2020 CrossFit Games Rookies Guide Grandi nomi, nuovi arrivati ​​e atleti da tenere d'occhio

4469
Yurka Myrka
2020 CrossFit Games Rookies Guide Grandi nomi, nuovi arrivati ​​e atleti da tenere d'occhio

Mentre tutti guardano i CrossFit Games di quest'anno con occhi nuovi dopo diversi mesi di incertezza, le qualificazioni del primo anno del 2020 sanno ancora meno su cosa aspettarsi. Almeno per la prima fase, tutti gareggiano sul terreno di casa, il campo di gioco è livellato con una competizione online. Conosci i debuttanti delle gare individuali femminili e maschili dei CrossFit Games 2020.

Esordienti maschili di CrossFit Games 2020

Tyler Christophel (USA)

Tyler Christophel è passato da un background nel baseball a CrossFit nel 2016 e ha trovato il suo ritmo abbastanza rapidamente. È entrato a far parte del Team 417 da Ozark, Mo. ai CrossFit Games nei prossimi due anni, finendo quinto nel 2018. Christophel si è avventurato nella competizione individuale nel 2019 con un 36 ° posto finale negli Open mondiali - rispettabile, ma non abbastanza per assicurarsi un posto a Madison. Il 30enne è balzato al 9 ° posto in tutto il mondo negli Open del 2020 dopo aver assunto l'allenatore Mike Catris del programma Athlete che, a suo dire, ha aiutato con la sua mentalità e fiducia. Vedremo se entrambi andranno avanti sul grande palco.

Scott Tetlow (USA)

Scott Tetlow, autodefinito "ragazzo medio", dall'Illinois, si è qualificato per i Giochi quest'anno dopo tre anni di tentativi, passando dal 200 ° posto nel mondo nel 2019 al 17 ° nel 2020. Tetlow bilancia la sua formazione autogestita con due lavori a tempo pieno: uno con l'esercito americano e l'altro come padre di un figlio di quattro anni. Sarà il primo a dirti che il CrossFit non è il suo lavoro, ma un "hobby appassionato" che si allena tre volte al giorno. E che andrà ai Giochi per vincere.

Roman Khrennikov (Federazione Russa)

Se non è il debuttante più conosciuto del gruppo maschile, il russo Roman Khrennikov è sicuramente il più decorato. Ha vinto decisamente il campionato europeo nel 2018, ha perforato il suo biglietto per i CrossFit Games 2019 con un quinto posto al Dubai CrossFit Championship e ha vinto il CrossFit Italian Showdown. Tuttavia, a causa dei problemi di visto negli ultimi due anni, Khrennikov deve ancora competere ai CrossFit Games. Grazie alla prima fase di gara online, il 25enne avrà finalmente la possibilità di mettersi alla prova ai vertici del suo sport.

Pete Shaw (Canada)

Anche se questo potrebbe essere il suo primo anno di qualificazione per i Giochi, Pete Shaw è ben radicato nel mondo CrossFit. Il nativo dell'Ontario è co-proprietario di CrossFit NCR insieme all'ex concorrente dei Giochi Paul Tremblay ed è un membro dello staff del seminario CrossFit HQ. Ha anche fatto tre apparizioni in Regionali dal 2015. Si è guadagnato la strada per i Giochi del 2020 in Argentina ottenendo i massimi riconoscimenti alla SouthFit CrossFit Challenge, deciso da un'entusiasmante vittoria dell'evento finale.

Luke Schafer (USA)

Luke Schafer non è estraneo ai Giochi. Il 27enne dell'Iowa ha gareggiato nel 2015 e nel 2019 nella competizione a squadre, ma non era entrato nella competizione individuale fino a quest'anno. Schafer ha vinto l'offerta ai Giochi del Mayhem Classic dove ha concluso un ottimo secondo dopo Chandler Smith che aveva precedentemente accettato il suo stesso invito. Bilancia la formazione CrossFit con la scuola di medicina, il che limita il suo tempo e le sue energie disponibili. Cercalo per prosperare negli eventi di "lavoro grugnito" come un ruck o un chipper.

