4 lezioni apprese dagli errori degli atleti dei giochi CrossFit

3381
Milo Logan
4 lezioni apprese dagli errori degli atleti dei giochi CrossFit

La maggior parte di noi non arriverà mai ai CrossFit Games ... tranne forse come spettatori. Mentre tutti possiamo relazionarci al dolore di Fran o capire cosa vuol dire colpire un enorme PR nell'Open, competere al più alto livello di questo sport è una pentola a pressione fisica e mentale che non può essere replicata.

Quando gli atleti sono così stressati, si verificano degli errori. Sfortunatamente per gli atleti, non possono tornare indietro e annullare una scoreggia cerebrale avvenuta nel bel mezzo di un WOD. Fortunatamente per noi, possiamo imparare dai loro errori in modo da ottenere il massimo dalla competizione e dall'allenamento.

Una foto pubblicata da Brent Fikowski (@fikowski) il

1. Corri, non fare jogging, fino al traguardo.

Che si tratti di una corsa letterale verso il traguardo o semplicemente di superare le ultime ripetizioni di un allenamento, finire forte è ancora più importante che iniziare forte. Quelle ultime ripetizioni o secondi potrebbero fare la differenza tra qualificarsi per le regionali, salire sul podio in una competizione locale o anche solo battere quel ragazzo davvero fastidioso in palestra. Nel caso di Brent Fikowski, lo era un altro la corsa del concorrente al traguardo che (una specie di) gli è costata un posto sul podio ai Giochi del 2016.

Durante l'allenamento finale, la corsa per la medaglia di bronzo è stata tra Fikowski e Patrick Vellner. Sebbene Fikowski abbia battuto nettamente Vellner nell'evento, aveva ancora bisogno di un piccolo aiuto da Vellner e Björgvin Karl Guðmundsson per salire sul podio. Vellner ha messo la marcia in alto ed è scattato fino al traguardo. Guðmundsson fece jogging e si piazzò subito dietro Vellner.

Se Guðmundsson fosse scattato e avesse battuto Vellner, Fikowski avrebbe superato Vellner con abbastanza punti da superare di poco il terzo posto. Ovviamente, tutto questo era fuori dal controllo di Fikowski, ma serve solo a dimostrare che ciò che un atleta fa negli ultimi momenti può fare un'enorme differenza nel risultato complessivo.

Una foto pubblicata da The CrossFit Games (@crossfitgames) su

2. Comunica con i tuoi arbitri.

Il giudizio può essere una delle parti più frustranti di una competizione. E giudicare gli stili e gli standard comportano una quantità sempre più piccola ma presente di soggettività. Oltre a esagerare con il movimento, non c'è molto che un atleta possa fare riguardo agli standard. Ad un certo punto, anche tu non avrai ripetizioni. Detto questo, comunicando con il tuo giudice prima l'inizio dell'evento può fare la differenza.

Come se le tue ripetizioni contassero ad alta voce? Dillo al tuo giudice. Non riesco a sentire le tue ripetizioni? Dillo al tuo giudice. Gamma di movimento limitata? Mostra il tuo giudice. Confuso su uno standard? Chiedi al tuo giudice di chiarire. Durante il WOD 4 della competizione Masters dei Giochi del 2016, l'atleta Mathew Wiebke si è trovato confuso quando il suo giudice non contava le dita dei piedi per escludere le ripetizioni ad alta voce. Non c'era niente che potesse fare in quel momento, e Wiebke ha stimato che la confusione potrebbe essergli costata qualche secondo. Lo sprint WOD è durato solo circa 2 minuti, quindi quei pochi secondi persi lo hanno fatto precipitare in classifica.

Una foto pubblicata da Mathew Fraser (@mathewfras) il

3. Mescola l'attrezzatura e l'ambiente.

Anche se CrossFit è incentrato sulla varianza costante, siamo creature abitudinarie e useremo spesso la stessa attrezzatura durante l'allenamento. Ognuno ha il proprio bilanciere preferito che gira perfettamente, o la sua stazione di potenziamento muscolare preferita con gli anelli perfettamente grossolani. Il problema è che in gara tutto è straniero. Ti ritroverai con un bilanciere nuovo di zecca che ti strappa le mani e gira come un matto e anelli che sono pazzi scivolosi.

Non c'è modo di replicare totalmente gli scenari della competizione, ma puoi aiutare te stesso costringendoti a mescolare le tue attrezzature durante l'allenamento. Anche piccoli cambiamenti fanno una grande differenza. Prova ad abbassare o aumentare l'altezza degli anelli, allenandoti con condizioni meteorologiche diverse o in un momento diverso della giornata. Anche affrontare una direzione opposta quando si solleva può aiutarti ad abituarti a comportarti bene in ambienti diversi.

Mat Fraser ha attribuito il suo successo nel 2016 in parte al continuo mescolare le sue abitudini di allenamento. Anche se la maggior parte di noi non ha il lusso della vita che ruota intorno all'allenamento, ciò non significa che non possiamo succhiarlo ogni tanto e andare a una lezione delle 6:00 invece che a una lezione delle 18:00. Farà schifo? Assolutamente ... ma il tuo corpo ti ringrazierà quando farai una gara mattutina e sai come si sente il tuo corpo a quell'ora.

Una foto pubblicata da Kara Webb 🐨🇦🇺 (@ karawebb1) il

4. Idratare con cura.

Questa è stata una dura lezione da imparare per tutti nella comunità. Abbiamo visto tutti gli atleti demoliti dal caldo durante Murph ai CrossFit Games 2015. Quell'immagine di Kara Webb che zigzaga fino al traguardo non ti esce mai dalla testa.

Anche se la situazione di Murph del 2015 è stata una tempesta perfetta di fattori ambientali e fisici, ci ha insegnato molto alle persone normali sull'idratazione nella stagione calda. Sappiamo che HQ ha fatto del suo meglio per educare gli atleti dei Giochi sui pericoli della disidratazione, del colpo di calore e dell'eccessiva idratazione, ma gli atleti di tutti i giorni potrebbero non avere la stessa conoscenza della gamma di rischi quando si allenano in condizioni climatiche molto calde.

La cosa più importante che abbiamo imparato è che bere un po 'd'acqua in più prima di allenarti in condizioni di caldo estremo non farà molto per proteggerti. Non solo gli atleti dovrebbero utilizzare le stazioni di idratazione durante l'evento (anche se si aggiungono pochi secondi al tempo di arrivo) è necessaria una corretta idratazione per alcuni giorni prima anche il grande evento.

Gli esseri umani possono sudare da tre a quattro pinte di liquidi all'ora quando si allenano in condizioni di caldo estremo, quindi non pensare di essere esente dalle strategie di idratazione solo perché non stai facendo Murph a mezzogiorno in piena estate. Se all'improvviso ti ritrovi ad allenarti in un clima caldo in una palestra senza aria condizionata, assicurati di prestare attenzione all'idratazione e studia l'impatto di troppo così come poca acqua.

Immagine in primo piano: Mathew Fraser (@mathewfras)


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.