7 Sintomi fisiologici del superamento degli atleti di forza e potenza

1390
Oliver Chandler
7 Sintomi fisiologici del superamento degli atleti di forza e potenza

Comprendere il ragionamento alla base di un inizio lento di una sessione di allenamento, miglioramenti rallentati e / o diminuiti nell'allenamento o una generale stantia nella propria forma fisica a volte può essere un processo sfuggente. Man mano che diventiamo più forti, ci muoviamo più velocemente e aumentiamo le esigenze fisiologiche del nostro corpo, aumenta la necessità di un approccio sistematico al recupero e alla rigenerazione ottimali.

Oggi, ci sono una miriade di incredibili programmi di forza e potenza ampiamente disponibili per gli atleti di varie abilità, che incorporano tutti i deload che consentono agli atleti di recuperare e progredire durante i cicli di allenamento.

Un video pubblicato da Mike Dewar (@mikejdewar) su


A volte, tuttavia, il corpo ha altri piani e, come allenatore e / o atleta, è necessario comprendere i sintomi fisiologici alla base del superamento in modo da poter stare al passo con la debolezza cronica, la mancanza di prestazioni e gli infortuni.

Capire la differenza tra il superamento del limite e il superamento del limite. Sovrallenamento

Il superamento è un periodo acuto (a breve termine) in cui un aumento dello stress metabolico viene esercitato sul corpo durante alcune fasi dell'allenamento. Molti allenatori programmano con la consapevolezza che i loro atleti entreranno e dovrebbero entrare in questa fase. Quando un atleta entra in questa fase di superamento, il volume di allenamento viene spesso ridotto in modo sostanziale per un breve periodo di tempo per consentire la rigenerazione e il recupero, che è un processo chiamato supercompensazione. Questo approccio ciclico all'allenamento è stato alla base della moderna programmazione della forza e del condizionamento in molti sport.

Il sovrallenamento è uno stato di superamento cronico. Un atleta può entrare in questa fase quando vengono ignorati i sintomi di un eccesso di portata. Spesso, ciò deriva dalla mancanza dei sintomi fisiologici di base che sono presenti durante i periodi di esagerazione. Il sovrallenamento, contrariamente a quanto si crede, spesso si verifica più con i sollevatori avanzati rispetto ai principianti, principalmente a causa dei sollevatori più avanzati che mettono i maggiori stress metabolici sul loro corpo, rendendo il recupero un fattore determinante per il successo continuo.

Nonostante la comprensione dei seguenti sintomi di superamento, atleti e allenatori possono monitorare e modificare la programmazione per garantire un successo continuo e prestazioni migliorate nel tempo.

Frequenza cardiaca e pressione sanguigna alterate

Poiché lo stress sistemico viene posto sul corpo durante un allenamento intenso, il recupero diventa cruciale. Durante i periodi di scarso recupero, è presente una maggiore attività simpatica (aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione sanguigna, aumento delle catecolamine e del cortisolo a riposo), che aggiungono ulteriore stress al corpo. Sebbene le variazioni della frequenza cardiaca possano verificarsi in qualsiasi momento, se osservate con altri sintomi, frequenze cardiache alterate a determinati carichi di lavoro possono suggerire un aumento dello stress simpatico (sistemi circolatorio, cardiaco e neuromuscolare), indicando un potenziale superamento.

Cattivi schemi di sonno

I disturbi del sonno profondo possono derivare da numerosi fattori. Tuttavia, in presenza di altri sintomi, è stato dimostrato che cattive abitudini di sonno indicano un aumento dello stress fisiologico, livelli ormonali alterati (aumento delle catecolamine e cortisolo) e squilibri dell'umore.

Diminuzione delle prestazioni

Un video pubblicato da Steve Shaw (@bendthebarman) su


La diminuzione della frequenza cardiaca massima, la diminuzione della capacità lavorativa, l'aumento dei livelli di sforzo percepito e le variabili alterate del lattato nel sangue contribuiscono tutti a una riduzione delle prestazioni durante un periodo di superamento. Riconoscendo questi sintomi in corso, gli atleti e gli allenatori possono modificare il carico, il volume di allenamento e i cicli di riposo per ripristinare e consentire il verificarsi della supercompensazione.

Squilibri dell'umore

L'aumento dello stress è stato correlato a maggiore ansia, depressione, mancanza di motivazione, insonnia e irritabilità. Monitorare il proprio stato d'animo mentale durante i periodi di duro allenamento consentirà agli atleti di correlare altri sintomi per determinare se stanno entrando in acque torbide. Lo stress aggiuntivo esterno che i sollevatori di stress possono attribuire a se stessi quando cercano di raggiungere un determinato obiettivo di prestazioni possono aumentare ulteriormente la frustrazione, gli squilibri dell'umore e lo stress. È importante che gli allenatori e gli atleti comprendano il ruolo che il cortisolo e gli squilibri dell'umore possono avere sulla salute fisiologica e psicologica durante i cicli di allenamento intensi.

Diminuzione dell'immunità

L'aumento dello stress dovuto a una maggiore attività simpatica può causare danni al sistema immunitario. È stato dimostrato che la disgregazione delle proteine ​​e l'aumento del cortisolo indeboliscono il sistema immunitario, lasciando i sollevatori suscettibili alla malattia, equiparando la perdita di giorni di allenamento e ulteriore stress sul corpo.

Più suscettibile alle lesioni

Stanchezza sistemica, frustrazione e debolezza articolare / muscolare possono portare a potenziali lesioni durante i periodi di scarso recupero.

Sovrallenamento

Come discusso in precedenza, quando il superamento acuto è prolungato, possono essere rivelati sintomi cronici, indicanti un sovrallenamento, che spesso si traduce in effetti dannosi intensificati e tempi di recupero più lunghi.

E adesso?

Come allenatori e atleti, dobbiamo tutti ascoltare il nostro corpo. La programmazione non è uguale ed esistono varie variabili all'interno della nostra matrice di allenamento e recupero. Monitorare attentamente le fluttuazioni quotidiane, i modelli di sonno, lo stato nutrizionale, il peso corporeo, i progressi a lungo termine e i fattori di stress dello stile di vita (lavoro, famiglia, ecc.) È importante per personalizzare completamente i programmi di allenamento per ogni atleta.

Immagine in primo piano: @mikejdewar su Instagram


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.