5 passaggi per diventare un grande allenatore di powerlifting

903
Vovich Geniusovich
5 passaggi per diventare un grande allenatore di powerlifting

Quando ero giovane e pensavo alla mia carriera, come tanti, sognavo di essere un poliziotto, un medico, un avvocato o un pilota. Il coaching non era qualcosa che mi veniva in mente. In effetti, quando ero più giovane, non ero affatto molto atletico. Tuttavia, la vita ha finito per fare quello che sa fare meglio, e mi ha lanciato palle curve, e mi sono adattato, superato e mi sono trovato in una posizione migliore. Ho trovato conforto nell'intraprendere una carriera come allenatore di powerlifting e alla fine anche come proprietario di una palestra.

Con l'aumento della popolarità degli sport con bilanciere, stiamo anche iniziando a osservare un aumento delle "carriere" con bilanciere. A differenza di altri sport, non ci sono passaggi ben definiti su come diventare un allenatore di powerlifting. Negli sport consolidati, il percorso di solito è abbastanza chiaro. Userò il calcio come esempio.

Se vuoi diventare un capo allenatore di football di una scuola superiore, in genere inizi giocando a un certo livello. Sei appassionato, quindi ti piacerebbe perseguire il coaching. Ottieni una laurea, quindi le credenziali di insegnamento. Trovi una scuola che sta cercando assistenti allenatori e fai domanda. Se tutto va bene vieni assunto e inizi a insegnare in classe e ad assumere una posizione di coaching. Se fai bene, potresti essere promosso a un ruolo di allenatore migliore, come un coordinatore offensivo o difensivo. Quindi, se fai bene in quel ruolo, potresti essere assunto in una scuola che ha bisogno di un nuovo allenatore, e ora stai vivendo il tuo sogno.

sportpoint / Shutterstock

Ora ovviamente, non stai leggendo questo articolo perché vuoi allenare il calcio. Tuttavia, hai capito, con la maggior parte degli sport il percorso è relativamente chiaro con una sorta di protocollo standard. Nel powerlifting, tuttavia, non esiste uno standard o una vera barriera all'ingresso. Non è necessaria alcuna certificazione o laurea, tecnicamente. E non ci sono marker necessari per iniziare ad allenare il powerlifting.

Quindi, senza percorso, quali passi dovresti fare per iniziare ad allenare il powerlifting?

Passaggio 1: essere un powerlifter

Proprio come qualsiasi sport, se vuoi essere un allenatore, dovresti fare lo sport. Dovresti essere un powerlifter e, si spera, relativamente bravo. Dovresti fare una manciata di incontri e sentirti abbastanza sicuro delle tue capacità di sollevatore.

Ad un certo punto dovresti persino competere a livello nazionale o internazionale, il che ti darà una prospettiva in seguito. Queste cose rafforzeranno un giorno l'attrattiva per le tue capacità di coaching e possono davvero fare molto.

Passaggio 2: istruiti

Ciò non significa necessariamente un'istruzione formale, comunque si possa desiderare. Avere una laurea di solito richiede una sorta di rispetto, ma in questo settore non è sicuramente la fine. In effetti, ho incontrato molti allenatori incredibili che non hanno conseguito la laurea, o l'hanno fatta ma non erano in veste di scienza dello sport. Se hai o stai perseguendo una laurea, allora più potere per te. Tuttavia, l'istruzione dovrebbe estendersi molto oltre la classe.

Con la tecnologia a portata di mano, questo significa leggere articoli, libri e guardare i video di YouTube di altri coach affermati che potresti guardare è più facile che mai. Inoltre, partecipa ai seminari e impara dagli altri che l'hanno già fatto e dalle persone che desideri emulare. Potresti anche voler esaminare diversi corsi di certificazione in cui ritieni di voler imparare, ma ancora una volta questo non è richiesto.

Raccomando i seguenti libri,

  • Principi scientifici dell'allenamento della forza (Dr. Mike Israetel, dott. James Hoffman, Chad Wesley Smith)
  • The Powerlifting Program Design Manual (Chad Wesley Smith)

Raccomando i seguenti allenatori da cui imparare,

  • Chad Wesley Smith
  • Max Aita
  • Greg Nuckols
  • Alberto Nunez
  • Dott. Mike Israetel
  • Dott. Eric Helms

Passaggio 3: fatti guidare da un mentore

I migliori allenatori che ho incontrato nella mia carriera hanno lavorato con e per alcuni grandi allenatori. Se vuoi allenare il powerlifting, dovresti probabilmente avere anche un allenatore. Questo ti permetterà di imparare da qualcuno che ha più esperienza ed è probabilmente più intelligente. Come cliente acquisisci prospettiva, e dovrebbe avere ampie opportunità di porre domande e imparare. Quando sei allenato da diversi allenatori nel tempo, sei in grado di sviluppare il tuo stile di coaching e le tue filosofie in base alle tue conoscenze, preferenze e antipatie personali.