Justin Medeiros (USA)

Justin Medeiros ha fatto girare la testa in Irlanda lo scorso novembre, battendo i veterani Sean Sweeney, Will Moorad, Adrian Mundwiler e Tim Paulson per prendere il Filthy 150. Nonostante abbia solo 21 anni, Medeiros vanta un curriculum CrossFit impressionante: ha iniziato a soli 13 anni, ha gareggiato alla sua prima delle due competizioni regionali a 18 anni e si è piazzato 68 ° in tutto il mondo agli Open lo scorso anno. Guarda per questa giovane pistola per scuotere le cose quest'anno. Lo riconoscerai dalla tipica acconciatura di triglia.

David Shorunke (Regno Unito)

Dopo un rispettabile finale di Regionali nel 2014 e un'esperienza di squadra ai Giochi, David Shorunke ha perforato il suo biglietto individuale lo scorso anno in modo dolce. Shorunke si è classificato terzo al CrossFit Strength in Depth sanctional nel 2019 ed è tornato a gennaio 2020 per vincere l'evento - nella sua città natale di Londra. L'inglese ora vive in Svezia e si allena al CrossFit Kungsholmen / Vici Athletics dove vedrai il 30enne competere nella parte online dei Giochi.

Griffin Roelle (USA)

La carriera atletica di Griffin Roelle ha una solida base nel calcio. Il nativo della Georgia è stato classificato come il ricevitore delle scuole superiori numero uno nello stato e ha frequentato due combina NFL nel 2014. Dopo che il calcio non ha funzionato, Roelle è passata al CrossFit e non ha mai guardato indietro. Ha gareggiato ai CrossFit Games 2018 con il Team Dwala, piazzandosi 34 °. Si è qualificato vincendo il campionato norvegese CrossFit 2020 a febbraio. Ora vedremo cosa può portare sul grande palcoscenico il 28enne auto-soprannominato "CrossFit Thor".

Jay Crouch (Australia)

L'Australian CrossFit Championship è stato uno degli ultimi eventi sanzionatori che si sono verificati poco prima della chiusura di COVID-19 e il nativo Jay Crouch ha colto l'opportunità per catturare l'invito ai Giochi. Crouch ha battuto il veterano dei Giochi e compagno australiano James Newbury per la vittoria. Il 21enne ha già gareggiato ai Giochi come parte del team Reebok CrossFit Frankston, ma quest'anno è uscito da solo. Crouch è un elettricista di giorno e si allena a casa la sera, poiché la sua palestra è ancora chiusa a causa di COVID-19. Le sue aspettative per i Giochi del 2020?
"Non ho aspettative", dice Crouch. “Mi godrò ogni allenamento così com'è e il mio risultato è quello che è."

Adam Davidson (Canada)

Se c'è un "ragazzo di ritorno" di questo roster rookie, è Adam Davidson. Il nativo della Columbia Britannica ha perso un invito ai CrossFit Games 2016 quando non è stato ripetuto durante una scalata di corda ai Regionals, eliminandolo dalla qualificazione ai Giochi. Gli infortuni hanno afflitto i suoi due anni successivi, coronati da una rottura dell'ACL nel 2018. Davidson è tornato in pista in Cina, conquistando il terzo posto alla Pandaland CrossFit Challenge. Alla fine ha raggiunto l'oro in tutto il mondo a marzo, al campionato brasiliano CrossFit, punzonando il suo sudato biglietto per i Giochi CrossFit 2020.

2020 CrossFit Games Women Rookies

Kristine Best (USA)

Dopo cinque anni di apparizioni regionali, Kristine Best si è finalmente trovata in un posto per le qualificazioni ai Giochi nel 2019 attraverso il CrossFit Open. E poche settimane dopo, ha avuto il vento a bocca aperta: il suo video per 19.1 mostrava una profondità di squat inadeguata. La penalità che ha ricevuto l'ha eliminata dalla qualificazione ai CrossFit Games 2019. Piuttosto che scoraggiarsi, Best ha scelto di vederla come un'opportunità per migliorare la sua libertà di movimento e, quindi, la sua capacità di atleta. Si è qualificato al meglio tramite gli Open per i Giochi di quest'anno e il 30enne spera in allenamenti "più leggeri e veloci".

