4 variazioni selvagge sugli allenamenti CrossFit benchmark

3408
Joseph Hudson
4 variazioni selvagge sugli allenamenti CrossFit benchmark

Conosciamo tutti la nostra quota di allenamenti benchmark CrossFit. Che si tratti di una delle ragazze, di un Hero WOD o di una delle idee selvagge di Dave Castro che si è fatta strada nella mitologia CrossFit (14.5, chiunque?), questi allenamenti esistono per vedere fino a che punto sei disposto ad andare nella caverna del dolore. E poi, per qualche motivo su cui ancora non riesco a pensare, spesso scegliamo di sottoporci a questa trafila più di una volta solo per vedere se siamo più in forma.  

Non lo capisco. Lo faccio, ma non lo capisco. Il mio processo di pensiero è ulteriormente complicato quando vedo variazioni di alcuni di questi allenamenti di riferimento e penso tra me: "Sì, dovresti assolutamente completare Murph dopo essere saltato da un aereo. Perché non lo farei fai Murph dopo essere saltato da un aereo?"Al che l'unica risposta del mio cervello è:" Perché non hai un aereo, Brooke. Ma se ne ottieni uno, salta fuori e fai un sacco di pull-up."

Una foto pubblicata da CrossFit (@crossfit) il

Fino a quando non prenderò quell'aereo, dovrò vivere le mie più grandi fantasie di esercizio attraverso le buffonate degli altri. Fortunatamente, Internet è lì per aiutarti. Per esempio…

Paracadutismo Murph

La variazione del benchmark che ha dato inizio a tutto. Allison Brager sembra una bella ragazza. Ama CrossFit e ha anche un dottorato in neuroscienze, il che significa che le piacciono l'adrenalina e la dopamina. Chiaramente, non fa nulla al 50%, quindi la soluzione logica era aumentare la sua adrenalina e dopamina il più in alto possibile saltare da un aereo e poi eseguire Murph. Brager, insieme a Ro Asgari di LYNX Barbell, ha costruito un impianto mobile e ha collaborato con Skydive Atlanta per far funzionare tutto. Il risultato è uno degli allenamenti più epici di cui abbiamo mai sentito parlare.

Una foto pubblicata da Allison Brager (@beastlyvaulter) il

Bambù 14.5

Passando dal più epico al più umile, non possiamo dimenticare il sincero 14.5 sforzi di Kie Drea. Durante il CrossFit Open 2014, Drea si è ritrovato nel piccolo villaggio di Trashigang, in Bhutan. Invece di rinunciare all'allenamento (il che sarebbe stato perfettamente ragionevole), Drea ha modellato un "bilanciere" in bambù e ha usato sacchi pieni di rocce per compensare il peso della scala discendente del propulsore / burpee da 95 libbre. Giudicato e acclamato da alcuni locali, il tentativo di Kie è stato interrotto non a causa delle capacità atletiche, ma perché è appena diventato buio. Due anni dopo, Drea apparentemente si è riscattato con successo dopo aver completato 16.5 sull'erba, con dotazioni notevolmente aggiornate. 

Burpee Mile

Ci sono allenamenti che ispirano, e poi ci sono quelli che mettono semplicemente in dubbio la sanità mentale degli atleti. Il Burpee Mile rientra in quest'ultima categoria. Un "burpee" è senza dubbio il punto di riferimento definitivo per il fitness: quasi tutti possono farne uno, ma per farlo con efficienza, velocità e per un lungo periodo di tempo richiede forza e forza mentale. Il concetto del Burpee Mile si spiega da sé: Fai un salto in lungo con il burpee per un miglio, il che significa che probabilmente starai facendo il burpee per circa due ore. Sembra terribile come sembra, ma la semplicità del movimento significa che chiunque può tentare il Burpee Mile. Se lo fai, abbiamo solo un consiglio: indossa le ginocchiere.

4 su 1

Già nel 2013, in quella che potrebbe essere la "variazione" più elegante e semplice di un allenamento di riferimento, Dan Bailey ha completato King Kong, Fran, Diane e Grace schiena contro schiena. Non solo, lo ha fatto contro quattro nuovi atleti. HQ ha combinato i quattro allenamenti in un mega allenamento e ha assegnato ogni benchmark a uno dei loro atleti (inclusa una Brooke Ence dall'aspetto molto diverso). Dan, d'altra parte, è andato dritto.

Bailey ha completato King Kong in 2:43, Fran in 3:27, Diane in 6:38 e Grace in 3:26. Alla fine, è stato "battuto" dalla squadra di atleti che sono stati in grado di finire il mega allenamento davanti a Bailey di 1:47, ma ciò non toglie la sua prestazione ridicola. Chiunque abbia fatto uno di questi WOD di riferimento sa come ti fanno sentire e pensare a qualcuno che sta spingendo attraverso quel dolore è impossibile da comprendere. Quest'anno potrebbe passare come un Bailey vorrebbe dimenticare, ma la sua esibizione 4 contro 1 vivrà per sempre nel folklore del fitness.


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.