Oltre ad essere istruito, dovresti contattare altri allenatori che rispetti per le opportunità di tirocinio. Ci sono molti coach o società di coaching là fuori che vorrebbero aiutarti a diventare un coach. Questo ti permette di imparare in prima persona cosa serve per essere un allenatore di powerlifting di successo.

Non esiste un periodo di tempo chiaro che sia necessario per essere mentore per diventare un grande allenatore di powerlifting. Direi che dovresti imparare sotto qualcuno fino a quando non senti un forte senso di fiducia, in modo che con la conoscenza e l'esperienza che hai acquisito, puoi quindi aiutare qualcuno a raggiungere i suoi obiettivi di powerlifting. In un campo in crescita come il nostro, sostenuto dalla scienza e dalla ricerca, non si può davvero mai sapere troppo. Quindi non aver paura di cavalcare questo.

Passaggio 4: allenare gratuitamente

Prima di fare coaching a pagamento, dovresti allenare gratuitamente. Costruire una piccola base di clienti senza addebitare per il coaching ti consente di "testare" le tue filosofie di programmazione e ottenere un'esperienza di coaching di prima mano. Ciò ti consentirà anche di generare più esperienza e di mettere a punto il tuo processo in cui fai le cose prima di iniziare a far pagare i tuoi servizi.

Prima di fare coaching a pagamento, dovresti allenare gratuitamente.

Gli atleti non vorranno assumerti a pagamento se non hai clienti o esperienza di coaching reale. Lo faranno, però, se è gratuito e comunichi con loro che stai perseguendo il coaching come carriera e vuoi lavorare con loro per migliorare. Una volta che inizi a fornire risultati ai tuoi clienti "gratuiti", avrai un argomento per addebitare nuovi clienti e alla fine puoi iniziare ad addebitare i tuoi clienti attuali.

Prima di pagare per la programmazione ho fatto quanto segue gratuitamente,

  • Ha scritto programmi di sollevamento al liceo per persone che me lo chiedevano.
  • Ho insegnato uno dei miei coinquilini al suo primo incontro di powerlifting al college.
  • Ho iniziato a dare consigli di coaching quando richiesto alle persone nella mia palestra e a scrivere programmi per alcuni di loro.

Passaggio 5: addebita il costo del coaching

Questo è un passo difficile e potresti ancora lottare con la sensazione di "valere" essere pagato per l'allenatore. So che è così che mi sono sentito quando ho iniziato a caricare. Non aver paura di iniziare in piccolo e crescere. Scegli una tariffa competitiva, ma abbastanza allettante da consentire ai potenziali clienti di assumerti con entusiasmo. Costruisci la tua base di clienti e continua a fornire risultati.

Abbi fiducia nelle tue capacità e continua a prenderti del tempo per imparare e crescere.

Sono ancora grande amico del mio primo cliente in assoluto che mi ha pagato. Rifletto spesso sulla conversione e penso a come le cose sarebbero potute andare diversamente se non avessi mai raccolto la fiducia necessaria per chiedere. Non consiglio di provare a "vendere" i tuoi servizi a persone che non me lo chiedono, ma ho stretto amicizia con questo atleta e l'ho aiutato con la sua tecnica in palestra. Un giorno, mi stava facendo una domanda sulla programmazione e ho deciso di provarci. Ho detto che volevo allenarlo e scrivere la sua programmazione. Mi ha chiesto quanto, e ho detto che sarebbe stato di $ 50 al mese.

Conosciuto per la mia panca, ha risposto dicendo che avrebbe fatto $ 30 per l'allenamento e la programmazione della panca. Ho risposto che prenderò $ 30 per programmare e istruire tutti e tre i suoi ascensori. È così che è iniziato tutto. Dopo un mese, mi ha pagato l'intero $ 50 perché sentiva che stavo facendo un lavoro troppo buono per essere pagato solo $ 30. Il suo pagamento mi ha dato la sicurezza di cui avevo bisogno per iniziare a commercializzare i miei servizi ad altri frequentatori di palestra.

