho scritto tre editoriali sulla rivista della Federazione Europea e ho sottolineato che alcuni dei risultati non erano risultati umani, che alcune donne stavano diventando uomini, che il doping era fuori controllo. Se perdiamo il nostro posto ai Giochi Olimpici, il sollevamento pesi non sarà nulla."

Urso ha anche esposto i punti delle modifiche proposte per lo sport che intende sostenere, se eletto:

  • Le competizioni a doppia piattaforma si svolgeranno contemporaneamente. Uno per gli uomini e uno per le donne.
  • Per quanto riguarda le violazioni del doping, Urso ritiene che la cultura debba cambiare per ritenere allenatori, medici e fisioterapisti responsabili del doping degli atleti. Dice che anche gli allenatori di atleti che falliscono i test antidroga dovrebbero essere sanzionati per queste azioni.
  • Anche la formazione del coaching è una priorità per Urso. Sotto Urso, l'EWF sta attualmente lavorando per creare un'unica accademia di coaching, in cui gli allenatori otterrebbero qualifiche a tre diversi livelli: nazionale, continentale e internazionale. A questo proposito, Urso chiede che l'IWF abbia la responsabilità esclusiva della formazione del coaching, dove attualmente le federazioni nazionali istruiscono i propri allenatori.
  • Urso sostiene che i soldi pagati in sanzioni antidoping dalle Federazioni Nazionali dovrebbero andare direttamente al rafforzamento dei controlli antidoping nello stesso paese. 
  • Infine, Urso ha espresso preoccupazione per l'efficacia delle ripetizioni olimpiche del 2008 e del 2012. A suo parere, molti nuovi test falliti riguardavano "prodotti davvero, molto vecchi" come Turinabol, un ormone utilizzato nell'ex DDR (Germania dell'Est). Chiede come i prodotti risalenti agli anni '80 e precedenti non possano essere rilevati sulla base delle metodologie e delle tecnologie di test odierne.

Oltre alla sua insoddisfazione per le attuali metodologie di test antidroga dell'IWF, Urso è stato critico nei confronti di Ajan e della gestione finanziaria dell'IWF. Nel 2013, Urso è stato uno dei revisori dei conti che ha scoperto che diversi milioni di dollari di entrate olimpiche non erano contabilizzati dall'IWF. Nel 2013, il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), con il supporto della Corte di Arbitrato per lo Sport (CAS), ha rifiutato di dare seguito alle accuse.

Il presidente IWF dott. Tamas Ajan; foto da IWf

Dott. Ajan è stato in una posizione di leadership con l'IWF dal 1976. In primo luogo il suo titolo era Segretario generale e ha ricoperto il titolo di Presidente dal 2000. Nel 2017 parteciperà alla sua quarta campagna per la presidenza dell'IWF. Nel 2013, Urso ha anche fatto una campagna per la carica di presidente, dove ha perso contro il dott. Ajan.

Antonio Urso diventa il 2 ° candidato di cui attualmente siamo a conoscenza a dichiarare una nomina a carica esecutiva IWF. Il 14 ottobre di quest'anno, USA Weightlifting (USAW) ha dichiarato la nomina di Ursula Panandrea come candidata membro del consiglio esecutivo. Al Congresso IWF, tenutosi prima dei Campionati Mondiali Giovanili IWF nell'ottobre 2016, lo Statuto e Regolamento IWF sono stati modificati e approvati sia dal Comitato Esecutivo che dal Congresso. La nuova Costituzione fornirà un minimo di due posizioni esclusivamente alle donne nella leadership dell'IWF, una come vicepresidente e l'altra come membro del comitato esecutivo.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.