10 lezioni apprese da un allenatore di forza del college

4319
Michael Shaw
10 lezioni apprese da un allenatore di forza del college

Quando si parla di forza e condizionamento a livello di scuola superiore, collegiale e professionale, c'è sempre un obiettivo costante in mente; migliorare gli atleti nel modo migliore, più sicuro e più veloce possibile. Una delle parti più difficili del diventare un professionista della forza e del condizionamento a questi livelli è sviluppare il tuo stile di allenamento e la tua voce. Nella maggior parte dei casi, l'unico modo per farlo è attraverso l'esperienza e le lezioni apprese lungo il percorso.

Per aiutare a fornire una guida, ho contattato un giovane professionista della forza che ha lavorato con college e team di livello professionale. John Larson è un M.S. Candidato, specialista certificato in forza e condizionamento (CSCS) e allenatore sportivo USAW.

Immagine dalla pagina Instagram di @newyork_citystrong 

Larson ha frequentato Hofstra per finire il suo M.S. in Sports Sceince mentre lavorava come allenatore interno volontario a West Point. Dopo l'esercito, Larson è andato all'Università dell'Alabama per lavorare come assistente allenatore laureato volontario e finire il suo Master. Dopo l'Alabama, Larson è stato assunto come assistente di Sports Performance Coach per The St. Louis Cardinals. Larson lasciò i Cardinals e lavorò come direttore delle prestazioni sportive del Manhattan College per un anno. Attualmente, Larson sta lavorando come Strength Coach per LIU Brooklyn Blackbirds.

Eliminare idee sbagliate

Jake Boly: Prima di immergerti nelle lezioni che hai imparato come coach; Ho una domanda veloce sugli allenatori di forza del college. Ti senti come se gli allenatori di forza a livello universitario fossero un po 'guardati dall'alto in basso nel settore della forza??

John Larson: Posso certamente vederlo. Penso che ci possano essere alcune ragioni per questo e una di queste ha a che fare con il vincolo di tempo. Noi (allenatori universitari) abbiamo solo una quantità limitata di minuti in una settimana per allenare e allenare effettivamente i movimenti da un punto di vista orientato alla squadra, quindi qualsiasi tipo di attenzione individuale a squilibri, debolezze e asimmetrie a volte può essere trascurato. In secondo luogo, soprattutto nel football universitario, da quello che ho notato, molti programmi portano giocatori di football o ex giocatori nel loro staff. Anche se questa non è sempre una brutta cosa, se qualcuno non è adeguatamente addestrato per allenare atleti di questo livello, può esserci un divario di apprendimento, specialmente con un aumento degli infortuni futuri per mancanza di fondamentali.

Boly: Tutto questo ha perfettamente senso, ora tuffiamoci dentro; quali sono le 10 lezioni che hai imparato finora nella tua carriera di formazione?

1. Mostra che ci tieni

Larson: A nessun atleta importa quanto sai, fino a quando non sanno quanto ci tieni. Un allenatore della forza è diverso da un allenatore sportivo, conoscere i tuoi atleti a livello personale e professionale aiuta a tirare fuori il meglio. La fiducia che infondono in te ti aiuterà a ottenere risultati positivi.

2. Meno è meglio

Larson: C'è solo così tanto tempo durante la giornata che passi con i tuoi atleti. Concentrarsi sullo sviluppo dei fondamenti e dei modelli di movimento di qualità per fornire il miglior risultato ed evitare lesioni a lungo termine.

3. Crea un perché

Larson: Chiunque può sottoporre i bambini a un allenamento, ma sappi perché stai facendo ogni aspetto. Quando puoi dimostrare il trasferimento dal tuo allenamento e dai loro sport, questo crea un effetto sinergico nello sforzo che danno.

4. La comunicazione è fondamentale

Larson: La comunicazione in palestra è la chiave per prestazioni ottimali. Hai bisogno di una comunicazione senza interruzioni tra il capo allenatore, gli atleti e i preparatori atletici, così facendo otterrai i migliori risultati.

5. Raggiungi e segui i migliori

Larson: È importante che tu faccia costantemente ricerche e diventi esperto nelle tue pratiche. Guarda e impara dai migliori del settore e crea il tuo tocco personale. Ad esempio, alcuni professionisti che seguo sono, Senior International Coach Marc Vasnov per il sollevamento pesi, Scott Cochran per la cultura della palestra e Richard James per la tecnologia sprint. Non smettere mai di imparare, l'autocompiacimento è mancanza di cure.

6. Crea la cultura che desideri

Larson: È essenziale costruire una cultura che voglia entrare, rafforzarsi a vicenda e raggiungere nuovi livelli. Molti allenatori non si rendono conto di essere non solo l'allenatore, ma anche il capopalestra. Se entri e mostri che spingersi a vicenda è bello e divertente, allora quella cultura si trasferirà nell'etica del lavoro del tuo atleta.

Immagine dalla pagina Instagram di @newyork_citystrong 

7. Pratica ciò che predichi

Larson: Non c'è da vergognarsi nell'ammettere quando non sei perfetto o esperto in qualcosa, va bene. Tuttavia, non inserire in un programma qualcosa di cui sei traballante. Questo non solo può far perdere un po 'di fiducia agli atleti, ma metterti in una brutta posizione. Se vuoi usare qualcosa, impara e diventa prima un esperto!

8. Il sollevamento pesi alle Olimpiadi è un modello di movimento di abilità / tecnica

Larson: Quando applicabile, cercare di evitare di programmare a casaccio i movimenti olimpici. È necessario comprendere appieno i modelli di movimento prima di insegnarli. Cerca la guida di veri allenatori di sollevamento pesi e impara ogni aspetto del sollevamento. Un jumping jack esplosivo mentre urla, "salta e scrolla le spalle", non è il modo in cui il sollevamento pesi olimpico dovrebbe essere usato o sollecitato.

9. Prenditi cura di te

Larson: Questo lavoro ti spingerà mentalmente e fisicamente. Lavoriamo lunghe giornate, siamo sottopagati e spesso non abbiamo una vita sociale senza lavoro, ma lo facciamo per amore, non per soldi. Tuttavia, è importante che tu ti prenda cura di te stesso. Quando sei fuori dal gioco o sei stressato, questo può essere trasferito ai tuoi atleti. Sappi quando dire quando e fai un bilancio personale di te stesso.

10. Non sono i tuoi atleti

Larson: Questa è una delle lezioni più importanti che ho imparato finora. Siamo un allegato allo staff dell'head coaching. Ogni informazione fornita dagli allenatori, insieme ai preparatori atletici, dovrebbe essere pienamente riconosciuta e presa in considerazione per il tuo allenamento. Sei un ponte, non una fine, tutto è tutto.

Immagine in primo piano dalla pagina Instagram di @newyork_citystrong


Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.