Alla fine ho iniziato a creare un piccolo gruppo, che uno dei miei mentori all'epoca, Chad Wesley Smith, considerava "i barbari di Bartell". Mi presentavo in palestra cinque giorni alla settimana e allenavo tutti di persona ogni giorno per $ 50 al mese in un contesto di gruppo. Se fai i conti, guadagnavo meno del minimo per un bel po 'di tempo. Alla fine, dopo aver creato fino a 10 clienti, ho deciso che era ora di aumentare le mie tariffe a $ 75. Le persone hanno continuato a iscriversi e alla fine ho aumentato le mie tariffe a $ 100.

Non c'era alcuna struttura nella mia decisione di aumentare le mie tariffe, Ti esorto a seguire il tuo istinto e trovare il punto in cui puoi davvero iniziare a far pagare quanto vali. Valevo sicuramente più di $ 100, ma non avevo ancora acquisito la fiducia necessaria per chiederlo. Ora, il coaching di persona è una cosa, ma il coaching online è sicuramente dove le cose stanno andando.

Il mio primo cliente online è stato qualcuno a cui ho inviato messaggi direttamente su Instagram chiedendomi se avesse un allenatore. Era un giovane atleta emergente e ha risposto di no. Ho offerto di nuovo i miei servizi di coaching per $ 50 al mese e lui mi ha accettato. Da lì, ho iniziato il coaching online e la pubblicità un po 'di più sui social media e le cose hanno iniziato a decollare. Ancora una volta, O ha trovato la fiducia necessaria per aumentare le mie tariffe a $ 75, poi $ 100 e l'ho lasciato a $ 100 per circa due anni.

Se vuoi diventare un allenatore di powerlifting di successo, ti consiglio di allenarti prima di persona.

Se vuoi diventare un allenatore di powerlifting di successo, ti consiglio di allenarti prima di persona. Questo mi ha permesso di diventare davvero un tecnico e di costruire la tecnica dell'atleta da zero. Mi ha anche permesso di interagire e comunicare al volo secondo necessità. Quando un cliente online ti fa una domanda, puoi dedicare il tuo tempo a raccogliere una risposta ben informata. Quando qualcuno di persona ti fa una domanda, devi essere in grado di raccogliere i tuoi pensieri e rispondere al momento. Questo mi ha insegnato la capacità di difendere le mie conoscenze e diventare molto fiducioso nel poter argomentare il "perché" dietro le mie filosofie.

Richiede tempo

Sappi che ci vorrà un bel po 'di tempo prima che il coaching diventi il ​​tuo lavoro a tempo pieno. ioDipenderà dal tuo stile di vita, ma molto probabilmente il coaching sarà un lavoro secondario per un bel po 'di tempo. Mi ci sono voluti tre anni prima che il coaching dei miei clienti diventasse la mia unica fonte di guadagno. Fino a quel momento lavoravo alla reception della palestra, facevo le valigie e spedivo per un'azienda di abbigliamento di powerlifting, facevo il lavoro amministrativo per un altro allenatore e andavo a scuola a tempo pieno.

Se ami questo sport, però, lo farai accadere.

Proprio come essere un capo allenatore di football di una scuola superiore, il tuo percorso per diventare un allenatore di powerlifting può variare. Puoi saltare alcuni di questi passaggi o non eseguirli affatto. Quello che ti dirò, però, è che se segui questi passaggi hai molte più possibilità di avere successo. Se l'allenamento di powerlifting è un trambusto secondario per te, così sia. Se vuoi fare del powerlifting coaching la tua carriera ed essere bravo, allora ora sai cosa fare.

Seguire questi cinque passaggi ti consentirà di acquisire la conoscenza, la prospettiva e l'esperienza necessarie per essere un grande allenatore di powerlifting. Anche senza standard o procedure, è importante per tutti noi coach mantenere uno standard elevato. Dobbiamo tutti prendere sul serio il nostro lavoro e fare del nostro meglio per fornire risultati tangibili ai nostri clienti, lasciando allo stesso tempo un impatto positivo sulle loro vite in un modo o nell'altro.

Nota del redattore: questo articolo è un editoriale. Le opinioni espresse nel presente documento e nel video sono dell'autore e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Reclami, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall'autore.

Immagine in primo piano dalla pagina Instagram di @bartellbarbell. 


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.