Uno spork in strada che entra, esce e torna dentro come con CrossFit

1253
Joseph Hudson
Uno spork in strada che entra, esce e torna dentro come con CrossFit

Dopo tre anni e mezzo di CrossFit, sono arrivato a un punto cruciale nella mia formazione.

Sì, uno spork. Non una forchetta.

Un "bivio" implica che ci sono tre o più percorsi chiari. Per quanto riguarda l'allenamento, ti chiedi: "Cosa voglio ottenere dall'allenamento? Per diventare più forte? Per competere ad alto livello? Perdere peso?Una volta che hai deciso quale strada prendere, apporti le modifiche e vai avanti. Questo è il momento in cui decidi di impegnarti in una nuova programmazione, cambiare palestra o iniziare un ciclo di squat. O forse è quando decidi di fare un passo indietro e provare qualcos'altro per un po ', come lo yoga o il trapezio o um ... una globo gym.

Gli Spork non hanno un percorso chiaro. Ci sono opzioni simili a forchette, ma non sei pronto a fare un cambiamento o saltare completamente a qualcosa di nuovo perché non hai idea di cosa vuoi veramente. Per lo più, stai solo girando su questa nave, metà dentro e metà fuori. Di tanto in tanto sei in fiamme come i bei vecchi tempi, ma la maggior parte dei giorni sei a metà di un WOD chiedendoti: "Perché sto facendo questo? Perchè io mantenere facendo questo?"  

E poi fai il burpe ancora e ancora e ancora. Non perché lo desideri o perché ti sta aiutando a raggiungere un obiettivo, ma perché sei lì, risucchia il pozzo di quella canna.

Una foto pubblicata da Brooke Siem (@brookesiem) il

Proprio come il prurito di una relazione di sette anni, Trovo che dopo circa tre anni, molti atleti di tutti i giorni si ritrovano bloccati nel loro stesso ritmo di fitness. Passano il primo anno a capire tutto e a godersi le PR settimanali. Il secondo anno viene speso gareggiando nelle competizioni locali e vedendo miglioramenti sui movimenti che erano troppo avanzati per il primo anno. Entro il terzo anno, si tratta di mettere insieme due anni di duro lavoro, perché ora che stanno mettendo insieme i muscoli e pedalando con i pesi massimi, gli allenamenti sono un'esperienza completamente nuova.

E poi, un giorno, hanno raggiunto il loro apice. Almeno, hanno raggiunto l'apice di dove sono in grado di ottenere data la quantità di tempo che dedicano all'addestramento. Tutto va in stallo. Gli allenamenti iniziano a sembrare gli stessi, i numeri non si muovono, i tempi non scendono. Non è un vero altopiano, perché un altopiano implica che le cose si rianimeranno se lo superi o ti alleni di più. Come atleta che si allena per un'ora dopo il lavoro, allenarsi di più non è un'opzione. Lo spork è arrivato.

E adesso cosa?

Un anno dopo aver gareggiato alle Regionali 2015, è qui che mi trovo. Sono tornato ad essere un normale membro di una palestra che prende lezioni regolari e non insiste a rimanere per un'ora in più per fare lavori accessori.

Il mio primo anno, CrossFit mi ha fornito tutto ciò che mi mancava: un obiettivo per cui lavorare, un'ora al giorno che mi ha dato una pausa dalla mia mente, amici. Il secondo anno, ho capito che potevo essere competitivo e ho lavorato duramente per formare una squadra regionale. Il terzo anno, nelle settimane dopo le Regionali, mi stavo godendo i frutti del mio lavoro allenandomi con chiunque fosse in giro e facendo quello che stavano facendo. È stato divertente perché potevo effettivamente fare tutti i movimenti e stare al passo con loro. È stato stupido perché non stavo seguendo un programma o non venivo istruito. Mi sono infortunato.  

Mi sono preso otto mesi di pausa dal CrossFit e ho passato una parte significativa di quel tempo irrazionalmente arrabbiato o geloso di coloro che erano in grado di essere in palestra. Di tanto in tanto venivo per un WOD di movimento rigoroso o alcuni allenamenti in stile bodybuilding, ma in generale mi riposavo e trascorrevo molto tempo in terapia fisica. Ho cercato di tornare alle mie radici di balletto, ho fatto un po 'di yoga e ho fatto molte lunghe passeggiate, ma soprattutto Ero incazzato che questa cosa che mi ha portato così tanta gioia potesse anche portarmi così tanta rabbia e frustrazione.