Kendall Vincelette (USA)

Autodidatta e automotivata, Kendall Vincelette è una delle infermiere registrate più in forma che incontrerai. La 26enne si è qualificata facilmente per i CrossFit Games 2020 grazie al suo 15 ° posto nell'Open dopo le precedenti apparizioni Regionali nel 2015 e nel 2017. Oltre a lavorare sulla forza fisica, la nativa del Minnesota ha ammesso di aver affinato il suo gioco mentale in preparazione del più grande evento di CrossFit. "Ero abituato a crollare nel mezzo degli allenamenti, ma ora posso davvero trovare quel posto buio e una volta lì mi sento come se potessi superare qualsiasi cosa", ha detto Vincelette.

Harriet Roberts (Nuova Zelanda)

Harriet Roberts ha dominato la Pandaland CrossFit Challenge a dicembre 2019, vincendo quattro eventi su cinque contro veterani come Alison Scudds. Il Kiwi vanta sette anni di apparizioni regionali, cinque dei quali individuali. È salita sul palco dei CrossFit Games con le squadre sia nel 2015 che nel 2019, ma la 28enne è pronta per andare da sola quest'anno. La residente in Australia avrà probabilmente una squadra di tifo che parteciperà ai Giochi, mentre allena gli studenti delle scuole superiori in CrossFit durante il giorno.

Andrea Solberg (Norvegia)

Norweigan Andrea Solberg bilancia l'allenamento CrossFit con la scuola di medicina dopo aver perforato il suo biglietto per i CrossFit Games 2020. Ha gareggiato spalla a spalla con le famose Sara Sigmundsdottir e Kristen Holte, classificandosi al quarto posto, ma ricevendo l'invito in quanto coloro che erano arrivati ​​in testa si erano precedentemente qualificati attraverso l'Open. Il 24enne sta gestendo gli allenamenti da solo a causa della chiusura della palestra, ma mantiene una prospettiva positiva per i Giochi. “È una montagna russa di emozioni, non solo per l'allenamento e la competizione, ma per tutti gli aspetti della vita. (Sto) cercando di trarre il meglio dalla situazione, accettare i giorni brutti e apprezzare i giorni buoni. (Sto) anche imparando molto su me stesso durante questo periodo."Solberg ha detto.

Sanna Venäläinen (Finlandia)

Sanna Venalainen ha conquistato per poco l'invito dei Norwegian CrossFit Games ai CrossFIt Games 2020 dopo un finale da mangiarsi le unghie. Venalainen aveva già gareggiato alle Regionali europee nel 2018, classificandosi 17 ° in una regione difficile. Il 29enne aveva già gareggiato nel CrossFit French Throwdown nel 2019, classificandosi 23 °.

Andrea Nisler (USA)

Veterano dei giochi ma debuttante individuale, Andrea Nisler è salito sul podio dei CrossFIt Games 2018 con il team CrossFit OC3. Dopo quattro anni di gare a squadre ai Giochi, Nisler si è qualificato 15 ° al mondo all'Open 2020, partecipando originariamente solo perché il Dubai CrossFit Championship lo utilizzava come qualificazione. Una concorrente di squadra autodefinita, Nisler ha deciso di andare avanti come concorrente individuale dopo che le modifiche ai Giochi hanno ostacolato la capacità della sua squadra di competere.

Laura Clifton (Nuova Zelanda)

Relativamente sconosciuta, Laura Clifton, originaria della Nuova Zelanda, è entrata nella scena delle competizioni CrossFit nel 2019 con un sesto posto al campionato australiano CrossFit. Si è classificata terza nel 2020, mandandola ai Giochi, poiché la prima classificata Kara Saunders si era qualificata in precedenza e Mia Hesketh ha rifiutato di competere in una squadra. Clifton può spostare carichi pesanti e può spostarli rapidamente, quindi cerca la 26enne per mettersi sotto alcuni bilancieri ai Giochi di quest'anno.

Immagine in primo piano: @kendallvincelette su Instagram, foto di @chriscoquyt


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.