Mi sono sforzato di abituarmi all'idea che forse non sarei mai più stato in grado di fare CrossFit. Nella migliore delle ipotesi, ho pensato che sarei stato in grado di tornare nelle classi regolari qua e là, ma non sarei mai stato competitivo. Avevo raggiunto il mio obiettivo di gareggiare nelle Regionali e avevo bisogno di arrivare a un punto in cui fosse sufficiente.

È stato abbastanza. È abbastanza.

Una foto pubblicata da Brooke Siem (@brookesiem) il

Alla fine, dopo un sacco di terapia fisica e mentale (riportare il cervello nello spazio giusto è un aspetto enorme del recupero da un infortunio), sono tornato in palestra.

Il mio secondo allenamento alla schiena era di 16 anni.1, e anche se sapevo che il mio punteggio non sarebbe stato eccezionale, è stato solo a metà dell'allenamento che mi sono reso conto che qualcosa di più grande era cambiato: non mi importava più. Ero felice di poter fare fisicamente l'allenamento, ma oltre a ciò, tutta la scintilla che avevo una volta era sparita.

A quel tempo, pensavo che il bisogno interno di muovermi più velocemente sarebbe tornato una volta che avessi riavuto i polmoni. Cinque mesi dopo, i miei polmoni erano tornati ma quella spinta non è mai tornata. Ero andato a pieno regime, tanto che quella che una volta era stata un'ora di pausa per il mio cervello ora è il momento in cui mi sento più vulnerabile. Ogni emozione riguardante le mie attuali situazioni di vita viene inondata solo perché non riesco più a pedalare 125 libbre in modo pulito e sussulto.

E poi mi giudico per essere così piagnucoloso. Succhialo, cervello.

So di non essere l'unico ad aver sperimentato questo cambiamento. Ho avuto conversazioni con atleti di tutti i livelli, da quelli di cui hai sentito parlare alle persone normali che entrano nei box prima o dopo il lavoro. Anche questo fenomeno non è limitato ai CrossFitters. Ho sentito queste stesse parole uscire dalla bocca di maratoneti, triatleti, atleti olimpici e spinner duri a morire. Diciamo tutti la stessa cosa: qualcosa è cambiato, ma non riesco a capirlo e non so cosa fare al riguardo. La parte più interessante di queste conversazioni, però, è che nessuna di queste persone ha effettivamente smesso. Continuiamo tutti perché fa parte di ciò che siamo.

Una foto pubblicata da Brooke Siem (@brookesiem) il

In questo momento, qualcuno là fuori è pronto a scrivere qualche commento passivo aggressivo su come ci sono problemi più grandi nel mondo e smettere di lamentarsi e blah blah barf. Ovviamente questa non è una crisi mondiale, ma ciò non significa che non abbia importanza. Nessuno si impegna in qualcosa per anni e poi non si chiede cosa significhi quando le cose cambiano.  

Il che mi riporta allo spork sulla strada. A questo punto, CrossFit è in circolazione abbastanza a lungo che una buona maggioranza delle persone è fuori dalla fase della luna di miele. La maggior parte sta attivamente cercando di capire come il fitness funzionale si inserisce nella loro vita nel suo insieme, senza che definisca la loro intera vita. Forse questo significa imparare a lavorare entro i tuoi limiti. Forse le tue spalle di 40 anni non sono più in grado di sopportare i muscle-up, quindi hai accettato che da ora in poi si tratta di pull-up rigorosi. O forse significa lasciar andare la competizione quotidiana e capire che ogni giorno in palestra ti permette di vivere una vita migliore fuori dalla palestra.

Per me, ho capito che CrossFit mi dà l'opportunità di esplorare qualcosa che ho sempre voluto fare: insegnare. Con quell'unica decisione di investire (finalmente) tempo e denaro nel mio Livello 1, ho notato che la mia eccitazione e motivazione hanno iniziato a tornare. Ci sono poche possibilità che sarò mai forte o veloce come una volta, ma a quanto pare, non è proprio questo il punto.

Il fitness è una relazione a lungo termine che si adatta nel tempo. Alla fine inveccheremo tutti fuori dalla nostra attuale mentalità e capacità. Quindi, prendi il tuo spork ed esploralo, abbraccialo, impara a capirlo. Nessun cambiamento avviene senza perdite, ma niente di eccezionale è mai venuto da qualcosa che è rimasto lo stesso.

Nota dell'editore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni qui espresse sono gli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.